Giorgio Vasta – Il tempo materiale @nellogiovane69 #GiorgioVasta

vasta

Chiusura di 2016 alla grande: un esordio – pubblicato nel 2008 – questo di Giorgio Vasta che scava nel materiale mnemonico collettivo, impasta tutto ciò che degli “anni di piombo” non abbiamo mai risolto in termini di elaborazione del conflitto e se ne serve per allestire un romanzo di formazione nero, ponderoso, doloroso. La Palermo del 1978 è il teatro in cui si muove l’inquietudine straordinariamente analitica (un artificio narrativo che mina alla base il realismo della vicenda ma non la sua credibilità) di tre ragazzini undicenni impegnati a mettere in discussione le basi dello stolido vivere civile italiano, fino a mettere in piedi una vera e propria cellula pseudo-brigatista. Tutto ovviamente sconfina nel simbolico, ma non per questo è meno bruciante, meno vivo.
Se avessi tempo di mettere in fila una classifica delle migliori letture dell’anno, saremmo sicuramente sul podio.

Stefano Solventi

Selezione Premio Strega 2009
Nel 1978, in una Palermo preistorica e selvaggia, tre ragazzini pieni di passione e ideologia si affacciano al mondo per la prima volta. Tra loro c’è Nimbo – precoce, impaziente, ferino – che attraversa il geroglifico della città convinto di essere un eletto.
Da Palermo, Nimbo e i suoi amici sentono il vento di Roma nell’annus horribilis della storia repubblicana – le Brigate Rosse e il sequestro Moro – e, disgustati dal provincialismo senza scampo dell’Italia, si scollano lentamente dalla realtà fondando una loro cellula terrorista.
Per Nimbo è l’inizio di una discesa notturna che porterà lui e il suo gruppo a progettare attentati con una disperante lucidità, riproducendo in scala tutto il peso tragico di quegli anni.

Il tempo materiale è un romanzo crudele e commovente, che fotografa il nostro paese nell’attimo in cui perse definitivamente l’innocenza; il racconto di una generazione che, nell’incessante rielaborare la propria esperienza, ha sempre rinviato il momento del dolore. Perché il tempo materiale è anche il tempo mancante, quello in cui si sarebbe dovuto amare, e non lo si è fatto.

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tempo%20libero%20e%20Cultura/2008/11/tempo-materiale-vasta.shtml?uuid=083ffd58-aaa6-11dd-9c6a-39fa5cb05797&DocRulesView=Libero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...