Aspettando Bojangles – Olivier Bourdeaut #OlivierBourdeaut

aspettando-bojangles

Ispirato dall’immagine del Signor Coniglio che invita a ballare abbandonandosi alla follia perchè la saggezza non dà la felicità, ho letto “Aspettando Bojangles” di Olivier Bourdeaut, che sembra scritto appositamente per promuovere questa filosofia. Si tratta di una storia raccontata in prima persona da un bambino, il figlio di una stravagante coppia formata dal padre George  che non chiama mai la  madre con lo stesso nome, abitudine che alla madre non dispiace affatto, poiché tutte le mattine, in cucina, tiene lo sguardo fisso e allegro sul padre, col naso dentro la tazza di latte oppure col mento tra le mani, in attesa del verdetto; e poi, felice, si volta verso lo specchio salutando la nuova Renée, o la nuova Joséphine, o la nuova Marylou… E’ come a segnalare la necessità di rinnovare ogni giorno il mistero della scoperta dell’altro diverso e sempre nuovo che dovrebbe abitare dentro di noi e che ciascuno di noi contiene in misura variabile. O che senza la pazzia perseguita come scelta di vita questa nostra diversità nascosta tendiamo a reprimerla e a rimuoverla. Ma la realtà, però, è a volte molto banale e triste, così scioccamente triste che occorre più di una prodigiosa arte del mentire per continuare a gioire del mondo. La storia sarebbe molto triste perchè alla fine la pazzia diventa anche tragica, ed è difficile da sostenere per sempre, ma l’autore sparge sui suoi personaggi strampalati i colori che rallegrano la vita, al suono della canzone di Nina Simone (Mister Bojangles) che dà il titolo al libro e che invita la coppia formata da George e dalla moglie a ballare sempre attraversando le cose tristi della vita. E’ un romanzo di 140 snelle pagine fatte di personaggi e situazioni fuori da ogni convenzione. E così la storia triste diventa una favola lieve e positiva, di quella levità che in altri libri ti farebbe parlare quasi di inconsistenza del racconto e dei personaggi, ma che qui sembra proprio un necessario elogio della follia di cui tutti abbiamo un po’ bisogno in questi tempi così cupi e deprimenti. E allora sotto con Bojanglas, ballando e ballando fino ad inebriarci con il tanto o il poco che la vita ci riserva.

Renato Graziano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.