The Sandman – Neil Gaiman #NeilGaiman #TheSandman

Parlando di fatiche verso mostri sacri, la vostra umile sottoscritta ha deciso di affrontare The Sandman. Per me, Gaiman è un autore amatissimo perchè oltre a fare – BENE, anzi BENISSIMO – quello che fanno i grandi scrittori, e cioè scrivere grandi, grandissime, issime storie, lo fa stuzzicherando generi che a me fanno sdilinquire: epica greco romana e norrena, mitologia, fantasy, horror, noir, letteratura angloamericana e film e televisione. The Sandman è un po’ la summa di tutto ciò, e soprattutto è una dichiarazione di amore epica per il racconto e il raccontare: è l’amore per le storie, per chi racconta i sogni (gli autori), e per chi in quei sogni ci crede (noi lettori/sognatori), celebrato in un infinito racconto loop di mitologia, Storia, Letteratura e cultura pop.

Sto perdendo tempo perchè me lo assaporo pagina per pagina, e soprattutto mi segno tutti i riferimenti letterari, che sono infiniti e spesso difficili da individuare. Che bel giuoco!

Lorenza Inquisition

L’agenda ritrovata – Sette racconti per Paolo Borsellino #Feltrinelli #MarcoBalzano #GianniBiondillo #PaoloBorsellino

curatori Marco Balzano, Gianni Biondillo

“Un passaggio di testimone per raccontare non tanto dov’eravamo alla morte dei due magistrati, ma dove forse siamo stati in questi anni, tutti noi: chi silente, chi indifferente, chi deluso, chi vigliacco, chi sempre e comunque, ostinatamente contrario, in prima fila”.

Gianni Biondillo

Sette affermati autori, ciascuno con la propria storia e la propria voce, ci portano con altrettanti racconti nel cuore delle ragioni dell’impegno di Paolo Borsellino e degli interrogativi ancora aperti a venticinque anni dalla strage di via D’Amelio – la verità negata, la sottrazione indebita, il mancato ritrovamento, la resistenza della politica ecc. E lo fanno senza il bisogno di raccontare la cronaca dei fatti; lo fanno, come è proprio degli scrittori, inventando storie, anche minime, ma di potente forza evocativa, perché come ricordano Marco Balzano e Gianni Biondillo “il dovere di uno scrittore, anche quando vuole farsi testimone, quando vuole incarnare il suo diritto di cittadinanza, è scrivere bene. Fare al meglio il suo mestiere, insomma”. L’angenda ritrovata è una raccolta di racconti inediti, pensati e scritti appositamente per l’occasione, ciascuno legato all’altro, come un cameo, un filo tenace, da un’agenda rossa – in ricordo di quella appartenuta a Paolo Borsellino, che conteneva appunti, nomi e forse rivelazioni sulla strage di Capaci, scomparsa immediatamente dopo l’attentato mafioso del 19 luglio 1992 e mai più riapparsa. In apertura e chiusura della raccolta una prefazione e una postfazione per mano dei due curatori. Pagine che ci consentono di inscrivere, fra l’altro, la collettanea all’interno di un progetto omonimo più ampio: una ciclostaffetta che, partendo a giugno da Milano, arriverà il 19 luglio a Palermo. A sostegno del progetto, nato in seno all’associazione culturale L’Orablù, Salvatore Borsellino, che per questo significativo anniversario si impegna a seguire esclusivamente tale iniziativa, e il Movimento delle agende rosse da lui fondato. Si contano inoltre per il momento (ma moltissime nuove adesioni sono in corso) l’appoggio della Fiab – Federazione amici della bicicletta – e il sostegno di diversi sponsor, fra cui Coop Emilia-Romagna. Radio Popolare è infine media partner dell’iniziativa e con il suo network si impegna a seguire per un mese, dal 25 giugno al 19 luglio, la staffetta a pedali lungo lo Stivale. A ogni tappa, eventi culturali per promuovere una riflessione sui temi della legalità, della giustizia, della lotta alla mafia: eventi di cui la presentazione di questo volume sarà il fulcro. Gli autori dell’Agenda ritrovata appartengono infatti alle sette regioni che vedranno il passaggio delle biciclette e si impegnano, in una ideale staffetta letteraria, come testimonial delle rispettive tappe: Helena Janeczek (Lombardia), Carlo Lucarelli (Emilia), Vanni Santoni (Toscana), Alessandro Leogrande (Lazio), Diego De Silva (Campania), Gioacchino Criaco (Calabria) ed Eventina Santangelo (Sicilia). All’arrivo della staffetta a Palermo, il volume verrà consegnato nelle mani di Salvatore Borsellino.

7 racconti che hanno come unico filo conduttore un’agenda; alcuni ovviamente mi sono piaciuti più di altri, ma nel complesso è stata una lettura piacevole.

Aurora Diamanti