OVUNQUE PROTEGGICI – Elisa Ruotolo #ElisaRuotolo #recensione

Dopo la dimenticanza di cuore, il Vecchio Girosa dovette provare anche quella di testa. E da allora i suoi pugni divennero tanto feroci da dargli fama di pericolo. Combatteva ogni sera fino a ridursi in melma, poi di ritorno guardava fisso quei genitori bambini che avevano rivoltato la terra per ricavarne solo un ferro scacciaruggine – rubato nella campagna veneta a rischio di buscarsi la pellagra – e una cassa di legno senza attrattive, acquistata in un negozio di robivecchi. La chiamavano Mondo Novo, ed era il loro ultimo sistema per fuggire ancora da quelle stanze in cui di notte giravano a vuoto.

Ovunque, proteggici – Elisa Ruotolo

Editore: Nottetempo
Collana: Narrativa
Anno edizione:2014

Leggere questo libro è un po’ come andare ad aprire un vecchio baule, di quelli antichi che si trovano solitamente nelle soffitte, quelli che hanno le chiusure in metallo ormai arrugginito e che devi forzare un po’ per aprire…
Quei bauli che, una volta aperti, rilasciano quel classico odore di “chiuso”, di muffa e ruggine…odore del tempo che è andato.
Al loro interno trovi di tutto…fotografie in bianco e nero ormai ingiallite, consumate e corrose dall’umidità, vecchi utensili in disuso, una coperta lisa che sa di naftalina, lettere dall’inchiostro sbiadito, quasi illegibili…frammenti di storie, di vite passate.
Storie di famiglia, storie di famiglie…
In questo baule ci sono loro, i Girosa: “una razza di infelici e di randagi”.
Una villa immensa, vuota di bambini e piena di malasorte, sarà palcoscenico di vite difficili e stravaganti, di uomini che non sanno amare e donne tanto fragili quanto resistenti, di fughe e di ritorni, di genitori inadeguati e di figli segnati dal senso di abbandono.
Una storia di ferri portafortuna, di chiodi nelle scarpe, di bambine fulminate, di erbe che guariscono, di saltimbanchi, di legami di sangue, di soffi all’orecchio, occhi pigri e identità rubate.
Una saga familiare a metà strada tra il magico e il tragico…in cui danzano una molteplicità di anime tanto surreali quanto disperatamente vere.

“A cinquant’anni suonati, quando il tempo s’è scelto una strada e la vita ha tutta l’aria di far meno rumore, il passato doveva darsi qualche scrupolo a mettere un piede avanti l’altro e rifarsi vivo. Era finita e io, per sempre fuori dalla grazia ma anche dal castigo, avrei portato innanzi ciò che restava col cuore dello scampato”.

Questo è un libro che “chiede”, chiede un’attenzione non indifferente, pretende impegno, concentrazione, dedizione alla storia… ma ripaga.
Ripaga con un linguaggio bellissimo, denso, che trasuda poesia, ricco di metafore, ricercatezza ed eleganza.
Un’eleganza che però non riesce a celare tutta la disperazione umana dei protagonisti, e s’impone con la sua amarezza.
Ma comunque sempre aperta alla speranza.

“…CHE QUALUNQUE BENE ESISTA A QUESTO MONDO (e in tutti gli altri possibili), CI PROTEGGA TUTTI. OVUNQUE.”

Antonella Russi
Annunci

2 pensieri su “OVUNQUE PROTEGGICI – Elisa Ruotolo #ElisaRuotolo #recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...