Gli anni della leggerezza – Elizabeth Jane Howard #recensione #cazalet #FaziEditore

Avete amato Downton Abbey? Vi piacciono le lunghe saghe familiari? Allora i 5 volumi (3 già tradotti e 2 di prossima pubblicazione) della storia dei Cazalet fanno al caso vostro.

La storia inizia nel 1937. Mentre il mondo trattiene il fiato in attesa di precipitare in una guerra che sembra inevitabile, nell’Inghilterra di benestante stampo vittoriano, tra Londra e la campagna, facciamo la conoscenza dei tanti membri della famiglia Cazalet: il patriarca William, chiamato da tutti Generale, con la moglie Kitty, ribattezzata la Duchessa, i loro 4 figli e uno stuolo di nipoti il cui numero è in costante aumento. Intorno alla famiglia le figure dei domestici e di tanti personaggi secondari che arricchiscono una scena affollatissima.

Un riassunto breve è praticamente impossibile per cui mi limito a segnalare cosa ho apprezzato di più e cosa non mi ha convinta, fermo restando che io rientro in entrambe le categorie che ho citato all’inizio (mi piacciono le lunghe storie familiari e ho adorato Downton Abbey!). Secondo me i punti di forza di questa saga sono i ragazzini, Clary soprattutto. È caratterizzata molto bene, è battagliera, curiosa, indomita e sognatrice, poco propensa a farsi abbindolare dalla facile ipocrisia dell’educazione degli adulti. Viene facile amarla. E poi Neville, il piccolo simpatico monello. Christopher, con l’animo sensibile di un obiettore di coscienza, Polly curiosa di tutto e con una bontà d’animo di una purezza disarmante.

Il punto debole del libro è la scrittura. Elizabeth Jane Howard dà al libro un tono monocorde che a volte, malgrado il susseguirsi di tanti avvenimenti, ti lascia la sgradevole sensazione che non sia successo niente. Come una persona che parli senza variare mai il tono della voce.

Per quanto riguarda lo stile, la natura statica della narrazione, ingannevolmente semplice e lineare nel susseguirsi di vita agreste, il lento scorrere dei giorni che si susseguono, la crescita dei bambini e dei caratteri, rende perfettamente l’atmosfera dell’attesa in un’altalena di desideri e paure: la fine dell’estate che riporterà finalmente le signore annoiate in città e i ragazzi terrorizzati dalla solitudine e dal bullismo in collegio, l’angoscia portata dal radiogiornale e la necessità di sapere se ci sarà di nuovo la guerra.
Detto questo, una lettura intelligente e pacata, una famiglia con le sue passioni, i suoi segreti, e le piccole grandi questioni della storia (e della Storia) che si intersecano con un’abile maestria. Io sono al secondo volume e procedo allegramente verso il terzo.

Anna Massimino

The Winslow Boy, David Mamet

winslowboy

The Winslow Boy  è uno dei miei film preferiti, sceneggiato e diretto da David Mamet, che io amo assai. Ha tutte le caratteristiche di un grande film, e peffozza, è ricalcato su una grande opera teatrale, scritta dallo stesso Mamet: e quindi attori e recitazione superbi, dialoghi eccellenti, personaggi intelligenti e ben delineati. Insomma, una gioia per gli occhi e la mente. Dovendo leggere per la sfida una pièce teatrale, ho optato quindi per questa sceneggiatura (e ovviamente appena finita sono corsa a rivedermi per l’ennesima volta il film).

E’ la storia, basata su un fatto di cronaca realmente accaduto, di una famiglia londinese che negli anni appena precedenti la Prima Guerra Mondiale dovette intraprendere una serie di battaglie legali per difendere l’onore del figlio minore, un ragazzino espulso dal Regio Collegio Navale per furto. Il cadetto si dichiarò innocente, e il padre, con la famiglia a sostenerlo, pretese chiarimenti e ulteriori processi, che dapprima vennero negati, e poi divennero casi sui giornali sensazionalistici, e infine discussioni alla Camera dei Lord. Il più importante avvocato dell’epoca si interessò alla vicenda e si prodigò per portare il caso in Tribunale, per una sentenza che fece poi casistica nel diritto inglese. Il ragazzino era un allievo di un’Accademia Militare, e la causa non poteva quindi essere discussa in un tribunale civile; ma non era effettivamente ancora un soldato, e quindi non si poteva portare il suo caso davanti a una Corte Marziale. Si dovette ricorrere a un rarissimo espediente chiamato Petition of right, un arcaico metodo legale per cui un cittadino inglese, che non può di diritto portare in Tribunale la Corona (che coincideva in questo caso con l’Ammiragliato), può chiedere un risarcimento per un presunto danno subìto, e ottenere una discussione davanti a una giuria.

Questa è la premessa storica. La sceneggiatura in realtà non si basa molto sull’aspetto tecnico-legale, è la storia di come la famiglia affronta la prova: dapprima tutti schierati con l’anziano patriarca, che cerca giustizia per il figlio. Poi il tempo passa, le spese legali si accumulano, sacrifici vengono richiesti: il figlio maggiore, giovane scapestrano edoardiano impegnato ad Oxford non nello studio ma a imparare le mosse di gin rummy e del ragtime con compagni che ci piace immaginare come Bertie Wooster, deve lasciare l’università e andare a lavorare in Banca. La figlia, Catherine, impegnata nella lotta delle suffragette e felicemente fidanzata con un soldato, deve rinunciare alla dote; si discute addirittura di trasferirsi in una casa più piccola e di lasciare andare la vecchia fedele fantesca. I sacrifici non sono solo economici: i giornali scandalistici si impadroniscono della vicenda e della vita privata della famiglia, i vicini e la società parlano, buona parte del pubblico è ostile di principio a una famiglia che osi sfidare la Corona. La salute del vecchio padre comincia a risentirne, la signora madre comincia a chiedere che si riconsideri la questione e si valuti un ritiro. Il ragazzino stesso è ormai a Eton, si trova bene con la nuova scuola e i compagni: si adegua alle decisioni del padre, ma non è realmente più partecipe della cosa.

Gli unici convinti ad andare avanti senza ritirata nè resa, perchè di fronte a un’ingiustizia non è possibile altro atteggiamento, sono l’anziano padre e la figlia Catherine. Sanno di essere nel giusto, e non serve altro. Come accadde nella realtà, viene assunto un Principe del Foro: nobile, snob, apparentemente solo interessato alla pubblicità che il caso gli porta. Agisce con distacco, ma osserva con curiosità Catherine, oramai lasciata dal fidanzato perchè la vicenda legale è invisa alla propria famiglia: è una donna moderna, che legge libri di diritto e di politica e discute appassionatamente del suffragio universale. Il signor eminente avvocato sa comunque il suo mestiere: con abile colpo di coda riesce a ottenere la Petition of Right, e il caso arriva in Assise.

E un bel giorno arriva anche il verdetto, che non vi spoilero, perchè vi invito a leggere assolutamente questo libro, e se non altro a vedere il film: è teatro, quindi non perde nella versione recitata “live”. E’ bello, scritto bene, con intelligenza e ironia, e recitato con amore. Prendetevelolo.

PS. Per chi ama il genere Downton Abbey, HA DA ESSERE UN AUTOBUY, non voglio sentir scuse.

Lorenza Inquisition

mamet1