Teo De Luigi – Eravamo solo numeri #GiornoDellaMemoria

eravamo

“Un ragazzo di diciannove anni, uno come quelli che domani avrò di fronte in classe, un giorno di marzo del 1944 decise di incrociare le braccia accanto alla macchina alesatrice alla Piaggio di Finale. Facendo quel gesto così banale non pensava di scegliere il suo destino. Sceglieva solo da che parte stare, e forse neppure quello. Sceglieva solo di non mettersi dalla parte sbagliata, quella dei nazifascisti.
Antonio Arnaldi, detto Tunittu, dopo quell’azione così normale fu deportato a Mauthausen, soffrì ma sopravvisse. Tornò a Finale, riprese a lavorare alla Piaggio e cominciò la sua nuova vita di testimonianza fra i giovani che dovevano sapere.

La sua storia, raccontata nel libro “Eravamo solo numeri” di Teo De Luigi ci ricorda che, se esiste la banalità del male che trasforma la più inconcepibile e inumana efferatezza in un meccanismo  assurdo e burocratico, esiste anche la semplicità del bene”.

Teo De Luigi – Eravamo solo numeri

Quella di Antonio Arnaldi, detto “Tunitto”, l’ultimo deportato di Finale Ligure a Mauthausen. “Tunitto”, scomparso lo scorso settembre a 90 anni, il primo marzo 1944, è un operaio allo stabilimento Piaggio di Finale e partecipa a uno sciopero, uno dei tanti di quel periodo, segnato dalla fine del Fascismo e dalla lotta partigiana al Nord contro l’occupazione tedesca e la Repubblica Sociale. Lo vanno a prendere a casa, e dopo qualche giorno trascorso in trasferimenti tra Genova e Bergamo, finisce imbarcato su un treno diretto ai campi di concentramento. finisce nel campo di Gusen, racconta ciò che ha visto, vissuto e subìto e lo fa a distanza di decenni con un tono asciutto che non contrasta con la drammaticità della storia. I tempi e i ritmi del campo, la sveglia, il lavoro, il terrore di morire da un momento all’altro, la fame. L’assenza di limiti nell’umiliazione delle persone, ciò che ha fatto dire a Primo Levi “Se questo è un uomo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...