Biografie: Tre abiti bianchi per Alessandra – Lucy Napoli Prario #GabrieleDAnnunzio

“…Per tutte le ragioni più sopra esposte mi vedo costretta a privarmi dell’onore di ospitare ulteriormente la signorina Vostra figlia ed è con vero rincrescimento che vengo a pregare l’Eccellenza Vostra Illustrissima di venire o mandare qualcuno a ritirarla, riconoscendo purtroppo che l’educazione collegiale è inadatta alla vivacità del suo temperamento. Voglia perdonarmi V. E. e credermi
Dev.ma
Suor Matilde de Boisjourdan

Ora il Presidente del Consiglio, marchese Antonio di Rudinì, è nel parlatorio di Trinità dei Monti in presenza della superiora e della figlia.
Per nulla intimidita Alessandra lo guarda sorridendo; finge di non accorgersi dell’impazienza e della collera che traspare dal suo sguardo.
Infatti il marchese non riesce a sorridere. L’uomo abituato ad affrontare con disinvoltura le situazioni più gravi si trova ora a disagio di fronte a una piccola mortificazione personale e familiare: sua figlia, scacciata dal collegio come una borghese qualsiasi! Egli soffre per questa umiliazione in tutte le fibre del suo aristocratico orgoglio”.

alessandra_dannunzio

Nel gennaio del 1932 moriva in convento in Francia la marchesa Alessandra di Rudini Carlotti, diventata da pochi anni suor Maria di Gesù.
Apparteneva a una ricchissima famiglia di origini sicilane, il padre era stato a lungo primo ministro.
I 3 abiti bianchi a cui fa riferimento il titolo, scandiscono la sua vita. Quello della prima comunione che da ragazzina ribelle la cambia interiormente e la fa avvicinare alla religione ma in maniera scettica e piena di dubbi. Alessandra cresce in una famiglia ricca, nobile per parte di madre e liberale. Respirerà aria di sufficienza e indipendenza, protetta anche dal prestigio e dall’autorevolezza del padre, che gestisce il latifondo e il potere politico con abilità e con successo.E’ anche una splendida ragazza. Oltre la prestanza fisica -a sedici anni misura 1,82 in altezza- è evidente in lei la intelligenza e la sicurezza di s
Il secondo abito bianco è quello del matrimonio che fu però infelice per via di una grave e repentina malattia del marito che la rese vedova a soli 24 anni, dandole 2 figli che moriranno adolescenti a causa della stessa malattia del padre.
Nel mezzo la marchesa ebbe una relazione con D’Annunzio, ovviamente turbolenta, un’avventura che inizia con un primo incontro, quasi casuale nel foyer di un teatro romano,  quindi con l’effettiva convivenza dopo un anno di corteggiamento – e durerà in tutto tre anni, trasgressivi, estrosi, ribelli. La personalità di Alessandra non è completa se è vista solo in ciò che ha di mondano. Alessandra è comunque anche una donna colta, una mente impegnata nell’apprendimento, nella ricerca, nell’approfondimento. Arriveranno i giorni nei quali si constata la fragilità delle nostre difese, saranno i giorni della malattia, del dolore, la donna deve sottoporsi a numerosi interventi chirurgici per problemi ginecologici.

Infine, stanca di una vita agitatissima, dopo un percorso preparatorio, indossa il terzo abito bianco e diventa carmelitana, e in seguito priora, realizzatrice di fondazioni prestigiose – tre monasteri – finchè anche per la sua salute i segni del logoramento e le sofferenze si faranno evidenti.
Muore poco più che 50enne, malatissima ma serena.
Il libro contiene un ampio carteggio intercorso fra lei e il Vate.
Credo di aver letto raramente libri che contenessero così tanti eventi negativi, specialmente riguardo alle salute.
Il modo in cui è scritto mi ha fatto sorridere. Melodrammatico e lirico.
Ps. Lei era un donnone di 182 cm e me la sono immaginata col D’Annunzio così mingherlino.

Raffaella G.

tre-abiti-bianchi-per-alessandra-lucy-napoli-prario

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...