Jane Austen, a life – Claire Tomalin #JaneAusten #recensione

jane-austen

E’ verità universalmente riconosciuta che la lettura dell’opera omnia austeniana non può non essere accompagnata da un approfondimento biografico. E quale migliore resoconto della sua vita se non questo “Jane Austen, a life” di Claire Tomalin?

Ammetto di non averne lette altre e che probabilmente dopo questa, risalente ormai al 1997, ne saranno state pubblicate altre mille; di certo però, non siamo di fronte alla solita carrellata di eventi che ripercorrono le gesta dell’autrice, ma siamo affascinati da pagine che, per quanto scontato possa apparire, ci trasportano dritti dritti nell’Inghilterra di fine ‘700/inizi ‘800, e ancor più ci catapultano in quella società così sfacciatamente attaccata all’etichetta e al bon ton di un’epoca formidabilmente ritratta dalla stessa scrittrice, con estrema vitalità e coinvolgimento.

Dopo i primi capitoli – di un tedio inenarrabile! – sulle varie gravidanze di Mrs Austen, ma soprattutto sulle varie acquaintances & connections dell’intera famiglia (che ce ne fregherà mai a noi di tutti i santi vicini del priorato?? E invece … bisognerà ricredersi), si giunge al vivo della questione quando finalmente riusciamo a immaginare la giovanissima Jane alle prese con i suoi primi gioielli letterari. Succhiamo linfa dalle pagine come se stessimo leggendo uno dei suoi romanzi e lei ne fosse la protagonista incontrastata: quanta soddisfazione saperla concentrata su carta e calamaio, nella solitudine della sua stanza ricoperta di carta da parati azzurra, nei ritagli di tempo concessi all’interno di una casa sempre affollata di gente, ospiti e studenti del padre. O saperla alle prese con la preparazione per un ballo o una rappresentazione teatrale serale nelle stesse, quattro mura domestiche. E che meraviglia viaggiare in sua compagnia tra visite a parentado e conoscenze varie alla scoperta della più nascosta e inesplorata campagna inglese o delle cittadine della costa, tra Hampshire, Devon e Dorset fino alle meno desiderabili gite cittadine a Bath o Londra.

What she did depend on was particular working conditions which allowed her to abstract herself from the daily life going on around her.”

Non sono solo gli avvenimenti quotidiani ad essere narrati, ma è vivida la percezione della sua interiorità: quella della fervente divoratrice di versi e prosa come quella della giovane innamorata pronta ad affrontare i pettegolezzi e gli scandali per un comportamento troppo sfrontato, l’attenzione destinata ai commenti relativi ai suoi scritti in età matura, fino alla realistica considerazione della sua dipendente condizione femminile, così aliena e lontana da quello spirito libero e sagace.

“The world of her imagination was separate and distinct from the world she inhabited.”

Arduo star dietro a tutti i componenti familiari, le doppie cognate-mogli dei fratelli e la carrettata di figli e nipoti, che contribuiscono e non poco a materializzare quel clima di socializzazione, quasi tappa obbligata e necessaria, della piccola borghesia del tempo e soprattutto grazie ai quali, la Tomalin ripercorre con agilità e scioltezza l’intera, seppur breve vicenda.

Merito e plauso ad un immenso lavoro di ricerca, dove anche la più piccola annotazione di diario o riferimento epistolare è stato preso in considerazione per cercare di delineare, per quanto possibile, l’esperienza e tutto ciò che ha reso la Austen uno dei capisaldi della letteratura di tutti i tempi.

“As a child recovering from the school years, she found the power to entertain her family with her writing. At the same time, through her writing, she was developing a world of imagination in which she controlled everything that happened. She went on to create young women somewhat like herself, but whose perceptions and judgements where shown to matter; who were able to influence their own fates significantly, and who could even give their parents good advice. Her delight in this work is obvious. She was pleasing herself at least as much as she was impressing the family circle, and the possibility of reaching a wider audience was a further excitement and spur.”

Owlina

Jane Austen: a life – Claire Tomalin #JaneAusten

‘Truly marvellous. I cannot think that a better life of Jane Austen then Claire Tomalin’s will be written for many years. Her readings of the novels are full of brilliant insights. She often seems to be standing behind Austen’s desk, observing her writing’ Philip Hensher, Mail on Sunday

austen
Sappiamo molto poco della vita della cara Jane, un po’ per la mancanza di eventi eclatanti, un po’ per la sua naturale riservatezza, rispettata dalla sua famiglia tanto che gran parte delle sue lettere sono state distrutte.

La Tomalin segue la cronologia essenziale della sua vita, intrecciandola con quella dell’intera famiglia, mostrandoci Jane nei panni di volta in volta di figlia, sorella, zia, presente e devota. Sappiamo delle diverse fortune professionali e matrimoniali dei numerosi fratelli e conosciamo figure quasi romanzesche come quella della cugina “francese” Eliza. Vediamo Jane nella sua infanzia circondata da maschi (fratelli e studenti del padre), nelle sue probabilmente non felici esperienze nelle boarding school; nelle prime recite messe in scena in famiglia e nelle sue prime prove letterarie, dal gusto gotico e addirittura macabro. La seguiamo nei suoi primi balli (era un’instancabile ballerina!) e la accompagniamo nella sua unica e deludente esperienza romantica con Tom Lefroy. Di questa esperienza ci rimangono le lettere alla sorella Cassandra “in which Jane is clearly writing as the heroine of her own youthful story….just for a brief time she is enacting instead of imagining”. In seguito a questa esperienza e a quella ancora più triste di Cassandra, che perde tragicamente il suo fidanzato, il rapporto tra le sorelle, entrambe precocemente rassegnate al nubilato, diverrà strettissimo, quasi simbiotico. Ma Jane continuerà ad essere vivace, curiosa, sarcastica e ad anelare all’ indipendenza (“she was learning to see that spinsterhood…could be a sort of freedom”) enormemente limitata dalla mancanza di denaro e di una casa propria. Dopo la prima stesura dei primi romanzi, a Steventon, Jane abbandona infatti la scrittura per ben dieci anni, costretta dalle vicissitudini famigliari prima a trasferirsi a Bath e poi a frequenti spostamenti, fino alla definitiva residenza a Chawton. Nel piccolo e accogliente cottage che oggi è sede della Jane Austen Society, Jane potrà dedicarsi alla riscrittura di “Orgoglio e pregiudizio” e “Ragione e sentimento”, che vedranno finalmente la luce, e alla composizione dei successivi romanzi. La sua identità di autrice rimarrà, almeno in un primo momento, nell’anonimato e Jane potrà gioire e discutere delle sue creazioni solo in famiglia. Ma da subito potrà godersi il suo primo guadagno, indispensabile mezzo verso l’indipendenza e la libertà.

Arianna P.