Lennon legend – Vita illustrata di John Lennon – James Henke #JohnLennon #JamesHenke

Editore: Rizzoli
Collana: Musica
Anno edizione: 2010
Pagine:63 p., ill. , Rilegato

Una serie di favorevoli circostanze mi ha portato alla lettura di questo volume sulla vita di John Lennon in seguito alla visione di un recente documentario trasmesso in tv. E mi sono resa conto di sapere ben poco dell’artista che è stato e della vita che ha vissuto al di là delle apparizioni pubbliche. Ho ancora molto da indagare e scoprire, ma per lo meno questo volume è un buon inizio: il curatore è James Henke, vicepresidente della “Rock and Roll Hall of Fame” ed ex firma della rivista “Rolling Stone”. E’ un piccolo scrigno che contiene ogni ben di Dio, corredato di riproduzioni di testi manoscritti, biglietti, poster, locandine fino alla bandiera di Nutopia (il paese immaginario creato da John e Yoko)!, immagini d’archivio, foto inedite, memorabilia, riproduzioni dei testi manoscritti delle canzoni, carte personali, lettere, e persino 40 facsimili che possono essere estratti dal libro, tra cui alcune rarità dalla collezione privata della famiglia messe a disposizione da Yoko Ono appositamente per questo libro. E’ un’opera che presenta un racconto regolare e non troppo minuzioso dell’esistenza di Lennon, dagli esordi con i Quarry Men, passando per i Beatles, la sua carriera solista e il connubio artistico-spirituale con la moglie. E dulcis in fundo, un cd contenente estratti di interviste varie in cui è lo stesso Lennon a raccontare se stesso ad impreziosire il tutto. Consigliato ai collezionisti, ma anche a chi semplicemente ha voglia di saperne di più, in maniera accattivante e interattiva.

Owlina

Pubblicità

Springsteen: Access All Areas – Lynn Goldsmith / Who I Am – Pete Townshend

Calo i miei due assi musicali che hanno accompagnato gli ultimi giorni di vacanza e che vanno ad occupare rispettivamente le categorie di libro fotografico e autobiografia della nostra stimolante disfida.

310684

*Springsteen: Access All Areas, Lynn Goldsmith

Per quei pochi non springsteeniani presenti nel gruppo, questo libro testimonia il backstage e non solo del Darkness on the Edge of Town Tour del ’78 ovvero anno cruciale nella vita del songwriter americano a livello professionale.
Libro pubblicato nel 2000, interamente in bianco e nero che oltre a mostrare ciò che avveniva sul palco con splendidi scatti, mostra uno Springsteen più intimista, all’interno del suo camerino o in una camera d’albergo, accompagnato da una breve premessa della fotografa che disegna puntualmente il ritratto dell’artista, con i suoi modi di fare e l’atteggimento che lo hanno condotto alla fama mondiale.

*Who I Am, Pete Townshend, Harper Collins

Credo sia la prima autobiografia di un essere ancora vivente che leggo e ha scatenato impressioni contrastanti. Non si discosta affatto dall’idea che si possa avere riguardo alla vita di una rock star e al detto sex, drugs and rock’n’roll; in tal senso non è altro che un racconto, abbellito, delle diverse sostanze assunte e delle camere d’albergo distrutte nei vari party nel corso degli anni della carriera musicale del chitarrista della band inglese degli Who. A redimere l’autore ed elevare l’elenco, che dopo un po’ diventa piuttosto noioso con l’aggiunta delle case e delle barche comprate coi vari guadagni nonché delle varie donne con cui ha tradito la moglie, è la consapevolezza dell’uomo Townshend che smessa la maschera da performer, cerca di scavare a fondo nel suo animo mettendosi letteralmente a nudo. Ci sarà molto altro senza dubbio, ma è apprezzabile lo sforzo che lo ha condotto a riflettere sulla sua vita fino ad ora. E ad ammettere onestamente che questa è la sua versione dei fatti.

“So here I am, still unsure whether life is really a spiritual journey or that the universe has ways of making us laugh. Music is all I can do right now.”

Owlina