Finders Keepers (Bill Hodges Trilogy #2) – Stephen King #StephenKing

finders_keepers_us_full

Finders Keepers (in italiano Chi perde paga; ma perchè? why? WHY) è il secondo libro di una trilogia di King in cui il Re si cimenta con il poliziesco, con risultati non proprio proprio PROPRIO brillantissimi. Il primo della serie è Mr. Mercedes, che mi era anche piaciuto ma senza lasciarmi ansia di cominciare il secondo. Così ho fatto passare un po’ di tempo, ma ormai di King ho letto tutto, e quindi a noi due, cara la mia trilogia. La buona notizia è che per tutta la prima metà il libro mi è piaciuto veramente, ma proprio tanto. Poi, ahem.

I tre romanzi di questo ciclo hanno per protagonisti un trio di amici per caso: un detective in pensione, Bill Hodges; un ragazzo molto sveglio figlio dei suoi vicini, Jerome; e una loro amica very nerd con la sindrome di Asperger, Holly. Nel primo libro lo Scooby trio riusciva a sconfiggere sul pelo dell’ultimo minuto secondo un pazzo bastardo serial killer, sul quale Hodges stava indagando da anni, prima ancora di andare in pensione. Qui la storia si sposta completamente: il romanzo si apre con Mr. Rothstein, un Grande Scrittore Americano studiato nelle scuole e nei corsi di letteratura di tutto il Paese, famoso per aver dato vita negli anni ’60 a un ciclo di romanzi con protagonista un giovane ribelle senza causa, incarnazione per tutte le generazioni a venire della disillusione e del disincanto dei gggiovani d’oggi, che non si chiama Holden ma Jimmy Gold. Da lì il grande autore non ha più scritto nulla, ritirandosi dalle scene. Entra in scena un pazzo bastardo fan marcio malato di Jimmy Gold, che non perdona all’autore di aver rovinato -secondo la sua testa bacata-  il suo eroe, che nell’ultimo romanzo diventa adulto, va a lavorare, paga le bollette e compra casa. Cioè si vende, si imborghesisce, commette il massimo tradimento possibile verso il giovane che era, e verso tutti i giovani che rappresenta. Siccome questo succede negli anni 70, il matto bastardo non può andare a pazziare il suo disagio sui social trovando conforto negli altri scemi del paese come lui, così una sera si introduce in casa dello scrittore ottantenne, lo rapina, e lo ammazza (non sto spoilerando, succede tutto nelle prime venti righe di apertura). Il vero tesoro frutto del crimine non sono in realtà i soldi, ma un centinaio di blocchi Moleskine, vergati fitti fitti dalla scrittura del Grande Scrittore, che contengono tutto quello che ha prodotto in vent’anni di silenzio. Il pazzo bastardo non vede l’ora di mettersi a leggere, perchè ha intravisto in uno dei blocchetti il nome di Jimmy, e sa che quindi c’è un sequel del suo eroe. Ma non riuscirà a leggerlo: fa appena in tempo ad arrivare a casa e nascondere la refurtiva, quando lo arrestano  per un altro suo crimine, e viene sbattuto in carcere per trent’anni. Nei primi anni del 2000, venticinque anni dopo, un ragazzino di nome Pete, i suoi genitori e la sua sorellina si trasferiscono nella casa dove un tempo abitava il pazzo bastardo, che langue in carcere sperando in un’amnistia, sognando di prendere in mano i Moleskine. La famiglia di Pete sta attraversando tempi molto duri, il padre ha perso il lavoro e ha subito un grave infortunio, la crisi impera, i debiti sono schiaccianti, e per le preoccupazioni i genitori si scannano quotidianamente. Un giorno, per puro caso, Pete incappa nel baule che contiene ancora i Moleskine, e i soldi della rapina: userà questi per aiutare la famiglia a risollevarsi, e leggerà tutti i diari, diventando un lettore accanito, un bravo studente, amante della letteratura, e di Jimmy Gold in particolare. Passa qualche anno, e il pazzo bastardo esce di prigione. I due fan di Jimmy Gold sono, capiamo con raccapriccio e intima delizia di lettori, su una rotta di collisione destinata a scontrarsi. E’ a questo punto, alla metà del libro, che entra in scena lo Scooby trio, tirato pure per i capelli, e si sente. Innanzitutto la storia, che ha progredito per 250 pagine a un buon ritmo, costruito su una certa suspense laddove capiamo che inevitabilmente i due dovranno affrontarsi, si ferma. Perchè per far sì che questo romanzo stia in piedi come opera autonoma, King deve spiegare chi sono ‘sti tre nuovi figuri a chi è un lettore occasionale, e anche giustificarne la presenza nella storia, cosa che viene fatta in modo raffazzonato a dir poco. Poi il loro intervento è praticamente inutile, se non fastidioso: tutta la trama fino a questo punto è strutturata sui personaggi di Pete e del pazzo bastardo, due figure opposte in tematiche e carattere, di cui sappiamo tutto. Quando arriva lo Scooby trio, si cerca di inserire un elemento mistery con loro tre che indagano per capire quale sia il problema nello specifico, e per fare questo, mentre il pazzo è uscito di prigione e cerca i Moleskine, o meglio chi glieli ha rubati, con noi che ci mangiamo le unghie sperando che Pete vada alla polizia, i tre inanemente vagano chiedendo cose e facendosi domande su questioni di cui noi sappiamo già tutto, una roba assolutamente inutile e frustrante. La fine della storia ha una certa grazia, ed è propedeutica alla lettura del terzo libro; ma la trama dalla seconda metà del libro si ammoscia come una omelette brusciata da entrambi i lati.

King ha dichiarato di aver voluto provare a cimentarsi con questa trilogia nel genere del crime fiction, e di averlo trovato insolitamente difficile da gestire. Meno male che se lo dice da solo, via. Il Re ha un dono per raccontare storie che si sviluppano su un arco narrativo lungo a volte anni; è un narratore lento, che si prende il suo tempo, e fa bene. Il ritmo di un thriller ben fatto è costipato, spesso compresso in poche ore; e credo che, semplicemente, King non abbia questa marcia di racconto. Soprattutto, non credo possa trovarla alla sua età, e dopo tutto quello che ha scritto. Non è detto, eh. Ma per ora, comunque, non ce l’ha.

Spettacolarmente affascinanti in questo libro, comunque, sono i momenti in cui il Re scrive di libri, letteratura, e lettori. E’ una cosa che ha fatto sovente nei suoi romanzi, parlando con lirismo e sincerità sia dell’atto della creazione e della scrittura, sia della ricezione da parte del lettore. Soprattutto, riconosce in entrambi gli aspetti della questione una particolare forma di magia, che a volte, essendo King, implica anche un certo grado di wodoo, che ve lo dico a fare.

Con il pazzo bastardo di Finders Keepers, il Re ha creato forse uno dei suoi peggiori incubi, un fan che crede di possedere il personaggio, e diventa violento nel momento in cui giudica l’autore colpevole di aver trattato male il suo eroe. E’ ovvio che venga in mente Annie Wilkes di Misery, in questo senso; ma Annie capiva che il suo personaggio preferito era, appunto, la creazione della mente di un autore,  della quale voleva solo controllare la storia riscrivendola a suo gradimento. Qui il pazzo si identifica con Jimmy Gold, vedendolo come una persona reale che subisce un torto, e si fa carico di raddrizzare questa ingiustizia punendo il colpevole, l’autore. Al tempo stesso contrasta con Pete, che è il lettore sano, quello che è contento di lasciarsi guidare dalla magia dello scrittore ovunque questa lo porti, che è felice di immergersi nel piacere della parola scritta, e che soprattutto rispetta e stima enormemente l’uomo, l’artista, che possiede il dono della scrittura.

Finders Keepers non è un brutto libro, è a tratti davvero interessante, e a volte noioso e prevedibile, che non è proprio la massima critica possibile, parlando di un thriller. E’ comunque un King più che decente, ma siamo sempre lì: se avete letto tutto del Re, sapete cosa può fare. E quando non lo fa, un po’ di delusione c’è sempre. Lo consiglio solo a completisti Kinghiani.

Lorenza Inquisition

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...