L’arte in sei emozioni – Costantino D’Orazio #DOrazio #Arte #Laterza

L’ arte in sei emozioni -Costantino D’Orazio

Editore: Laterza

*Un libro che parli di arte.

Desiderio, delirio, tormento, stupore, dubbio, allegria: emozioni e sentimenti che pittori e scultori nei secoli hanno raccontato magistralmente. Questo libro è un viaggio affascinante e originale tra i capolavori dell’arte, ma è anche un viaggio dentro noi stessi.

L’autore propone un viaggio nell’arte attraverso l’osservazione di sei emozioni, trattate in varie opere (soprattutto di pittura e di scultura), da diversi autori, in un ampio arco di tempo.
Le emozioni su cui si muove il suo punto di vista, sono tra quelle che fanno parte del nostro essere “uomo”: il desiderio, il delirio, l’allegria, il tormento, lo stupore e il dubbio.

Sentimenti che l’umanità ha avvertito e considerato in maniera sempre diversa nel corso dei secoli. Dai reperti dell’antica Grecia ai capolavori del Rinascimento, dalle invenzioni del Barocco alle rivoluzioni del Romanticismo, fino alle provocazioni del Novecento, l’arte ha attinto alle emozioni delle donne e degli uomini creando simboli e personaggi per raccontarle. Eros per il desiderio, Prometeo per il tormento, Medusa per il delirio, Maddalena per lo stupore, Polimnia per il dubbio e i putti per l’allegria, sono solo alcune delle figure che svelano il tumulto di emozioni contenuto in queste pagine.

Il linguaggio è accessibile anche ai profani dell’arte e le considerazioni, molto interessanti.

Silvia Loi

Costantino D’Orazio è critico d’arte e saggista; racconta la storia dell’arte italiana, anche in radio e tv: conduttore della rubrica AR Frammenti d’Arte su RaiNews 24 e del programma Bella davvero su Radio2. Quando riesco seguo la sua trasmissione in radio, ha un modo di raccontare l’arte che mi piace molto, semplice e appassionato. È il sabato e la domenica sera dalle 21 alle 22, ma si può ascoltare anche in podcast. A me piace moltissimo anche perché affronta l’arte partendo da punti di vista o temi insoliti. Non credo sia facile parlare d’arte in radio e riuscire ad essere coinvolgente, ma lui è bravissimo. Anna Massimino

 

Annunci

Questa vita tuttavia mi pesa molto – Edgardo Franzosini #Franzosini #Adelphi #Bugatti

In questo libro Franzosini ci regala un’altra delle sue ipnotiche “vite immaginarie” percorrendo, con quella visionarietà e quella levità che lo contraddistinguono, la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello di Ettore, il fondatore della casa automobilistica, il quale sceglierà proprio il suo Elefantino danzante per il tappo della lussuosissima Bugatti Royale), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti animali, di preferenza non domestici: tigri, giaguari, pantere, elefanti, leoni… Con gli animali Bugatti ha sempre vissuto in una sorta di struggente empatia, passando ore e ore davanti alle gabbie del Jardin des Plantes, a Parigi, o negli splendidi edifici orientaleggianti dello zoo di Anversa, a guardarli vivere, muoversi, mangiare, soffrire – identificandosi totalmente con loro. Al punto da subire un autentico shock allorché, di fronte alla minaccia dei bombardamenti tedeschi, le autorità del Belgio decisero di sterminare tutte le bestie dello zoo.

Ancora una piccola raffinata biografia scritta da Franzosini (si sarà capito che è un autore che mi piace molto?).

Stavolta è la vita, terminata moto presto come si intuisce dal titolo, dello scultore di animali Rembrant Bugatti, fratello del più famoso Sergio.

Siamo a ridosso della grande guerra, tra Parigi e Anversa.
Artista solitario, a tratti eccentrico, Bugatti trascorre ore negli zoo per studiare gli animali e coglierne sfumature di movimenti.
Artista che vive con disagio interiore l’arrivo della grande guerra che come primo atto di ostilità, rende necessaria la esecuzione di tutti gli animali dello zoo che frequentava.

“Rembrandt entrava nello studio con un’aria triste e malinconica da fare pena. Entrava e senza salutare, senza dire una parola, si sprofondava in una poltrona, e cominciava a lamentarsi per la stanchezza che sentiva addosso. Tentava di lavorare. Iniziava una statua ma non la finiva. Faceva e disfaceva. Certi giorni arrivava nello studio solo per distruggere quello che aveva fatto il giorno prima”.

Come al solito libro breve, pieno di personaggi e di vita, scritto in modo incantevole affascinante e affabulatorio.

Bellissimo libro che non narra solo la vita di un grande scultore, è anche una testimonianza della devastazione che ogni guerra porta nella vita degli uomini e degli artisti. Margherita Loy

Francesco M. Landolfi