Controvento – Federico Pace #federicopace #recensione #controvento

Storie e viaggi che cambiano la vita

Controvento – Federico Pace
Super ET Opera Viva

Nel gennaio 1975 Keith Jarrett suona a Colonia quello che è il suo concerto più famoso e memorabile, quel Koln Concert fatto di una serie di improvvisazioni così intensamente vivaci, struggenti e sensuali da togliere il respiro.
Quel giorno Jarrett era partito la mattina presto da Losanna e aveva percorso i quasi 700 chilometri di distanza a bordo di una Renault 4. Non un viaggio all’insegna dalla comodità, temo.
In realtà avrebbe dovuto viaggiare in aereo, ma per quegli strani ghiribizzi della vita aveva deciso di usare l’auto, come nelle tappe precedenti del tour. Arrivò a Colonia insonne e stanco di 8 ore di macchina e non trovò il pianoforte che aveva espressamente richiesto. Non è famoso per il suo bel carattere, Keith Jarrett. Si rifiutò di suonare, fu convinto all’ultimo e fece qualcosa di straordinario: sfogò l’insonnia e la stanchezza del viaggio sulla Renault 4 sopra l’incolpevole, sbagliato pianoforte. Il giorno dopo, quando sentì la registrazione, non parve vero neppure a lui che quella musica fosse così perfetta.

Il libro di Federico Pace è l’insieme di tanti frammenti come questo. Tanti brevi o lunghi viaggi (in auto, in treno, in nave, in aereo) che per un motivo o per l’altro hanno rappresentato svolte memorabili o decisive nelle vite dei protagonisti.
Il breve passaggio in auto verso casa che il giovane scrittore Adolfo Casares diede a Jorge Luis Borges che fu la nascita di un’amicizia durata tutta la vita, l’estenuante viaggio in nave di Gauguin verso Tahiti, il viaggio in auto di Joni Mitchell nel Sud degli Stati Uniti, sola con se stessa per dimenticare un amore. E poi ancora il viaggio in treno di Frida Khalo da Boston al Messico verso sua madre che muore, il viaggio di David Bowie sulla Transiberiana, il suo “ritorno sulla terra”. Ma anche il viaggio di un bambino sollevato in aria dalle braccia del padre, verso l’alto, verso il cielo: il cammino di Van Gogh alla ricerca di Jules Breton, pittore da lui tanto amato, il rocambolesco viaggio in auto di Oscar Niemeyer, l’architetto che si inventò la città di Brasilia, e tanti altri personaggi più o meno conosciuti.

Poche pagine per ogni racconto, la narrazione totalmente incentrata su uno specifico viaggio e su quello che ha rappresentato: il cambiamento, la svolta, la crescita, il distacco… o la morte, come il ragazzo che volò dall’Africa a Londra nascosto nell’incavo delle ruote d’atterraggio di un aereo.

Pace si avvale dell’aiuto di diari, biografie, vecchi giornali, ricordi dei protagonisti, e di quel briciolo di licenza poetica necessario in un libro come questo.
Il tono, secondo me, è un po’ troppo lirico e vagamente sussiegoso (ma credo che dipenda dal fatto che sono dovuta andare a cercare su Wikipedia chi fossero alcuni dei personaggi citati….. 🙂 però il risultato è interessante, piacevole e in alcuni casi commovente.

Anna LittleMax Massimino

DESCRIZIONE

Dai colori dell’India ai segreti del Monte Athos. Dalla sterminata cordigliera dell’America Latina agli ipnotici silenzi della Siberia. Dalle dolci sinuosità della Moldava fino al Pacifico e oltre. Dalle antiche vie che costeggiano il mare alle strade che uniscono le grandi città. Il viaggio in auto di Oscar Niemeyer lungo oltre mille e duecento chilometri da Rio de Janeiro fino a Brasilia per dare vita a una città mai esistita prima. Il cammino a piedi di Vincent Van Gogh tra il Belgio e la Francia nell’inverno in cui finí per capire cosa gli serviva davvero per diventare pittore. La soglia inattesa con cui è costretta a misurarsi Frida Kahlo. La fuga di Joni Mitchell dalle battaglie meschine della fine di un amore. La corsa insonne di Keith Jarrett verso Colonia. Controvento racconta le storie di chi, attraversando un ponte, mettendosi su una strada, salendo su un autobus o un treno, ha trovato in un giorno, in un istante, il modo di cambiare e trasformarsi. I viaggi hanno segnato la vita di molti e di molti altri la segneranno nel tempo che verrà: perché l’altro e l’altrove hanno sempre in serbo qualcosa che non abbiamo ancora conosciuto, che lenirà il nostro dolore e ci schiuderà il passaggio verso la strada poco battuta.

Pubblicità

Magellano – Stefan Zweig #recensione

stefan-zweig-magellanChe bello questo libro, avvincente, profondo, emozionante. Tecnicamente dovrebbe essere una biografia, genere che è spesso eccitante come un semolino cotto, ma Zweig è riuscito davvero splendidamente a creare uno scrigno di racconto che contiene infinite, bellissime cose. E’ innanzitutto una storia di avventura, di un viaggio incredibile e intrepido su mari sconosciuti verso terre inesplorate; è un romanzo storico, resoconto di diverse scoperte geografiche e studi astronomici; è un racconto che amerà chi è appassionato di esplorazioni e imprese avventurose. E’, infine, la narrazione di una vita, dal momento del primo germe di un sogno impossibile, fino a quello del suo massimo apice, quando finisce proprio dopo il raggiungimento del sogno. Magellano è un uomo riservato e orgoglioso, testardo, un coraggioso soldato che ha un amico in una terra da poco scoperta, la Malesia; questo amico, un ex capitano che ha rinunciato alla vita europea e si è stabilito al sole perenne delle spiagge delle Isole della Sonda, gli scrive quando può, nei rari momenti in cui un vascello portoghese passa dalla sua via. E non vi è dubbio che questo sia stato il primo a far sorgere in Magellano, giovane capitano al soldo del Re portoghese, il dubbio se non fosse consigliabile, data la posizione così orientale di quelle terre, cercarle di raggiungere per la via di Colombo, cioè dalla parte di Ponente, invece di fare il giro che fino allora si compiva, a Sud dal Portogallo seguendo tutta l’Africa, per poi virare a Oriente.

Non è un romanzo biografico in senso stretto, dell’uomo Magellano prima della sua storica impresa viene giusto fatto qualche cenno; questo è più il racconto completo di un viaggio epico, che parte dalle origini storiche che lo resero possibile. Si apre con ricchi aneddoti, mai noiosi, del contesto che portò a questa eroica avventura: di come le spezie fossero assolutamente vitali all’economia europea, e di come tutto il mercato fino alla metà del ‘400 fosse in mano agli arabi, che gestivano e controllavano i traffici lungo la via della seta, tra Cina e India e il Continente Europeo. Finchè nel 1486 un portoghese, Bartholomeu Dias, raggiunge la punta estrema dell’Africa, il Capo di Buona Speranza, e da lì qualche tempo dopo Vasco da Gama lo supererà per sempre nella storia, veleggiando fino alle terre indiane e sbarcando a Calcutta, dimostrando al mondo che Tolomeo andava sbertucciato, e che esisteva una via d’acqua fino all’India. E l’India conosciuta non è che un granello in un mare sconosciuto, allora: il piccolo Portogallo ha allargato all’infinito il campo nautico dell’azione umana. Come sottolinea l’umanista fiorentino Poliziano: “Non solo ha lasciato dietro di sè le Colonne d’Ercole e domato un oceano… nuove terre, nuovi mari, nuovi mondi sono sorti dalle tenebre secolari. Il Portogallo è oggi il custode di un altro mondo”.

Sono anni incredibili, di scoperte che si susseguono: Colombo cerca la via delle Indie a Ovest, e scopre un nuovo Continente. Dopo secoli, gli oceani rivelano i loro segreti in pochi anni: nel 1513 Nunes de Balboa si arrampica attraverso l’istmo centro-americano di Panama e posa gli occhi, primo europeo nella storia, sulle acque di un immane, sconosciuto nuovo Oceano: è il Pacifico. In una sola generazione si scopriranno tutti i mari fino ad allora inesplorati. Solo un’impresa è rimasta, l’ultima, la più bella, e la più ardua: circumnavigare l’intero globo terrestre, misurando, e così dimostrandone, contro tutti i cosmologi e i teologi del passato, la sfericità: questa diventa l’idea vitale, il destino di Magellano. E ci riuscirà, dopo anni di preparativi, rifiuti, fallimenti, bocciature e ritardi, il tutto raccontato in questo affascinante romanzo.

Zweig è maestro nel raccontare ma soprattutto nell’intrattenere: ci porta quindi nell’interminabile viaggio dalla Spagna attraverso l’Atlantico per percorrere tutta la costa del Brasile cercando il famoso varco verso il Pacifico, nella disperata, testarda ricerca di un passaggio fino a Sud, attraverso il freddo e la desolazione delle coste della Terra del Fuoco; ci racconta da vicino l’infinito attraversamento, che dura mesi!, di quel nuovo Oceano una volta trovato lo stretto, lo sconforto, la ribellione dei marinai, lo scorbuto, la paura, la fame per le insufficienti provviste e scorte di acqua, la felicità di approdare finalmente a una terra, il sollievo e l’orgoglio incredibili nel momento in cui uno schiavo malese con Magellano da tanti anni scende a parlare con gli indigeni, e scopre di parlare quella lingua: circumnavigando il mondo, è tornato a casa. Ma il tratto di genialità di un uomo rappresenta anche, da sempre, la sua perdizione: e Magellano invece di correre in patria per riscuotere onori, gloria, gratitudine, si sofferma in quelle terre per esplorare il territorio e consegnarlo pacificato al Re una volta giunto in patria; e così, come sappiamo, assurdamente perirà, nel momento più sublime e meraviglioso del proprio trionfo, in una meschina scaramuccia con una tribù di selvaggi. Un carattere superiore che nella fortuna ha convinto Re e soggiogato elementi, domato equipaggi e nobili spagnoli, vinto tempeste e sfidato l’ignoto, muore al sole dei Tropici in uno stupido scontro. Ma la sua impresa rimane, epica, per sempre: il viaggio di Magellano eradica il dubbio della conoscenza. La sua conquista dimostra che la Terra è rotonda, che un unico mare accumuna tutti i mari; la cosmografia dei greci e dei romani è definitivamente superata, liquidata una volta per tutte la resistenza della Chiesa, stabilita l’esatta ampiezza del nostro pianeta. Inizia una nuova era, l’età moderna: un uomo ha riplasmato l’immagine del mondo.

Questo è davvero un romanzo bellissimo, scritto divinamente da Zweig che racconta quasi televisivamente questa impresa incredibile, retroscena, antefatti storici e avvenimenti in tempo reale. Lo consiglio a tutti gli amanti di romanzi storici e di geografia, così come a chi vuole, semplicemente, un gran bel libro di un epico, avventuroso, primo viaggio intorno al mondo, senza mappe, ricordiamolo, noi che ormai senza Google Maps ci perdiamo sul pianerottolo della zia.

Lorenza Inquisition