La bufera – Jacopo Moruzzi #JacopoMoruzzi #LaBufera

La bufera – Jacopo Moruzzi

Una famiglia si ritrova a dover attraversare una catena montuosa su cui imperversa una bufera di neve. La loro condizione diventa metafora del rapporto tragico tra la natura e l’uomo, nonché specchio della fragilità di quest’ultimo.

Spendo due parole per questo libro… si tratta di un fumetto. È una storia unicamente illustrata, disegnata ad arte, senza alcuna parola.
La dimostrazione che a volte le parole sono inutili e spesso fuorvianti è qui.
Le emozioni saltano fuori dalle pagine travolgenti. Sono ipnotizzata dagli occhi dei personaggi, sono sconvolta da come in ogni forma tratto chiusura o apertura di essi emergano emozioni così diverse… la preoccupazione, l’amore, la paura, la speranza, il terrore, la decisione, il senso di responsabilità, la disperazione…
Mi sono sentita a tratti di condividere quegli sguardi, come se quella bufera di emozioni fosse così vicina alla vita di una donna e madre come me. Avrei voluto un lieto fine proprio per questo, per rincuorarmi che nelle mie bufere quotidiane ce la farò. Ma in parte anche questa storia ha una sua vittoria interna nella capacità di insegnare agli altri la propria indipendenza. Sono vaga perché non voglio svelare nulla della trama.
Ho visto mia figlia (8 anni) sfogliare e risfogliare queste pagine, emozionarsi, dispiacersi, chiedere più volte perché ed anche arrabbiarsi perché “non è giusto”. E quando si arriva al cuore ed alla curiosità dei bambini si ha vinto.
Jacopo Moruzzi per noi tu hai vinto. Grazie, sei un fuoriclasse.

Invito a comprare “La bufera” e a seguire la pagina di Jacopo,  è un ragazzo di 24 anni che fa teatro con me e lo fa in modo splendido, ma disegna in modo ancora più splendido. Davvero voglio sostenere questo talento, sperando che crescere non gli costi l’abbandono dei suoi indubbi doni.
Qui trovate il link al suo sito, con le sue bellissime illustrazioni ad acquerello, e potete anche seguirlo su Facebook. 

Marisa Bergamini

Annunci

Vita da Paz – Storia e storie di Andrea Pazienza – Franco Giubilei #AndreaPazienza

copertina-andrea-pazienza

Trattasi di rilettura, a distanza di una decina d’anni.
Paz l’ho scoperto (per ragioni anagrafiche) solo dopo la sua prematura morte, dopo averlo sfiorato in qualche vignetta su Tango che leggevo grazie a mio padre (da sempre lettore dell’Unità).
Ha messo in luce un talento mostruoso per la Nona Arte fin da giovanissimo, tanto da diventare (negli anni 80) una sorta di rockstar italiana del fumetto; raccontò il ’77 bolognese, raccontò l’Italia, raccontò sè stesso, raccontò l’eroina, raccontò l’ultraviolenza dopo Kubrick ma con lo humour nero di un Tarantino ancora sconosciuto. Raccontò Pertini in un modo tanto visionario e onirico che lo stesso Pertini invitò la redazione de Il Male al Quirinale. Ma lui non ci andò perchè si dimenticò , non glielo dissero, non si capisce. Disegnò la locandina de “La città delle donne” di Fellini: non piacque a lui, non piacque a Fellini, non si piacquero per niente.
Talento infinito, ballista da competizione, grandissimo narratore, fantastico disegnatore e, a leggere le testimonianze delle “persone famose che mi hanno conosciuto“, una discreta testa di cazzo.
I suoi capolavori: Zanardi, Pentothal, Pompeo.
Il ritratto probabilmente della stessa persona vista da diverse angolazioni; forse il ritratto di ogni persona.
Analizzare qui il corpus Pazienziano non ha senso e richiederebbe comunque tantissimo tempo; ma se volete avvicinarvi e conoscere uno dei massimi fumettisti italiani di sempre fatelo con questo libro.
“Se ne andò così, per un insulto cardiaco, all’età di ventotto anni. Osservando la sua foto sulla tomba, mi chiesi se il cuore fosse davvero un muscolo involontario e se quella morte non fosse il segno di una resa invincibile.”

Sbagliò solo di qualche anno, quando il cuore non resse ad una dose, probabilmente troppo abbondante, di eroina.

Alessandro Dalla Cort

DESCRIZIONE

Questa biografia ripercorre la vita di Andrea Pazienza attraverso il racconto degli amici: Sergio Staino, Milo Manara, Michele Serra, Vincino, Vincenzo Sparagna, Marcello Jori, David Riondino, Jacopo Fo, Filippo Scozzari e tanti altri. Ricostruendo i luoghi e le situazioni in cui visse e operò il grande fumettista, Giubilei ci racconta l’Italia tra gli anni Settanta e Ottanta da un’angolazione inedita.