Cantalamappa – Wu Ming #WuMing #Cantalamappa

I 15 racconti dei viaggi di Guido e Adele Cantalamappa: Il cane di Glastonbury, Il Verme Mongolo della Morte, Dolcino e Margherita, Hvítserkur, Da Monte Scrocchiazeppi al Monte Kenya, Micronazioni, L’Isola del Tesoro, Dov’è il centro del mondo?, L’albero di Bottego… o di Mahamed?, Il cinema nel deserto, Toc e Patòc, I naufraghi di Tristan da Cunha, Rapa Nui, Le repubbliche dell’ex-Rastovja, Paperelle.

Storie affascinanti e fantasiose in venti racconti ispirati a luoghi reali, leggendari, immaginari o letterari, in cui sempre accadono eventi stravaganti, buffi e avvincenti Adele e Guido Cantalamappa sono due eccentrici attempati signori che in gioventù hanno girato il mondo raccogliendo nel loro grande Album dei viaggi le mappe, le foto, i ricordi, le tracce delle loro fantastiche avventure.

Adesso vivono nella città di Fessacchiopoli dove hanno incontrato il loro grande amico, il bibliotecario, che ci racconta le loro imprese sfogliando insieme a noi il “librone” di viaggio dei Cantalamappa. Wu Ming, maestri del genere che ha come illustre predecessore Italo Calvino, si rivolgono ai ragazzi ma incantano anche gli adulti: i primi vi troveranno storie avvincenti, che tra le righe insegnano la Storia, i paesi, i costumi, le culture di mondi lontani; gli adulti non potranno che deliziarsi della inarrestabile fantasia lessicale – dall’Assurdistan allo Stato del Lambruska, dal monte Scrocchiazzeppi al paese di Fessacchiopoli, dalle antiche battaglie tra Biechi neri e Bulli crociati, al dittatore Mascellone – che sempre rivelano al lettore attento un legame con la realtà.

I Cantalamappa sono stati in Afghanistan, in Turkmenistan e in Assurdistan, in Messico e in Cronopia, in Melanesia e in Peranesia, in Antartide e in Fantastide, all’Equatore e all’Iniquatore, in Nebraska e in Lambruska, e in tanti altri posti che adesso non ricordo più ma poi di sicuro mi verranno in mente.

Wu Ming – Cantalamappa

_________________________________________________________________

“Atlante bizzarro di luoghi e storie curiose” recita il sottotitolo e mi aspettavo qualcosa di maggiormente fantastico invece tutti i luoghi raccontati dai Cantalamappa (coppia di simpatici vecchietti amanti dei viaggi) esistono davvero e alcuni sono davvero curiosi. Per ragazzi, principalmente, ma non solo.

Massimo Arena

di Wu Ming (Autore) – Paolo Domeniconi (Illustratore)

Mondadori Electa, 2022

Un viaggio sulle Alpi – Alexandre Dumas #AlexandreDumas

Il diario di viaggio sulle Alpi del grande scrittore; con infiniti riferimenti al Romanticismo alpino e al nascente turismo delle vette.

Il 21 luglio 1832 il trentenne Alexandre Dumas, scampato di misura al colera che infierisce nella Parigi di Luigi Filippo, parte in convalescenza per la Svizzera e le favolose Alpi. Al ritorno pubblica sulla “Revue des deux mondes” le sue Impressioni di viaggio, un monumentale e avvincente reportage-feuilleton che segna il passaggio alla narrativa del prodigioso scrittore giunto al successo come drammaturgo. Il libro contiene la famosa intervista di Dumas al vecchio Balmat, primo salitore del Monte Bianco, che divulgò l’ingiusta leggenda dell’eroica guida a danno del dottor Paccard. Ma tra le pieghe di questo spumeggiante diario di viaggio, dal ritmo colorito e incalzante, si trovano altri infiniti riferimenti del Romanticismo alpino e del turismo nascente. Dietro le mirabolanti avventure del “pioniere” Dumas c’è tutta la timorosa e curiosa borghesia che si appresta a mettersi in cammino.

Se volete leggere ”un libro ambientato in montagna” propongo questo resoconto di Dumas sulle sue peregrinazioni per le Alpi. È veramente piacevole e divertente, così come questo Autore sa essere; è molto interessante, descrivendo con vivacità oltre agli ambienti alpini anche la vita dei pochi coraggiosi che riuscivano a resistere in luoghi così ostili; è in molte parti incredibile , ma Dumas era prima di tutto un teatrante pieno dì fantasia e penso che la fantasia abbia usato in molte descrizioni. Consigliatissimo.

Chiara Alladio

di Alexandre Dumas (Autore) Nerina Crétier (Traduttore)

Ed CDA & VIVALDA, 1996