L’albatro – Simona Lo Iacono #NeriPozza

Il romanzo tratteggia, con finezza, sensibilità e suggestione, diversi aspetti della vita, della personalità e del complesso entourage familiare di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, osservati da due punti di vista, alternati a livello narrativo e distanti sul piano temporale, ma essenzialmente speculari e simmetrici: quello infantile di un’estate nella grande villa di Santa Margherita di Belice e quello conclusivo delle ultime settimane di vita in una clinica romana.

Simona Lo Iacono ci racconta, a capitoli alternati, l’infanzia e gli ultimi giorni del principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, e lo fa coinvolgendo totalmente il lettore. Sono stata catapultata nella Sicilia del secolo scorso e l’ho vista attraverso gli occhi del giovanissimo futuro scrittore. Ho ascoltato dalla sua voce di adulto i racconti della giovinezza, dell’Italia nelle due guerre, e nel mentre e nel dopo. Ho amato tanto Giuseppe e il suo compagno di giochi, il piccolo servo Antonno, fedele al suo “principuzzu” come l’albatro al capitano della sua nave. Tomasi di Lampedusa adulto, invece, è una voce colta e dolcissima. E, amando follemente il suo Gattopardo, non riesco ad immaginarlo diverso da Don Fabrizio, quindi da quel principe di Salina che avrà per sempre il volto di Burt Lancaster.

«L’albatro è insieme autobiografia romanzata, educazione sentimentale, affresco del mondo dell’aristocrazia siciliana ormai al tramonto, rievocazione magica e poeticissima dell’infanzia, storia della genesi di un capolavoro e celebrazione del potere della parola, indispensabile a “esistere, ancora prima che a rivelare”»Marzia Fontana, La Lettura

Loretta Briscione

Editore: Neri Pozza Collana: I narratori delle tavole Anno edizione: 2019

La violenza di genere su donne e minori – Patrizia Romito #PatriziaRomito #Violenza

Questa volta niente romanzi o racconti, ma un saggio lucido e necessario sul fenomeno della violenza maschilista contro donne e minori che, al di lá delle apparenti buone intenzioni del legislatore nostrano, rappresenta un problema urgente, rispetto al quale è indispensabile prendere consapevolezza delle numerose strategie di occultamento dello stesso.
Di violenza contro donne e minori si parla molto da 20 anni a questa parte, ma spesso non lo si fa nel modo giusto; secondo l’autrice, uno degli ostacoli fondamentali al riconoscimento e al contrasto della violenza di genere è rappresentato dalla resistenza opposta dalla società all’accettazione del fatto che gli uomini violenti e maltrattanti non siano persone malate, se non in una minima parte dei casi: a perpetrare violenza è l’uomo qualunque, l’uomo comune.
Solo ridefinendo gli esatti contorni del fenomeno, ed affrontandolo nella sua reale portata con opportune strategie politiche, normative, sociali e linguistiche, si può sperare di prevenire e combattere adeguatamente la più macroscopica delle manifestazioni della società patriarcale.

Saturnine Puissant

CONTENUTO

Introduzione
(La violenza sessuale: le parole per dirla e i metodi per studiarla)
La violenza sessuale
(Stupro e aggressioni sessuali; La violenza su bambine e bambini; La reazione sociale alla violenza sessuale; Le leggi sulla violenza sessuale in Italia; Il ruolo della pornografia; La violenza contro le donne sul luogo di lavoro: le molestie sessuali)
La violenza domestica
(Cos’è la violenza domestica; Il coinvolgimento dei figli; Le violenze in gravidanza; Le violenze dopo la separazione; Ma perché non lo lascia? Psicologia femminile e risposta delle istituzioni; La forza delle donne; Gli strumenti legislativi per contrastare i maltrattamenti domestici; Una controversia: le donne sono altrettanto violente dei loro mariti?)
I costi della violenza maschile
(I costi economici e sociali; Le conseguenze della violenza sul benessere delle donne; Il ciclo della violenza; La storia di Maria)
Gli uomini: resistenza e cambiamento
(I programmi per partner violenti; Resistenze e cambiamento; Una nota di ottimismo)
Cosa si sta facendo: misure per contrastare la violenza maschile
(Centri anti-violenza, Case delle donne e Rifugi; Collaborazione tra Case delle donne e diverse agenzie; I progetti di uscita dalla prostituzione; Le iniziative che riguardano le forze dell’ordine)
Conclusioni
Referenze bibliografiche