Waiting for Godot – Samuel Beckett #AspettandoGodot

godot

E’ innegabile che le opere teatrali vadano esperite nel luogo per cui sono nate, però che fai, non te le rileggi prima di andare?
E’ così che mi sono trovata a riprendere in mano il capolavoro del teatro dell’assurdo del caro Beckett, studiato decenni fa.
C’è una miriade di temi in soli due atti, dal linguaggio semplice e ripetitivo: solitudine, sofferenza, aridità, incomunicabilità, amicizia, dipendenza, avidità, violenza, schiavismo, immobilità, oppressione, religione, paura, dolore ma anche e soprattutto speranza. La speranza che fa tornare Estragon e Vladimir nello stesso posto, accanto all’albero spelacchiato, tutti i giorni. La speranza che possa esserci un mondo migliore, libero da condizionamenti e oppressori. La speranza che possa esistere una vita migliore in cui non c’è bisogno di intrattenersi in attesa di qualcosa o qualcuno.
Di certo le puntuali descrizioni esterne ai dialoghi aiutano ad immaginarsi le azioni che compiono i protagonisti sulla scena, ma sono proprio quelle reiterazioni, la mimica e la gestualità che lo rendono “assurdo” e che vanno viste dal vivo per amplificarne ulteriormente il senso. Teatro che al giorno d’oggi tanto assurdo non è più, almeno dal punto di vista delle tematiche che affronta. Forse assurdo nella modalità in cui vengono proposte, ma che fa riflettere ancor più sullo stato attuale della società, tutta.

Owlina

DESCRIZIONE

Aspettando Godot (in francese En Attendant Godot, in inglese Waiting for Godot) è la più famosa opera teatrale di Samuel Beckett.

Viene associata al teatro dell’assurdo, ma va specificato che non esiste alcun genere teatrale o movimento artistico così denominato. Il termine fu infatti coniato da Martin Esslin in un suo saggio in cui trova alcuni punti in contatto con le opere di diversi drammaturghi tra cui, oltre lo stesso Beckett, Ionesco, Adamov, Genet e altri ancora. Non vi furono manifesti, progetti, movimenti e scuole denominate “teatro dell’assurdo”.

Dramma costruito intorno alla condizione dell’attesa, Aspettando Godot venne scritto verso la fine degli anni quaranta e pubblicato in lingua francese nel 1952, cioè dopo la seconda guerra mondiale, in un’epoca post-atomica. La prima rappresentazione si tenne a Parigi nel 1953 al Théâtre de Babylone sotto la regia di Roger Blin, che per l’occasione rivestì anche il ruolo di Pozzo. Nel 1954, Beckett – autore irlandese di nascita – tradusse l’opera in inglese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...