Stoner – John Williams #recensione #stoner #johnwilliams

stoner

Così Stoner cominciò da dove aveva iniziato, e l’uomo alto, magro e ricurvo che ormai era diventato si sedette in cattedra nella stessa aula dove il ragazzo alto, magro e ricurvo che era stato sedeva dietro a un banco, ascoltando le parole che l’avrebbero condotto fin lì. Ogni volta che entrava in quell’aula non poteva impedirsi di guardare il posto che aveva occupato, e ogni volta si stupiva un po’ di non trovarsi lì.

E’ abbastanza facile capire perchè Stoner di John Williams venne ignorato nel 1965, mentre ha avuto successo con la ristampa del 2003. Nel 1965 la letteratura era ancora intesa come arte di raccontare grandi storie, grandi personaggi o perlomeno grandi sentimenti di uomini piccoli. Stoner era invece descritto fin dalle prime righe del libro come un uomo piccolo senza grandi sentimenti e storie. Poi però leggi la storia di un grigio professore universitario con grigio matrimonio e scopri che visto con i nostri occhi da anni 2000, Stoner è un eroe, che incastonato in una società che gli impedisce di poter essere e dire quello che vuole, riesce comunque a prendersi le sue soddisfazioni e l’amore di cui aveva bisogno, seppur per breve tempo. Lui stesso si considera uno sconfitto, ma solo perché non sa che 50 anni dopo quello sarà uno dei modi di vincere. In qualche modo lo stesso Williams dà più volte nel libro la sensazione di non avere ben compreso la statura per nulla minuscola del suo personaggio. Mi sono innamorato anche io di Stoner e della sua storia e di un libro piacevole da leggere, quasi mai pesante e avvincente pur raccontando quasi nulla, se non la vita grigia di un uomo medio con anche una giusta dose di ironia. Un personaggio che non poteva certo piacere in epoca rock and roll, ma che invece diventa eroe in era indie-folk potrei dire 🙂 8,5 pieno

Nicola Gervasini

Annunci

2 pensieri su “Stoner – John Williams #recensione #stoner #johnwilliams

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...