Il respiro della cenere – Jean Christophe Grangé

grangè

A questo thriller ho assegnato il massimo dei voti, anzi peccato che ne ho a disposizione solo cinque! Va beh, mi direte, “è il uo autore preferito”. Vero, ma penso che questo si sia meritato, nella sua pur fantastica bibliografia, il premio come miglior thriller di Grangé.
La storia:
Un poliziotto, un po irascibile, è profondamente appassionato della cultura giapponese, ma della cultura al tempo dei samurai, dell’onore, della violenza ma anche della poesia del vecchio Giappone. Ha una moglie, guarda caso giapponese e poco amante delle tradizioni del suo paese, e due bei figli che il poliziotto adora.
Oltre che dal Giappone il nostro ispettore è ossessionato da un serial killer che se la prende con donne che aspettano un bambino. Le rapisce, le tortura, le “sventra” e dà fuoco al feto. Fin qui tutto nella norma….o quasi.
Verso metà racconto il serial Killer si suicida, ma per il poliziotto e la sua famiglia (già in crisi e in via di divorzio) i guai, se così si può dire, peggiorano, hanno un’escalation che lo porterà proprio in quel Giappone (che ama tanto e che in fondo conosce poco) dove avverrà lo scontro finale per salvare sua moglie ed i suoi adorati figli.
Grangé, oltre a dare alla storia un ritmo incalzante, in questo romanzo ti porta più volte a sospettere di un personaggio per poi farti ricredere nelle pagine successive, semina sangue e violenza ma con giusto equilibrio. Per concludere come diceva Petrolini “mi ha piaciato proprio”.

Giancarlo Zeppa

DESCRIZIONE

Parigi. Nel buio di un garage viene ritrovato il corpo di una donna brutalmente assassinata. Nei paraggi, un paio di guanti da chirurgo ancora intrisi di sangue. L’ennesimo spietato delitto del serial killer che da mesi spaventa la città. La sola persona in grado di occuparsi di un’indagine così complessa è il solitario ispettore Olivier Passan. L’uomo sta attraversando il periodo più difficile della sua vita: la separazione dalla moglie giapponese Naoko, la madre dei suoi due figli. Eppure non può permettersi distrazioni, perché il modus operandi dell’assassino fa pensare a una mente malata e pericolosa. Tutto porta verso un unico sospettato: Patrick Guillard, un ermafrodito abbandonato dalla madre alla nascita. Passan è convinto che il colpevole sia lui. Ma ha tra le mani pochi indizi, non c’è nessuna prova schiacciante. Proprio quando sta per incastrarlo, Guillard si dà fuoco, portando a termine il suo piano folle. Un piano che si ispira alla leggenda mitologica dell’Araba Fenice: l’uccello che una volta morto rinasce dalle proprie ceneri. Tutto sembra perduto. In realtà per Passan è solo l’inizio. Il caso non è affatto concluso e una minaccia incombe su ciò che ha di più caro: i suoi figli. L’ispettore ha bisogno di risposte. Risposte che solo Naoko, fuggita in Giappone, può dargli. Risposte che affondano le radici in quella tradizione millenaria che li univa: l’arte dei samurai. Una verità inquietante lo aspetta, nella quale tutto quello che ha sempre creduto è in realtà una bugia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...