Saul Bellow – Il re della pioggia #SaulBellow

«Questo mio romanzo, Il re della pioggia, è stato capito da pochi nella sua essenza, che è comica. Troppi americani credono che la serietà li dispensi dall’esercizio dell’intelligenza, e forse il gusto della satira, della commedia, si va perdendo anche in Europa.»

bellow

Ma poi viene il giorno, viene sempre il giorno delle lacrime e della pazzia.

Non è mai facile addentrarsi in un’opera di Saul Bellow: due anni fa lessi Herzog, una meravigliosa gran fatica, ora ho provato Il Re Della Pioggia. Libro molto complesso, il re della pioggia racconta la storia del miliardario americano Eugene Henderson. Un omone enorme, rude, passionale, impulsivo, pieno di vita, insopportabile. Henderson possiede tutto ciò che gli esseri umani vogliono: ha avuto due mogli, ha diversi figli, è ricco, ha una posizione sociale invidiabile. Si è dilettato a studiare, ha lavorato, ha viaggiato, ha fondato un’azienda. Nonostante una vita ricca – da tutti i punti di vista – Henderson si sente inappagato, insoddisfatto, incapace di godersi quanto ottenuto. E’ un personaggio simile a Herzog, ebreo avanti con l’età, stanco di mille esperienze e con voglia di resuscitare da matrimoni falliti e l’impossibilità di avere rapporti umani sereni e normali. Questa volta però nessuna invettiva rancorosa come in Herzog, ma un bel viaggio in Africa per ritrovare il senso della vita, per fare in tempo a rovinare una intera tribù e diventare il re di un’altra. Nel mezzo i dubbi, le domande, la ricerca di una verità di un personaggio antipatico e scomodo e se vogliamo anche infantile nonostante i 60 anni. Herzog era più perfetto e maestoso, qui ogni tanto ci si perde, ma il lato avventuroso del libro forse lo rende più facile da leggere. Henderson ride e si dispera per imparare ad amare se stesso, camaleontico e trasformista, caparbio e comico, ribalta tutta la sua vita per inseguire la voce che gli grida dentro “voglio, voglio, voglio”. La penna di Bellow non si discute, con quel misto di intelligenza e ironia yiddish, scrittura minuziosa, a volte ossessiva nei particolari, prolissa persino a tratti, complessa e simbolica.

Nicola Gervasini

Non c’è tempo nella felicità. In cielo hanno buttato via tutti gli orologi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...