Stefan Zweig

« Inerme e impotente, dovetti essere testimone della inconcepibile ricaduta dell’umanità in una barbarie che si riteneva da tempo obliata e che risorgeva invece col suo potente e programmatico dogma dell’anti-umanità. »
(Stefan Zweig, Il mondo di ieri, Ricordi di un europeo)

zweig2

Approfitto della visione del film “Una promessa” di Patrice Leconte e dalla lettura del breve romanzo da cui è tratto “Viaggio nel passato” per promuoverne l’autore Stefan Zweig (1891 – 1942) che forse a molti partecipanti di questo gruppo non dice moltissimo ma che io trovo assolutamente attuale e da leggere con grande piacere. Austriaco di nascita e cittadino europeo ante-litteram per cultura, intuizione e convinzione, quando ancora non erano esplose le due grandi guerre. Nel suo capolavoro che consiglio caldamente “Il mondo di ieri” racconta con qualche sobrio accento autobiografico il passaggio dall’Austria felix dell’impero asburgico allo scenario devastante della prima guerra mondiale e ai primi accenni dell’emergente nazi-fascismo. Scrittore all’epoca di grande successo, i suoi libri vengono fatti sparire da tutte le biblioteche europee dal Fuhrer, Zweig fu fiero di condividere questa sorte con celebrità come Thomas e Heinrich Mann, Franz Werfel, Sigmund Freud e Albert Einstein. Nel 1934 lasciò l’Austria per raggiungere Londra senza la sua famiglia. Nel 1938, dopo l’annessione dell’Austria al Terzo Reich, chiese la cittadinanza inglese. Nello stesso anno divorziò dalla moglie Friderike e nel 1939 sposò la giovane segretaria Lotte Altmann (1908-1942), con la quale l’anno dopo andò ad abitare a New York, ben sapendo che non avrebbe più rivisto l’Europa. Nel 1941 si spostò a Petrópolis in Brasile, dove si suicidò, con un’overdose di barbiturici, insieme alla sua seconda moglie nel 1942. La sua carriera di scrittore è ricca di bellissime biografie di amici geniali suoi contemporanei e non e, soprattutto sono memorabili i suoi racconti brevi e folgoranti (ripubblicati in anni recenti dalla benemerita Adelphi ( da leggere almeno : Bruciante segreto, Lettera di una sconosciuta ,Novella degli scacchi,Amok, Una notta fantastica e questo Viaggio nel passato, in cui il tempo è ancora una volta il grande protagonista che modifica il corso dei destini e dei sentimenti delle persone (qui una passione amorosa inespressa si traduce prima in una lunghissima attesa e poi in una inevitabile delusione perché nulla può rimanere immutabile.
Insomma un grande e forse non adeguatamente riconsiderato scrittore tanto più moderno quanto più precursore di visioni globali ancor oggi disattese.

Renato Graziano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...