Dio non abita all’Avana – Yasmina Khadra #YasminaKhadra

Ogni celebrità è frutto di una congiuntura. Il pubblico è volubile. Oggi acclama lei, domani acclamerà un altro, e non farà neanche lo sforzo di metterla in un cassetto. Così, da un giorno all’altro, eccola abbandonato a se stesso e senza nessuna prospettiva.

Approfittando di un po’ di pace e tempo libero, ho potuto leggere questo romanzo tutto d’un fiato, senza troppe interruzioni e distrazioni, circostanza che, per me, rappresenta ormai quasi un privilegio. L’economia generale di questa esperienza ne ha beneficiato, perché un romanzo sulle passioni ne merita, in cambio, almeno un po’.
Il successo era garantito all’origine, essendo Khadra uno degli autori del mio Olimpo, uno scrittore che in vent’anni non mi ha mai, mai, mai deluso. E anche questa volta si è rivelato ciò che per me è e che pretendo rimanga per sempre: un grandissimo e crudo narratore di destini umani, sebbene meno segnati e definitivi del solito. Forse la scelta di lasciare le sponde africane del Mediterraneo per quelle caraibiche ha dato a Khadra una visuale meno irreversibile. O forse è questa scelta logistica a essere figlia di un cambiamento di prospettiva. Resta il fatto che, riscrivendo una volta ancora il medesimo romanzo sulla potenza delle passioni e delle ambizioni, Khadra ha introdotto svolte insolite e apprezzabili.
La penna, comunque, rimane la stessa di sempre: sublime, scolpita, essenziale ed evocativa come poche. Umana come quasi nessuna.
Della trama dirò poco, perché un destino che si compie è di per sé una trama. Siamo a Cuba, il che è già un universo. Il protagonista è un cantante attempato che deve fare i conti con un rovescio di fortuna improvviso e tipico di certi contesti sociali. Se poi appare all’orizzonte una giovane donna che… che… oh, al diavolo, scopritelo da voi, su!

Iuri Toffanin

Descrizione
Cuba sta cambiando, ed è su questa isola che Yasmina Khadra ha deciso di ambientare il suo nuovo romanzo raccontandoci la storia di un cantante di cabaret che si ritrova senza lavoro e che si innamora perdutamente di una giovane donna misteriosa portandoci a riflettere con nostalgia, con la maestria di uno Steinbeck contemporaneo, sulla giovinezza passata, sulla passione per la musica e la danza e sulla fortuna di continuare a credere in un futuro sereno.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.