Chesil Beach – Ian McEwan

Il rapporto tra me e Ian McEwan non è mai stato idilliaco: penso sia bravissimo, di una bravura quasi chirurgica, come un chitarrista tecnicamente perfetto…ma io infatti amo Keith Richards!

chesil

I suoi libri mi prendono il cervello ma non il cuore. Poi davanti ad Espiazione, Cortesie per gli ospiti e soprattutto Bambini nel Tempo, mi sono sempre inchinato al libro importante, ma mi mancava sempre qualcosa per farmi scattare la vera emozione. Chesil Beach, pur essendo un buon libro, penso sia un’opera minore, anzi, quasi un’occasione mancata. In un’Inghilterra anni ’60 il clima , ancora bigotto prima dell’avvento della liberalizzazione sessuale, impone un certo rigore nei modi di una giovane coppia: sono innamorati, sono complici, non hanno mai fatto l’amore, è il giorno delle loro nozze. McEwan coglie alla perfezione le dinamiche di una coppia di neo-sposi incapaci di comunicare, utilizza i problemi sessuali come allegoria di qualsiasi rapporto matrimoniale viziato (la timidezza della sposa, la goffaggine e l’irreprimibile aggressività dello sposo, la loro totale inesperienza in materia sessuale), ci mette in guardia sui pericoli dell’ipocrisia…ma alla fine non va a parare oltre quello che un po’ ti aspetti leggendolo. Insomma, alla fine non ci mette l’anima, l’intuito, la passione. C’è molta fredda teoria, tanta chirurgia, ma poca umanità nella pratica. Voto 7 perché non gli si può dare meno, ma i libri che -per me-  appassionano alla lettura sono altri.

Nicola Gervasini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...