John Steinbeck – I nomadi #johnsteinbeck #IlSaggiatore

“Quando hanno bisogno di noi, ci chiamano migranti, e quando abbiamo finito il raccolto, diventiamo vagabondi e dobbiamo toglierci dai piedi”

nomadi

Su incarico del San Francisco News, nel 1936 John Steinbeck visitò i campi che accoglievano i braccianti che, spinti dalla Grande Depressione e dalle tempeste di sabbia che avevano devastato i terreni agricoli di buona parte degli Stati Uniti, erano affluiti in massa in California alla ricerca di lavoro.

Ne ricavò una serie di sette articoli pubblicati tra il 5 ed il 12 ottobre di quell’anno, successivamente raccolti sotto il titolo di The Harvest Gypsies (che, ancora una volta, è più bello e pertinente di quello assai generico scelto per la traduzione italiana) che vengono ora pubblicati per la prima volta – meglio tardi che mai, no? – in Italia.

Non solo il ritratto dell’umanità dolente e delle drammatiche condizioni di vita dei migranti costretti a muoversi incessantemente seguendo la stagione dei raccolti, ma anche un’analisi delle responsabilità di coloro i quali, per garantirsi manodopera a basso costo, favorirono – negli Stati Uniti d’America e nel ventesimo secolo – questa situazione di sfruttamento e di prevaricazione di ogni diritto, ostacolando ogni tentativo di migliorare le condizioni di questi lavoratori.

Ed anche un manifesto del New Deal di Franklin Delano Roosevelt, entusiastico e persino un po’ imbarazzante (la descrizione dei campi ufficiali allestiti dal Governo come una sorta di Paradiso in terra appare decisamente esagerata).

In ogni caso, le radici di Furore: se si vuole comprendere da dove sia arrivato Tom Joad, lettura alquanto consigliata.

E pure con una serie di splendide foto di Dorothea Lange.

(se qualcuno vuole leggerseli in originale – il primo lo trova qui: http://newdeal.feri.org/steinbeck/hg01.htm e gli altri semplicemente cambiando il numero dopo hg, ovvero 02, 03, 04….)

PS: se qualcuno ci dovesse trovare delle analogie con altre, più attuali, storie di migranti, non sarò certo io a contraddirlo.

luciano re

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...