Mille splendidi soli – Khaled Hosseini #KhaledHosseini #recensione

*Leggere il mondo: Afghanistan

“Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti, né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri”

Saib-e-Tabrizi parlando della città di Kabul

Mille splendidi soli è un romanzo che racconta la vite di due donne afghane, Mariam e Laila, coraggiose e di carattere nonostante le avversità personali e la terribile storia del Paese in cui vivono, che condividono una casa (e un marito) per molti anni. E’ un libro famosissimo, che ho letto con ritardo e aspettative molto alte, e ammetto con dispiacere che non sono state del tutto raggiunte. So di essere in disaccordo con milioni di lettori e direi soprattutto lettrici, ma per me non è stata una lettura particolarmente memorabile.

E’ ovviamente un romanzo di qualità, d’altronde non soggiorni per mesi in cima alle classifiche del New York Times per niente, lo stile è in genere davvero lirico e la storia abbastanza ricca, abbracciando un periodo di quasi quarant’anni di vicende afgane. Manca il grande respiro corale dei capolavori della letteratura, però si legge con una certa scorrevolezza, e senz’altro raggiunge almeno uno scopo preciso, a fine lettura vuoi solo corcare di mazzate tutti i talebani che ti possano capitare sotto mano, e se sei donna, dopo averli corcati desideri passargli sopra con un trattore e poi ingranare la retromarcia. In questo senso, lo scrittore non sbaglia: il calvario delle vite di queste donne sottomesse al regime è descritto in modo grafico e crudele, la brutalità insensata di interi decenni passati a vivere in guerra, la pazzia sconfortante di certi estremisti religiosi, la psicosi malata di un sistema basato sul maschilismo più becero, tutto è reso in modo vivo e  drammatico. Purtroppo il patimento è così costante, il loro martirio così infinito, il sadismo (e diciamolo pure, la sfiga), così durevoli che all’ennesima brutalità da parte del marito manesco verso le protagoniste mi si scatenava una sorta di effetto Dickens al contrario: avrebbe dovuto essere così patetico nelle intenzioni dell’autore che l’esasperazione della situazione semplicemente mi tirava fuori dalla storia.

Aggiungo che non trovo Khaled Hosseini così bravo nella descrizione dei personaggi, che sono tutti o veramente cattivi, o irritantemente buoni. Anche le situazioni proposte sono sempre un poco stereotipate, alcune addirittura al limite della telenovela, e il voler contestualizzare momenti della storia dell’Afghanistan inserendoli nelle vite dei personaggi non gli riesce sempre, a volte pare di leggere un trafiletto di Wikipedia inserito tanto per chiarire una nozione mancante.

Detto ciò laddove la storia è scritta bene, è davvero scritta bene: l’inizio è superbo, così come la descrizione di certi momenti di vita comune, delle pietanze, della vita del popolino nella Kabul in guerra. Riesce a veicolare molto bene l’estremo sessismo e ignoranza di un regime, l’assurdità di negare diritti elementari come la salute o l’istruzione a una persona solo perchè è di sesso femminile, il considerare la libertà un abominio e il desiderio di cultura una blasfemia.

Riesce, soprattutto, a raccontare il vero destino delle donne che hanno vissuto sotto quel regime non come protagoniste, ma come vittime che potevano solo sopportare sperando in tempi migliori: chi aiutandosi in un grande cerchio di comune sorellanza con le altre donne, che è sempre un tema vivo e oserei dire sincero, chi cercando consolazione nell’unico amore disinteressato e puro delle proprie vite, quello per i figli.

Distesa sul divano, con le mani tra le ginocchia, Mariam fissava i mulinelli di neve che turbinavano fuori dalla finestra.
Una volta Nana le aveva detto che ogni fiocco di neve era il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. Che tutti i sospiri che si elevavano al cielo si raccoglievano a formare le nubi, e poi si spezzavano in minuti frantumi, cadendo silenziosamente sulla gente.
“A ricordo di come soffrono le donne come noi” aveva detto. “Di come sopportiamo in silenzio tutto ciò che ci cade addosso”.

Mi dispiace di essere rimasta un po’ delusa perchè ne avevo letto più che bene; però voi non fidatevi di me visto che è un best-seller apprezzatissimo, e se l’argomento vi attira leggetelo. Al di là di stile e talento ha in ogni caso il pregio di dare voce a persone che in Afghanistan non hanno potuto parlare per decenni, e avere questo come fine non è mai sbagliato.

Lorenza Inquisition

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...