Lincoln nel Bardo – George Saunders #GeorgeSaunders #recensione #LincolnnelBardo

“Vidi, come per la prima volta, la grande bellezza delle cose di questo mondo: le gocce di pioggia stillavano lente al suolo dalle foglie del bosco circostante; le stelle erano basse, biancoblu, accennate; il vento aveva un sentore d’incendio, malerba secca, palta di fiume; il pst pst scoppiettante dei rovi montò con la brezza sempre più forte, mentre lontano oltre il torrente un ronzino da slitta agitava i campanelli che aveva sul collo.”

Lincoln nel Bardo – George Saunders
Pubblicato: Agosto 2017 da Feltrinelli
Genere: Narrativa Collana: I Narratori – Traduzione Cristiana Mennella.

Questo è un libro spettacolare, che richiede un poco di pazienza all’inizio, un desiderio di andare incontro all’inusuale in letteratura, per ricompensare con pagine di raro lirismo. Il prodotto finale, stilisticamente, è un viaggio straniante oltre i propri limiti di lettore, e di pregiudizi letterari, ed è incredibilmente bello. E’ il classico libro che a causa della particolare struttura e linguaggio innovativo, farà molto discutere, e si odierà o amerà visceralmente; e quindi, nel bene e nel male, va letto. Io sento solo di potermi inchinare e sentire di non essere degna di scrivere qualsivoglia commento. Quindi esprimerò qualche lode gaudiosa e poi mi ritiro in silenzio.

Lincoln nel Bardo mi incuriosiva perchè ha vinto il Man Booker Prize, che è il più alto riconoscimento letterario elargito in Gran Bretagna a un libro di lingua inglese, e quest’anno se lo contendeva con Paolino Auster e Mohsin Hamid di Exit West, tanto per dire. E poi mi solleticava perchè ne leggevo ovunque e non capivo il titolo, e direi che spiegare questo può essere un buon punto di partenza: il Bardo è, nella concezione del Buddismo tibetano, uno stato di esistenza sospeso tra la morte e la rinascita, la cui durata varia a seconda del tipo di vita (soprattutto morale) condotta, e dell’età in cui è sopraggiunta la morte.

 Il Lincoln che si trova nel Bardo in questo libro è Willie, il terzo figlio del Presidente Abramo, morto appena undicenne per una grave complicazione di febbre tifoidea. La sera del funerale il padre, riportano gli storici, si recò alla tomba del figlio e passò una tormentosa notte nel mausoleo, vegliando la piccola bara.

Quella terribile notte, e questo fatto, sono la base su cui si sviluppa il libro; Saunders ci fornisce un contesto sia storico che culturale, e diversi punti di vista dei contemporanei sulla vicenda, sulla figura di Lincoln e sul suo comportamento sia come Presidente che come padre, grazie a una serie di citazioni, alcune tratte da reali biografie e testi storici dell’epoca, e altre inventate dall’autore stesso (non c’è modo di verificare quali siano le vere e quali le finte se non impegnandosi in una barbosa ricerca che è in fondo inutile). Grazie a questi interventi entriamo nel vivo della figura di Lincoln in quei giorni del 1862, con la Guerra Civile che cominciava a mietere le prime vittime, e nei suoi sentimenti di lutto, di sensi di colpa, di lotta e sofferenza e risolutezza. I fatti e la finzione si uniscono per rappresentare una complessa figura umana e presidenziale, in un momento cruciale della sua esistenza, sia come padre che come politico.

Willie, morto da poche ore, non è nel Bardo da solo: il cimitero in cui giace è popolato da una numerosa serie di figure che rifiutano il proprio stato di morti, e si aggrappano a qualunque ricordo, fatto o sentimento che possa loro rammentare la bellezza della vita ormai perduta. E’ un presepe di figurine congelate, un coro greco di voci che esprime l’universalità di questo romanzo: Willie è un’anima fra tante, tutte importanti nel tempo che fu loro, tutte una volta vitali e care a qualcuno, con sogni e desideri, tutte dirette verso un destino comune. E ogni spirito, nonostante il suo stato incorporeo, è fortemente umano, perso, solo nel proprio stato nel Bardo, con il quale cerca di convivere: qualcuno con profonda introspezione, altri con humor o oscure verità, alcuni ancora soffermandosi su fatti triviali o ossessioni inutili. Ci sono esponenti di ogni ceto, maschi e femmine, giovani e vecchi, bianchi o neri, personalità e vicende interessanti e peculiari nella morte, come ogni singola anima lo è nella vita.

In questa vasta pianura mentale in cui la coscienza ha cambiato disposizione ma non si è interrotta, alcuni di questi spiriti racconteranno la loro storia, e cercheranno di connettersi, tramite Willie e il padre che si uniscono in un ultimo abbraccio, con chi hanno amato in vita e ormai perduto; altri cercano di aiutare il bambino a lasciare per sempre questo piano di esistenza,poichè è inutile e fuorviante per un’anima indugiare nel rimpianto di una vita ormai finita. Altri vorranno essere vicino al Presidente per aiutarlo a trovare pace, sia per il lutto personale, sia per le morti di tutti i giovani sui fronti della guerra che egli ritiene gravemente sua responsabilità, sia, non ultimo, per la disumanizzazione di tutti gli schiavi uccisi brutalmente, che egli sente pesare sulla sua coscienza di uomo e di politico.

Lincoln nel Bardo è un romanzo corale e intimista, straziante e poetico, ironico e immaginifico; ha personaggi fortemente umani nonostante la loro ovvia condizione di defunti, persi nel rimpianto e nella nostalgia con una rabbia che rompe gli argini oltre il confine tra la vita e la morte, dove la vera fine consiste nella certezza di aver perso delle occasioni.

È un affresco denso di pietà umana sui conflitti politici, su quelli interiori, e sulle debolezze della carne e le piccolezze dell’animo umano; un’opera che dalla perdita privata e personale di un padre si connette a temi universali di lutto e decadenza, di sofferenza umana e speranza di vita oltre la morte. I suoi personaggi vivono in un paesaggio statico del loro passato, e hanno singoli lancinanti momenti in cui ricordano un attimo di pura bellezza delle loro vite terrene, e il nostro comune destino, orribile e così meraviglioso nel mistero del tempo che ci viene dato, si erge in un glorioso inno alla natura dell’amore, della bellezza, della pace che la vita umana contiene, se pure solo a sprazzi.

Ho amato profondamente i momenti di luce nella rimembranza di un attimo di vita passata, il buio di certi ricordi tra i sepolcri, la tristezza infinita della memoria dolce amara di un caro amato che non c’è più: è vero, questo è un romanzo atipico, scritto in modo surreale da un autore che si è sempre cimentato in soli racconti e qui pare voglia mettere in discussione l’idea stessa di svolgimento di un romanzo. Ma è una scrittura profonda, umanissima, una meditazione compassionevole sull’esperienza di vivere in tutti gli elementi comuni a noi tutti, l’amore, la morte, la perdita, il rimpianto, il rimorso, e tutto quello che c’è in mezzo. E la semplice, potente certezza che è nell’altruismo, nell’empatia e nell’amore verso gli altri che troviamo il senso del nostro valore, è questo che ci salva dall’abisso, sia che guardiamo il mondo con occhi da schiavo o da soldato, da ateo o da religioso, da politico o da giovanotto spensierato. Un sentito capolavoro di umanità, che consiglio a chiunque abbia amato e perso e pensi all’infinito con ansia e trepidazione, cioè, a tutti noi.

“Niente di tutto questo era reale; niente era reale.

Tutto era reale, straordinariamente reale, infinitamente caro. Questo e tutte le cose iniziarono dal nulla, erano latenti in un immenso brodo di energia, ma poi abbiamo dato loro un nome, le abbiamo amate e, in questo modo, le abbiamo portate alla luce.

E adesso dobbiamo perderle.”

Lorenza Inquisition

PS. Menzione speciale di disonore alla copertina di Feltrinelli, una delle meno azzeccate del secolo.

Annunci

Il domani tra di noi (or whatever) – Charles Martin #recensione #lamontagnatradinoi #IdrisElba

Charles Martin ha scritto nel 2010 The Mountain between us (La Montagna tra di noi), un romanzo pubblicato in Italia da Corbaccio e tradotto con Le Parole tra di noi (perchè? così). Quest’anno è uscito un film tratto dal libro, con protagonisti Idris Elba e Kate Winslet, che sarà a fine novembre nelle sale italiane con il titolo Il Domani tra di noi (perchè? Why? WHY?). A parte questo imbarazzante momento per i titolisti italiani, ho deciso di leggere il libro perchè se c’è Idris Elba poi vedrò il film, io mi so, quindi mi porto avanti, e l’ho finito in poche ore, è un romanzo che scorre molto velocemente, e questa è una delle non tante cose belle da tenere presente sull’argomento.

Charles Martin appartiene a quella categoria non troppo nutrita di scrittori maschi di romanzi ad argomento romantico, genere Nicholas Sparks per intenderci; i titoli dei suoi libri sono evocativi e poetici (Dove finisce il fiume, Dopo la pioggia, Inseguendo le lucciole), le copertine con foto sempre sfumate di tramonti, bambini che giocano nei fiumi, silhouettes di donne in penombra. Nelle storie ci sono  infanzie difficili, grandi amori non sempre a lieto fine ma l’importante è aver amato, poco sesso e molte scene romantiche, successi personali ottenuti con il duro lavoro, cadute e grandi riscatti, per chiudere con finali lacrimevoli. Sono libri di intrattenimento, alcuni meglio riusciti di altri; per la storia, La montagna tra di noi (io lo chiamo così, ho deciso) appartiene ai meglio riusciti. Per lo svolgimento, insomma. Martin non è uno scrittore stellare, ed è entrato nella lista dei best seller del New York Times solo perchè il film ha trainato il titolo nelle librerie.

La trama è poco romance e molto avventura, e questo è un aspetto positivo del libro, che parte con una buona domanda, anche di significato, volendo: che succede se la persona a cui devi affidare la tua vita è un perfetto sconosciuto?

I protagonisti, Ben e Ashley, sono bloccati a fine Dicembre in un aeroporto dello Utah, dove tutti i voli sono cancellati per una tempesta in arrivo. I nostri due eroi non si conoscono, ma entrambi sono molto ansiosi di partire: Ben è un chirurgo con una operazione importante il giorno dopo, e Ashley è una giornalista che si deve sposare a brevissimo. Perciò decidono di noleggiare insieme un charter per provare a battere in velocità la tempesta. E ci riescono anche, solo che il loro aereo precipita perchè al pilota viene un infarto, e i due si scoprono scampati a un disastro aereo nel bel mezzo delle montagne del Colorado in pieno inverno, insieme al cane del pilota (diciamo subito che il cane sopravvive felicemente, che è sempre la cosa più importante di tutte). Per una serie di motivi tutto sommato credibili che non starò ad elencare, l’arrivo dei soccorsi non è previsto: e i due dovranno quindi sopravvivere a una serie di sfighe impossibili nella natura selvaggia contando solo su stessi, due perfetti sconosciuti che nel frattempo imparano a conoscersi senza filtri di perbenismo, ipocrisia, superficialità. Sono nell’inferno insieme, e insieme ne usciranno, o no. Da qui, a livello di avventura, ci sono momenti di grande intrattenimento: neve e ghiaccio, sopravvivenza senza cibo e la scoperta del fuoco, tentativi di pesca e un coguaro in agguato, rudimenti di alpinismo e l’ombra di Alive guardando il corpo del pilota morto. Ben considera per un attimo l’idea di mangiare il cane, un vero momento horror da manuale; e c’è anche una specie di segreto alla Rebecca la prima moglie che in teoria credo l’autore volesse usare come generatore di grandi emozioni; in realtà non è riuscitissimo, e come sorpresa finale è telefonata dal primo paio di capitoli, secondo me. Ma non rivelo niente di più perchè potrebbe essere un elemento importante nel film, se volete vederlo.

Comunque, tornando al libro, ci sono come ho detto cose positive: una trama accattivante che si dipana veloce e con qualche colpo di scena ben piazzato; due personaggi tutto sommato piacevoli, che riescono a non tramutarsi in mostri di egoismo una volta posti di fronte a sfide estreme ma scelgono di lottare insieme per la sopravvivenza; descrizioni di paesaggi e della natura selvaggia ben riuscite, e certi piccoli dettagli inseriti qua e là che rendono il tutto più reale e credibile; e l’elemento romantico tra i due è a corrente alternata, se c’è rischio di morte non si sta a discutere di sentimenti. Questa però è solo metà del libro, narrato tutto dal punto di vista di Ben, che alterna il racconto di quello che sta succedendo nel presente con la sua storia privata, il passato della sua infanzia difficile fino all’incontro con l’amore della sua vita, sua moglie. Questo racconto personale viene dettato dal protagonista su un piccolo dittafono che egli porta sempre con sè, un regalo della moglie pensato per rimanere vicini anche quando le carriere li portano lontani per lunghi periodi: il quotidiano viene allora riversato in audio storie per il coniuge assente, che le ascolterà al ritorno a casa. In questi capitoli giace il vero melodramma del libro, un racconto insopportabilmente melenso, sciapo e direi pure mal scritto, che alla fine ti stronca con la sua prolissità e frasi da cartoncino Hallmark: “Penso che quando due persone si amano davvero, nel profondo, dove l’anima dorme e i sogni nascono, e dove il dolore non può vivere perchè non ha nulla da divorare…” (aiuto).

Per essere onesti, io lo definirei un romanzo da tre stelle, una sufficienza piena insomma, perchè su molte cose si va un poco a gusti e a esigenze del momento: se avete voglia di un romanzo non troppo cretino e avete la sospensione di incredulità facile, vi potrà piacere sicuramente. D’altronde se odiate le frasi da soap opera, il rischio delusione è altissimo, anche se come storia romantica è atipica per via dei dettagli realistici data la tragica situazione di sopravvivenza in condizioni estreme. A me non è dispiaciuto ma insomma, spero che il film sia meglio, e ho detto tutto. Teniamo anche presente che io l’ho letto in inglese ma non ho idea di come sia la traduzione.

Lorenza Inquisition