Longbourn House – Jo Baker #JoBaker #recensione

longbourn-jo-baker

Ho letto e riletto “Orgoglio e pregiudizio”, venivo da un’ottima esperienza con “Il diario di Mr. Darcy” della Grange e ho voluto dare una possibilità a questo romanzo, senza crearmi nessuna aspettativa.
È un romanzo che cammina sui propri piedi, copre l’arco temporale dei fatti raccontati in “Orgoglio e pregiudizio”, con un sorprendente e inatteso flashback dopo la metà del libro. Le pagine finali del libro, poi, vanno avanti negli rispetto al matrimonio dei Darcy.
È stata una lettura piacevole. Stile non fotocopia della Austen, ne mancano sicuramente il brio e la capacità di caratterizzazione dei personaggi.

Si narrano le vicende dei personaggi “fantasmi” di Longbourn, della servitù. Il linguaggio quindi non è assolutamente quello spettacolare del capolavoro della Austen.
La Baker ha raccontato storie verosimili, intrecci, amori, segreti plausibili per l’epoca e la fascia sociale di cui scrive.
Mi è dispiaciuto molto come sia stato messo in discussione un personaggio cardine della storia madre: scelte discutibili fatte nel passato e nel presente della storia narrata che non lo rendono più l’uomo simpatico e amorevole descritto dalla Austen, anche se sono comprensibili le scelte fatte in linea con il suo rango.
È stato interessante vedere dagli occhi della servitù i vizi e i capricci dei Bennet.

È una discreta lettura che scorre facilmente. La Baker ha vestito di panni storici un romanzo contemporaneo. Ho apprezzato però la sua voglia di non farne esclusivamente un prodotto commerciale per accalappiarsi i seguaci della Austen.
Non ne consiglio l’acquisto, ma se preso in prestito, una chance la darei.

Federica Giancane

Longbourn House, Jo Baker – 4/2017 – voto 2/5 – categoria disfida: Un libro comprato d’impulso

Longbourn House – Jo Baker #JoBaker

longbourn-jo-baker

Ciao bella gente!

Longbourn House. A volte ci si rende conto di non averne abbastanza di uno scrittore: ti spulci la bibliografia, leggi ogni poesia scritta da adolescente e alla fine arrivi al fondo del barile che di solito consiste in qualche idea scartata o la lista della spesa. Ecco chi non ne avesse abbastanza della buona Jane Austen ora ha questo “Orgoglio e pregiudizio” visto dal personale della famiglia Bennett. Ho pensato fosse un’operazione commerciale furba e invece è un’atto d’amore di un’evidente appassionata. Scritto bene, fedele all’originale porta un punto di vista inedito e al tempo stesso familiare. Peccato solo il finale per me un po’ troppo mieloso e buttato lì.

Sara Rebori

DESCRIZIONE

C’era una volta la famiglia Bennet: un padre distratto, una madre soffocante e cinque figlie da maritare. Jane Austen ne racconta magistralmente i signorili affanni in Orgoglio e pregiudizio, ma tace sulla servitú che dall’alba a tarda notte si affaccendava perché la conversazione in salotto scorresse serena. Jo Baker svela una metà del mondo popolata di ombre che, mentre cucinano e puliscono per gli altri, vivono vite e nutrono speranze proprie. E che sotto gli abiti di seconda mano nascondono segreti, ferite e passioni non meno intense di quelle che animano i piani superiori.