Leggere Stephen King – a cura di Brian James Freeman #StephenKing #BrianJFreeman – Independent Legions Publishing

È una cosa generazionale, credo. I suoi libri che ami sono quelli che hai letto per primi, quando sei salito sulla giostra.

Edizione italiana della raccolta di saggi Reading Stephen King (2017, Cemetery Dance) a cura di Brian J. Freeman, contenente contributi dedicati alle opere di King scritti da grandi autori, registi, saggisti e semplici appassionati.

Leggere questo libro mi ha innanzitutto insegnato che in America si scrive tanto, ma veramente tanto, su Stephen King: se ne parla nelle Università, si scrivono libri sulle sue opere e sulle illustrazioni delle sue opere, si analizzano tematiche e stile. Ma soprattutto, lo si cita, lo si studia, si scrive di lui, parecchio, da anni e anni, senza vergogna.

Data la vastità della produzione kinghiana, i saggi sulla sua produzione (non solo solo letteraria, dobbiamo considerare anche “l’indotto”: quella cinematografica, fumettistica, televisiva e persino di illustrazione, grafica e non), credo che sia stato difficile assemblare Leggere Stephen King, che presenta contributi diversi per importanza e qualità. Si spazia dall’esaminare un racconto a un particolare di un romanzo, da un intero ciclo di tematiche alla lettura (o scrittura) di una sceneggiatura.

Brian Freeman ha riunito un po’ di tutto: c’è una prefazione scritta da Frank Darabont (regista de Il miglio verde e Le ali della libertà) e il discorso che Clive Barker ha tenuto per la consegna di un premio alla carriera a Stephen King. C’è un racconto di Rocky Wood (scrittore australiano che dedicò gran parte della sua esistenza a ricerche e storiografia su King, andando a scovare addirittura due racconti scritti al liceo dal Re dei quali il Re stesso non possedeva copie, e autore di una enciclopedia kinghiana di 6000 pagine in cd-rom contenente ogni personaggio, luogo e riferimento delle opere di King, compresa cronologia delle storie, che pare lo stesso ufficio stampa del Re consulti alla bisogna) su cosa fare per poter leggere alcune delle numerose opere inedite (in genere incompiute, ma non tutte) sparse in giro per biblioteche del Maine o archivi di giornali americani che hanno pubblicato almeno uno dei suoi racconti, alcuni dei quali non ancora raccolti in opere ufficiali. C’è la storia di Mick Garris (regista e sceneggiatore di film horror) che ha scritto e riscritto per Spielberg l’adattamento de Il Talismano, che a causa di varie e alterne vicende di case di produzione e reti televisive non ha mai visto la luce (per ora, pare che forse il progetto sia stato ripreso).

Ci sono disamine di alcuni titoli kinghiani, con una che approfondisce i vari passaggi editoriali di King nel corso degli anni. Ci sono ovviamente molte storie di collezionisti, e altri racconti più intimi di come un libro (o più) di King abbiano accompagnato alcuni fan nelle loro vite. In questo è un libro piacevole e interessante, perchè si passa da momenti di vera e propria critica letteraria ad altri di semplice intrattenimento.

E, quantomeno al maggio del 2013, finisce un’odissea iniziata più di trent’anni prima. In tutte le fasi della mia carriera professionale – che si trattasse di insegnare alla Pepperdine, dov’ero visto come un’anomalia, uno spericolato, e anche un po’ fuori di testa; o di scrivere come studioso, critico, bibliografo, poeta, saggista, o romanziere – Stephen King ha gettato un’ombra imponente su tutte le mie scelte. La parola chiave, qui, è proprio scelte.

Due storie mi sono rimaste impresse su tutte: una è quella del professor Michael R. Collings, docente universitario che nel 1985, quando eravamo ancora tutti piuttosto giovincelli, lui e King compresi, fu avvicinato da uno studente con cui aveva una certa confidenza, che gli chiese se conoscesse Stephen King come scrittore. Il professore rispose che no, non aveva letto nulla di King. Dovrebbe, gli disse lo studente. Il Collings andò quindi a comprarsi La zona morta, e da lì come si dice, è storia. Questo vale in fondo per noi tutti Fedeli Lettori, più o meno è andata per tutti così, tolte le variabili dei diversi titoli o periodi in cui abbiamo cominciato a leggerlo. Ma il Collings va oltre: inizia a proporre articoli e saggi sul Re durante conferenze professionali e nelle proprie lezioni in Università, e scrive riflessioni serie su quella che era una impensabile volgarità per la critica letteraria mainstream: la complessità della narrativa fantastica. E poi, facendola breve, nei primi anni Novanta Michael R. Collings riceve dal suo editore letterario il progetto di un saggio monografico prima su King come Richard Bachman, e poi su King tout court. Saggi che Collings scrive, amplia, ripubblica negli anni, perfeziona, aggiunge: perchè le case editrici scoprono che Stephen King non vende solo come romanziere. Si vendono anche i libri su di lui e sulla sua opera, e tanto. Sono best seller a tutti gli effetti, e Michael R. Collings passerà i successivi quarant’anni a leggere e pubblicare scritti su King e i suoi libri (ovviamente il suo opus magno Horror Plum’D: An International Stephen King Bibliography and Guide, 1960-2000: INTERNATIONAL STEPHEN KING BIBLIOGRAPHY & GUIDE 1960-2000 non è tradotto in italiano), e ancora, ovviamente, non ha finito, beato lui.

Quando risposi che stavo preparando una bibliografia primaria e secondaria di quasi tremila titoli, lui impallidì, mi fissò per qualche istante, e parve faticare a ritrovare la voce: “Per un autore vivente?” Era stupefatto. Una tale massa d’informazioni era senza precedenti, persino per autori coi quali si può stare tranquilli, essendo morti e sepolti.

La seconda storia che mi ha colpito è quella raccontata da Frank Darabont per presentare Knowing Darkness: Artists Inspired by Stephen King, un mega libro fotografico composto da tavole e disegni di artisti diversissimi ispirati dai lavori di King. E’ un book di illustrazioni di 450 pagine circa, e dovrebbe in teoria raccogliere tutte le copertine delle sue opere (e contiamo che ogni libro che ha scritto king è apparso in diversi formati, tascabili e via via costose edizioni limitate, tutte con copertine e illustrazioni differenti, e poi i disegni e le locandine per i film, illustrazioni di racconti vari, eccetera eccetera), ma insomma, è un elenco praticamente infinito. Comunque, ahimè, è anche un libro che costa sui 1000 dollari, 900 se vi va bene usato, 1100 se va maluccio per il prezzo di copertina imposto. Già. Vabbene.

Quindi, al di là di tutto il lavoro di decostruzione analisi e spipponamento letterario, credo che questo Leggere Stephen King sia piacevole per chiunque abbia mai aperto un libro di King, e si sia accorto che faceva fatica a staccarsene perchè si stava proprio proprio DIVERTENDO, o abbia visto qualche film decente tratto da una sua opera e si sia incuriosito sullo scrittore stesso. Sono saggi e racconti onesti e sinceri, e in genere piuttosto interessanti.

Lorenza Inquisition

Leggere Stephen King

A cura di Brian J. Freeman Traduzione di Daniele Bonfanti

Illustrazione di copertina di Cristiano Siqueira Illustrazioni interne di Stefano Cardoselli

Editore: Independent Legions Publishing

Pagine: circa 200 Edizione collection a tiratura  limitata (600 copie numerate) Ebook disponibile

Pubblicità

Fine turno – Stephen King #recensione #StephenKing

Scop KING Fine turno 2.indd

Ho finito la triologia Kinghiana dedicata al Detective Hodges e all’assassino della Mercedes. Non saranno capolavori, ma soprattutto quest’ultimo, FINE TURNO, mi è piaciuto molto e leggerlo è stato puro divertimento!
RECE: #50LIBRINUNANNO #RECENSIONI #FINETURNO #STEPHENKING

Questo thriller è il terzo volume di una triologia che Stephen King ha dedicato al detective – ex poliziotto in pensione Hodge e a Brady Hartsfield, lo spietato assassino dalla Mercedes. E’ un po’ difficile cercare di spiegare di cosa parla questo appassionante “hard – boiled” a puntate, dal momento che ormai siamo giunti al capolinea della storia, ma cercherò comunque di fare il mio dovere dando le informazioni essenziali senza spoilerare nulla, con buona pace di tutti coloro che non hanno ancora avuto il piacere di avventurarsi in questa triplice lettura. La triologia inizia con Mr Mercedes e prosegue con “Chi perde paga“, a mio avviso il meno appassionante, ma solo perché a tratti sembra po’ slegato dalle radici della storia iniziale: il detective Hogde entra in scena piuttosto tardi, ma i riferimenti con il passato non mancano ed il ritmo incalzante impedisce al lettore di mollare la presa. Sì perché Stephen King è geniale, inarrestabile e sempre generoso di sorprese verso i suoi devoti lettori: sono quarant’anni che quest’uomo sforna libri a ripetizione e, a parte qualche sosta forzata e un paio di libri senza troppo cuore, non mi ha mai delusa. Quando è al massimo della forma, leggere un suo libro è come fare un giro sulle giostre. Diverte, emoziona, e nel mentre il tremito sottile di una paura dimenticata si insidia tra le pieghe del lenzuolo, che mentre leggiamo tiriamo sempre un po’ più sù, fino a coprire il naso: non è una paura che lui ha inventato apposta per noi, ma qualcosa di oscuro ed ancestrale che noi riviviamo attraverso le sue parole…lui gioca con le nostre paure infantili, quelle irrisolte che ci portiamo dietro ancora da adulti e quelle che non abbiamo mai avuto il coraggio di guardare in faccia. Ed è questo che fa la differenza tra Stephen King ed il resto del mondo.
Questa volta King riprende esattamente da dove aveva lasciato con l’epilogo di Mr Mercedes: sono passati sei anni ormai da quando lo psicopatico Brady ha ammazzato otto persone servendosi di una vecchia Mercedes, tutti disoccupati in cerca di un lavoro, e tentato un’altra strage di ragazzine piazzando bombe all’interno di un Auditorium in cui si sarebbe dovuto tenere il concerto di una Boy Band. Non racconterò di cosa ne è stato di Brady, anche se trovate tutto nella sinossi. Non voglio togliervi il piacere di scoprire cosa è successo dopo. Quello che è certo, e che posso anticipare, è che si tratta di un incubo agghiacciante che prende forma poco alla volta. L’Assassino della Mercedes non ha terminato la sua opera, ma eravamo solo agli inizi del suo personalissimo show. I suoi deliri mentali non sono cessati, ma hanno assunto una nuova forma, ancora più inquietante e praticamente impossibile da arginare. I suoi istinti malati si sono amplificati e diffusi traendo forza da una sorta di ipnosi collettiva, la mente di Brady ora non è più solo sua, ma si sta propagando come se fosse un virus infettivo….Le nuove tecnologie, i computer, gli aggeggi informatici di nuova e vecchia generazione, internet ed i social network: tutto contribuisce a potenziare la forza distruttiva di Brady.
Il detective Hodge ancora una volta si rimetterà a caccia, perché da anni non riesce a placare l’ossessione che nutre nei confronti dell’assassino della Mercedes. Tutto, ancora una volta, riconduce a lui. Non sembra possibile e nemmeno logico, ma è come se gli anni passati a dimenticare quello psicopatico non fossero serviti a nulla. Un tarlo invincibile, che scava nella sua mente e non gli da tregua. Insieme a lui ritroviamo ancora una volta i suoi improvvisati compagni di avventura, Jerome e Holly. Tra di loro ormai si è creato un forte legame, che va oltre il rapporto lavorativo in senso stretto: come le dita di una mano, sono sempre pronte ad aiutarsi l’un l’altro, parti integranti di una famiglia costruita sui sentimenti e non sul sangue. Holly è ormai diventata socia a tutti gli effetti dalla “Finders Keepers”, la microscopica agenzia di cacciatori di taglie nata all’epoca della strage, che non ha permesso ad Hodge di godersi la sua pensione. La Finders Keepers, che Holly cura con instancabile solerzia e meticolosità, ha ributtato a capofitto il Det.Rip. nel lavoro, anche se a dire il vero non ha mai avuto una reale intenzione di ritirarsi: l’idea della sua nuova vita da pensionato lo stava letteralmente uccidendo, esattamente come aveva intuito Brady.
Per entrambi è giunto il momento di porre fine a questo lungo inseguimento. Hodge e Brady rappresentano il bene ed il male che duellano fino all’ultimo decisivo scontro, simboli anomli di questo eterno conflitto, perchè non rispecchiano affatto l’immaginario collettivo: Hodge non è un supereroe e Brady non ha le sembianze di uno spietato serial killer. La linea di confine non è mai così netta. Il male che si insinua nella normalità delle nostre vite, trasformandole in autentici incubi ad occhi aperti, è un tema caro all’autore ed in questo romanzo lo ritroviamo con una sorprendente forza espressiva, anche se il thriller è un genere che non gli appartiene. Dietro i personaggi che King mette in scena c’è sempre un’accurata indagine psicologica, un’analisi delle fragilità umane lucida ed attenta che subito mette in sintonia il lettore con la storia. Se l’autore ha un dono, è proprio questo. Non sa creare solo storie perfette, che tengono incollati alle pagine con un misto di ansia e di bramosia, ma riesce a toccare attraverso le parole la parte più nascosta di noi, scivolandoci sopra con decisione e dolcezza, proprio come un pianista che sta componendo una melodia. Ho perso il conto delle volte in cui mi sono commossa, leggendo una delle sue storie. O che mi sono indignata, arrabbiata, divertita. Ho provato tutte le emozioni del mondo da quando lo conosco, ed è successo anche con il detective Hodge e la sua strampalata squadra. Ancora una volta King ha compiuto questa specie di prodigio letterario, e se pensate che io stia esagerando, beh…allora provate a leggere Il Miglio Verde, Stand by me, oppure It…e poi ne riparliamo. Molti suoi estimatori lo hanno criticato per i suoi ultimi lavori perchè, probabilmente, i suoi pesonaggi hanno perso smalto. I “cattivi”, così dice qualcuno, sono meno convincenti rispetto ai bei vecchi tempi, quando tutti noi (nessuno escluso) avevamo una paura folle dei pagliacci e degli hotel fatiscenti. Forse è vero, probabilmente Brady Hartsfield non ci fa tremare le viscere quando lo incontriamo leggendo, ma per quanto mi riguarda io baso il mio giudizio su altri parametri: la scrittura, signori. Le sue parole sono come un vortice, mi hanno risucchiata e gettata nell’anima di una storia stupefacente, eppure così dannatamente legata alla realtà.
Cosa c’è di più importante?

Paola Castelli