Fabio Geda – Se la vita che salvi è la tua #fabiogeda

*Dov’è la scaturigine dell’esistenza?*

cop1

La sorgente dell’esistenza. Ecco. La sorgente è Altrove, spesso, in un punto dello spazio, attraverso un accidente del tempo, nella direzione indicata da un quadro (o nella linea di un ponte, per alcuni; nel dondolio di alcune foglie, per altri; quelle cose che stai lì e le fissi e in qualche modo la tua vita finalmente e definitivamente indovina una consistenza diversa dello stare nel mondo). Le geografie da mettere a memoria per riconoscerla sono fisiche – confini e assenza di forze e polvere; sono morali – paure, abitudini, goffaggini emotive; sono IL viaggio – la fuga, il ritorno, la sete prima della meta.
La sorgente è un essere umano, il più delle volte, è gli esseri umani dei cui pezzetti ci scopriamo fatti, rifatti, messi insieme, immaginati.
La sorgente è la cazzo di speranza, ma se nessuno ti guarda e ti scopre e ti salva, se non ti lasci salvare, se non ti salvi, sei e resti un economico francobollo sulla cartolina della tua vita.

È stato bello passarci dentro. Grazie. Avevate tutti ragione.

rob pulce molteni

Pubblicità

Itadakimasu – Umilmente ricevo in dono – Fabio Geda

Itadakimasu – Umilmente ricevo in dono – Fabio Geda

geda_4527

Delizioso libriccino, o per rimanere in tema giappo, librino extremely kawaii. Fa parte di una collana cui mi fece da apripista Lazzìa, piccoli libri che parlano di un Paese, o di una città, attraverso il cibo. Questo di Geda è sul Giappone, e vi sono due e due sole ragioni per cui dovete assolutamente leggerlo: una è perchè il cibo parla di un popolo e del suo Paese, è cultura, storia, tradizione, quindi anche se non andate pazzi per il sushi non importa, le storie qui raccontate sono degne di essere lette. E il secondo motivo, bè. Se avete letto Kafka sulla spiaggia il vostro motivo sarà il signor gatto che accompagna il Mr. Nakata; se avete letto Kitchen di Banana Yoshimoto il vostro motivo sarò invece la signorina Mikage Sakurai. Ma potreste anche essere “solo” fan del maestro Hayao Miyazaki, e il vostro motivo sarà Totoro, o Porco Rosso, o Nausicaa. E se li conoscete tutti, invece, no dico, ma che aspettate, correte a leggervi un’altra loro avventura, no? diamine, dico io.

PS. Amo amo amo amo Fabio Geda, semprepppiù. Voglio andare in Giappone con lui.

Lorenza Inquisition