The Bazaar of bad dreams – Stephen King #StephenKing #Bazaar

Recensione spoiler free.

bazaar

The Bazaar of bad dreams (il Bazaar dei brutti sogni) è l’ultimo Stephen King uscito in Italia, il penultimo in America. Si tratta di  una raccolta di racconti, tutti scritti negli ultimi anni, il più vecchio è del 2009, alcuni già pubblicati su riviste americane o per Amazon Kindle single.

Sono storie scritte in periodi diversi su argomenti diversi, anche se c’è un tema ricorrente, ed è la morte: certo è un argomento che è sempre stato presente ovunque nella bibliografia di King, ma ho avuto la netta sensazione che avvicinandosi ai 70 il Re contempli più di prima l’argomento specifico della morte di gente anziana, e dell’aldilà. Ci sono storie di chi sta per morire in una casa di riposo, di chi ci arriva con l’Alzheimer, di chi è morto e si avventura nell’altro mondo.

Sicuramente non la definirei una raccolta horror, se non avete letto molto di King e volete qualche racconto classico suo consiglio tutto quello che ha pubblicato prima, in ordine cronologico. In questo libro ci sono giusto tre o quattro storie paranormali, anche se è vero che la paura reale, come ogni Fedele Lettore sa, non è nel mostro, ma nelle parole che lo descrivono. E il Re quando ha ancora voglia, spaventa. Qui tutto sommato non ne ha tanta voglia, quasi mai, ecco.

Io avevo già letto due delle novelle più lunghe presenti qui, Mile81 e Ur, che trovo  molto molto buone. In realtà il libro ha una decina di storie di buon livello, ahimè solo un paio di eccezionali, due o tre bruttarelle, una noiosa, ma nel complesso poca roba brutta. Però neanche tanta roba eccezionale, quindi che dire, buon livello è bene e mi fa piacere, ma se devo paragonare questo all’ultima raccolta Notte buia niente stelle (parlando dell’ultima produzione di King) non ci siamo tanto, anzi per niente. Siamo sul tre stelle e mezzo, ma è King, se vuole viaggia sul filo delle cinque stelle, quindi insomma, il mio giudizio è un po’ un MEH però anche un VABBE’.

Ci sono anche due racconti in forma di poema, non sapevo bene cosa pensarne prima di leggerli, perchè la poesia -per me, almeno- teoricamente non scorre come la prosa, nel raccontare una storia complessa, anche se sì, ho letto e amato Coleridge e lo trovo l’eccezione che conferma la regola. Però il Re avvisa il Constant Reader, dice che ha semplicemente scritto una storia, come qualsiasi altra, e l’ha fatto perchè se ne goda, non per dissezionarla, e quindi ho letto i due poemi cercando di non avere pregiudizi. Rimango dell’idea che The Bone Church, scritta in prosa, sarebbe stato un racconto eccellente; così com’è, mi è piaciuto abbastanza e nulla più.

Tutto sommato la cosa che davvero mi è piaciuta di questo libro sono le piccole introduzioni che King scrive di suo pugno all’inizio di ogni racconto.

Quindi, finito e archiviato anche il Bazaar, lo metto sullo scaffale alto di King, grata, riconoscente, ma un po’ peccato.

Lorenza Inquisition

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...