Il magico potere del riordino – Marie Kondo

magico-potere-del-riordino2

Poiché il nippo annoi ce intriga (ma le balene, nun se scordamo le balene! e il poro pesce nudo e crudo, così come la mamma l’ha fatto!) – vabbè dai chi è senza contraddizioni scagli la prima pietrona – ecco che ti casco, complice la bella amica ammé che ci piace assai assai il giappo, sul magico potere del riordino. Che uno dice, daje, me ce metto de buzzo buono e in men che non si dica, metto a posto la qualunque. Seh…ingenui creduloni che non siete altro. Il riordino è una scienza esatta e ci si deve credere e dedicare parecchiamente. Ma tranzolli, c’è la Marie che c’insegna per benino come fare. Innanzitutto frullare via. Sacconi neri su sacconi neri non senza aver prima ringraziato vestiti, libri, soprammobili, scarpe, monetine, sciué sciué, per il lavoro che hanno fatto per noi. Ma prima ancora di buttare, toccare l’oggetto e sentire se ci comunica qualche sentimento, si ce fa sbrilluccicare l’occhi, se implora pietà o s’arende senza combattere. Dopodichè si procede a riordinare. C’è un metodo, mica cippette. Non ve lo svelo sennò è un cavolo e tutt’uno, però esso esiste eccome.
Ora, io essere razionale e perciò poco incline alle robbe maggiche feng shui, i chakra, la posizione dell’elefante, il saluto al sole, l’amore tantrico, tutto belbello ma io troppo rozza per imboccare sta china di spiritualità e la tisana al finocchio/zenzero/malva/melissa damojela ar sorcio che io me magno la matriciana e vabbè ecco, una donna tera tera, sono alla fin fine. Però qualche trucchetto della Marie lo proverò, buttare ho buttato alla grandissima, iersera tornata a casa l’ho salutata (tuttapposto qui, che se dice?) e riponendo le scarpe le ho ringraziate per il lavoro svolto durante il giorno (manco tanto daje, si eravate di Abebe ve diceva peggio, io penso). Toy story, spicciame casa!

Lazzìa

“Sullo sfondo c’è un problema culturale. Io non sono giapponese e il mio carattere non è adatto ad apprezzare quella società, le sue norme e i suoi schemi sociali. Prendetelo come un dato di fatto. In questo rientra il fastidio che provo nel leggere consigli come quello di “parlare” con i propri oggetti e la casa (“buongiorno casa, sono tornato”, “grazie scarpe per il buon lavoro di ieri”, “grazie maglione per avermi scaldato”). Sono refrattario a questa roba, mi fa venire voglia di tirare il libro contro un muro. Naturalmente ci saranno persone che invece apprezzeranno. Queste però sono le MIE impressioni di lettura, e questo è quello che provo”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...