Exit West – Mohsin Hamid #ExitWest #MohsinHamid #recensione

Exit West -Mohsin Hamid

Traduttore: N. Gobetti
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2017

“In tutto il mondo la gente fuggiva da dove si trovava, da pianure un tempo fertili e ora screpolate dalla siccità, da villaggi costieri minacciati dagli tsunami, da città sovraffollate e campi di battaglia insanguinati, e fuggiva anche da altre persone, persone che in alcuni casi aveva amato.”

No non è l’incipit de La Torre Nera, ma Exit West di Hamid.
C’è chi ha scritto che il ventunesimo secolo sarà ricordato come il secolo delle migrazioni: Hamid usa la migrazione come pretesto per parlare della vita, di come si aggrovigli intorno alle scelte che prendiamo, svuotandole delle intenzioni originarie e trascinandoci per miliardi di altre direzioni. È un romanzo sul crescere e sull’abbandonare, laddove come ha scritto Ester Armanino “crescere è abbandonare”: abbandonare i tuoi genitori, il tuo paese e i tuoi amici; ma anche abbandonare la tua identità, perché quando comincerai a migrare non sarai più Saed o Nadia, sarai un migrante, abbandonare il tuo stile di vita, abbandonare il tuo stile di vita, la doccia, abbandonare la protezione dello stato di diritto. E parallelamente alla migrazione come presa di congedo dalla propria vita quotidiana, Hamid descrive anche il secolo delle migrazioni come l’epoca della solitudine di Eros: si prende congedo dal proprio mondo come si prende congedo dalle relazioni e dall’amore. Saed e Nadia incarnano l’ideale dell’amore ai tempi del nichilismo. Cominciano a capire questa nuova forma di vivere le relazioni all’inizio del romanzo quando abbandonano il padre di Saed: “quando emigriamo assassiniamo coloro che ci lasciamo alle spalle” involontariamente forse, ma ciò non toglie il raffreddarsi e l’indurirsi dei propri sentimenti che altrimenti risulterebbero intollerabili. Fra di loro poi Saed e Nadia vivono questo raffreddamento gradualmente, lasciandosi andare un pezzo alla volta, finché non resta che separarsi e imparare a vivere senza l’altro che fino a poco prima rappresentava l’unico sostengo durante l’esilio.
Forse però non tutte le relazioni sono fatte per raffreddarsi e destinarci alla solitudine: ho trovato poetica e molto ottimista la parte in cui descrive i due vecchietti, di Amsterdam e di Rio de Janeiro, che per caso si incontrano attraverso uno dei portali magici che collega i continenti, e che si innamorano alla fine della loro vita.
Forse questo libro ha molto di più dentro di sè di quanto ho saputo descrivere, per questo l’autore usa la metafora delle porte, credo, nel libro: ognuno può, leggendolo, sbucare fuori a un’uscita inaspettata e che apre su una nuova prospettiva ancora da scoprire.

Stefano Lillium

DESCRIZIONE

«In una città traboccante di rifugiati ma ancora perlopiù in pace, o almeno non del tutto in guerra, un giovane uomo incontrò una giovane donna in un’aula scolastica e non le parlò». Saeed è timido e un po’ goffo con le ragazze: cosí, per quanto sia attratto dalla sensuale e indipendente Nadia, ci metterà qualche giorno per trovare il coraggio di rivolgerle la parola. Ma la guerra che sta distruggendo la loro città, strada dopo strada, vita dopo vita, accelera il loro cauto avvicinarsi e, all’infiammarsi degli scontri, Nadia e Saeed si scopriranno innamorati. Quando tra posti di blocco, rastrellamenti, lanci di mortai, sparatorie, la morte appare l’unico orizzonte possibile, inizia a girare una strana voce: esistono delle porte misteriose che se attraversate, pagando e a rischio della vita, trasportano istantaneamente da un’altra parte. Inizia così il viaggio di Nadia e Saeed, il loro tentativo di sopravvivere in un mondo che li vuole morti, di restare umani in un tempo che li vuole ridurre a problema da risolvere, di restare uniti quando ogni cosa viene strappata via. Con la stessa naturalezza dello zoom di una mappa computerizzata, Mohsin Hamid sa farci vedere il quadro globale dei cambiamenti planetari che stiamo vivendo e allo stesso tempo stringere sul dettaglio sfuggente e delicato delle vite degli uomini per raccontare la fragile tenerezza di un amore giovane

Annunci

2 pensieri su “Exit West – Mohsin Hamid #ExitWest #MohsinHamid #recensione

  1. Sembra interessante; è nel filone di un altro romanzo che ho appena letto e recensito, “Anche noi l’America” di Cristina Henriquez, e che sto consigliando a tutti. E’ un tema molto pregnante perché dà l’avvio a molte riflessioni, sull’uomo, sulla vita, so cosa sia veramente importante. Mi segno il titolo perché vorrò leggerlo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...