Medea – Euripide #Medea

…Ma non vale per me e per voi lo stesso discorso. Voi avete qui patria, casa, amici…io sono sola, senza patria, offesa dal marito che mi portò via da una terra straniera come una preda…non ho madre, non ho fratelli o parenti come riparo da questa sventura. A voi chiedo: troverò il modo di far pagare a lui la giusta pena del male che mi ha fatto? Voi tacete: la donna è spesso piena di paura, inadatta alla lotta, e rabbrividisce alla vista di un’arma. Ma quando sia offesa nell’amore coniugale, non c’è altro cuore più del suo assetato di sangue.”

medea(MEDEA, P. DELACROIX)

Per il nr.17 della Sfida, Un libro scritto in una lingua morta, ho deciso di rileggermi un testo che mi ha accompagnato nei miei giovanili anni ruggenti, Medea di Euripide.

Medea è uno dei personaggi più celebri e controversi della mitologia greca: nelle sue vene scorre il sangue della maga Circe, ed è figlia del Re Eete, che custodiva presso la sua corte il Vello D’Oro. Quando Giasone con gli Argonauti si presenta alla ricerca del Vello, Medea si innamora perdutamente del giovane eroe, al punto di arrivare a tradire e uccidere il proprio fratello pur di aiutare l’amato nell’impresa. I due amanti fuggono, Medea lasciandosi alle spalle famiglia, trono e status sociale di figlia di Re, e dopo varie peripezie (e ammazzamenti diffusi) arrivano infine a Corinto, dove si sposeranno.

La Medea di Euripide si apre dieci anni dopo queste vicende: il Re di Corinto vuole dare in moglie a Giasone la propria figlia minore. L’eroe, che pure è sposato con Medea e ha avuto due figli da lei, visto che questo matrimonio gli consentirebbe la successione al trono decide di accettare l’offerta, ripudiando la prima moglie.

Medea non è donna con cui scherzare, Medea è donna-eroina, e per la prima volta in questo testo di Euripide la protagonista femminile cessa di essere un personaggio che vive nella luce e nella prospettiva dell’eroe maschile. La sua ira è terribile, le sue passioni devastanti, il suo animo indomabile, e il poeta sceglie di rappresentare il dramma della donna tradita in tutta la sua grandezza, senza timore di dover raggiungere il fondo più misero dell’abiezione umana. Il Re di Corinto, sospettando una possibile vendetta, intima alla donna di lasciare la città, ma nascondendo con abilità i propri veri sentimenti, Medea ottiene il permesso di restare ancora un giorno, che le servirà per attuare il proprio terribile piano. Accetta un colloquio con Giasone, che involontariamente con le sue parole che giustificano banali ragioni di convenienza si gioca la sua ultima possibilità: per stessa ammissione del marito, Medea non è colpevole in alcun modo di questo suo voltafaccia, ma è comunque tenuta dalle convenzioni sociali ad accettare benevolmente l’abbandono assoggettandosi al volere di un uomo.

Ma Medea, orgogliosa ed eroica erede della stirpe del Sole, inflessibilmente decide che solo la pura vendetta potrà lavare l’onta recata dal marito; figlia di Re, non accetta il disonore del ripudio, l’ingiustizia dell’esilio. Scatena quindi le sue arti magiche e il suo furore contro la rivale, alla quale invia una veste intrisa di veleno che la ucciderà tra orribili sofferenze, una scena tremenda che non ha niente da invidiare al moderno splatter, insieme al padre accorso per cercare di aiutarla. Quindi si vendica sul marito, decisa a impedirgli qualsiasi futuro dinastico. E’ inoltre consapevole che tutto ciò che ha di più caro si relaziona comunque a lui, e recide per sempre ogni legame che li unisce, assassinando, dopo un lungo monologo ove combatte un’estenuante battaglia contro il proprio affetto di madre, i suoi stessi figli. Medea rappresenta tutta la follia che il dolore accumulato può scatenare, una donna che nemmeno di fronte all’orrore del proprio gesto di madre che uccide i figli può sopportare di cedere e dimenticare l’orgoglio ferito.

Questo è un testo tragico, di grande impatto emotivo. Ho detto che nei miei anni ruggenti mi ha accompagnato, e confesso che tornavo a rileggerlo dopo qualche rottura dolorosa con un fidanzato, o in quei momenti (pochi per fortuna) di grande solitudine alla fine di una relazione. Si attraversano vari stadi quando un amore finisce, e c’è sempre quello della rabbia, dell’orgoglio ferito, della passione che si sente tradita: in quei momenti, nessuno come Medea con la sua ira di donna ingiustamente abbandonata mi capiva. Mi piaceva, soprattutto, che pur essendo violenta e selvaggia nella sua passione, fosse capace di logica spietata nell’attuare la sua vendetta: non perchè la attuava, ovviamente, troppo orribile quel fatto. Ma perchè era una donna abbandonata e tradita, sola in terra straniera, che riusciva comunque da sola a tirarsene fuori, con la sua unica indomabile volontà, pur vivendo un dolore indescrivibile. E questo, nei miei momenti di dolore e solitudine, mi aiutava, mi dava speranza.

ppp

Penso che sia un testo scritto mirabilmente, perchè secondo me non si riesce a condannare davvero lo spirito di Medea, così forte e tragico: vittima di un destino meschino deciso per lei da uomini che vorrebbero vederla a capo chino e umiliata, sceglie il più grande dolore personale, ma non si sottomette. E’ orribile, è inumano, è contro natura quanto si vuole: ma questa è una donna che attraversa i secoli gridando Nessuno, uomo o donna, decide per me. IO, decido per me.

C’è anche un’altra sensazione che trasmette, un senso di solitudine infinita che nemmeno la presenza dell’amata prole può colmare, ma che anzi la acuisce, portandola all’estrema e fatale decisione.

Alla prossima rilettura, Medea, creatura infelice destinata all’espiazione, straniera, sola, diversa, seminatrice di morte ma anche vittima. E grazie a Euripide che ha avuto il coraggio di portare sulla scena per la prima volta le ragioni e le passioni che esistono nel mondo delle donne, abbandonando la clausura del gineceo.

Lorenza Inquisition

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...