Le mille luci del mattino – Clara Sanchez #ClaraSanchez

LE LUCI DEL MATTINO (PR)

LE LUCI DEL MATTINO (PR)
Della Sanchez ho letto diversi libri e mi sono sempre piaciuti, questa volta però mi ha un pochino deluso.
A questo ho assegnato 2 stelle su 5 di gradimento perchè l’autrice scrive comunque bene e il romanzo è scorrevole, ma la storia è banale. Attraverso il racconto della vita all’interno di un ufficio, dove si respira una pesante aria di competizione a tutti i livelli, la Sanchez ci descrive alcuni personaggi che dimostreranno una notevole differenza tra l’essere e l’apparire. Ma la storia in se è, a mio parere, troppo piatta, sciapa e con pochissimi spunti di interesse. Forse sarà perchè ho passato 31 anni della mia vita in un posto del genere, ma a me non ha destato alcun interesse. Vi sono molte storie di contorno che chiunque abbia lavorato in una grande azienda saprà riconoscere: pettegloezzi, malignità, vite segrete degli impiegati e segretarie, vicedirettori arrivisti, vendette trasversali e paranoie varie. Poi, leggendo le recensioni del libro, sembra che ci sia una sorta di mistero che Emma (la nostra eroina) scoprirà a dispetto di chi vuole coprire tutto sotto silenzio, ma quando mai…. Io mi sono fatto ingannare da queste recensioni, scoprendo poi che la Sanchez sa fare molto meglio. Ripeto, racconto piatto, però la Sanchez scrive bene, quindi è comunque un libro leggibile. Buona lettura a tutti.

Giancarlo Zeppa

DESCRIZIONE

Madrid. La luce si riflette sulle immense pareti a specchio del palazzo. Emma guarda dalla finestra il mondo che si perde in quell’intenso bagliore. È seduta alla scrivania di un ufficio con cui non ha alcuna affinità. Perché fare l’impiegata in una grande azienda non è mai stata la sua aspirazione. Ma Emma deve ricominciare dopo il fallimento della sua storia d’amore e del sogno di diventare una scrittrice. Il posto di assistente è arrivato al momento giusto.
Eppure quel lavoro non è come se l’aspettava. Il suo capo, Sebastián Trenas, passa le giornate a leggere libri: nessuna telefonata, nessuna riunione. Emma non riesce a spiegarselo, ma il suo sesto senso le suggerisce di non fare domande. Fino a quando arriva il giorno in cui non può più fare finta di niente. Mettendo in ordine alcune carte in vecchi faldoni, smuove qualcosa che doveva rimanere nascosto. Da allora tutto cambia: Trenas perde la carica di vicepresidente e dopo pochi giorni muore. Emma si sente in colpa e ha paura di quello che le sta accadendo intorno. Deve scoprire quale verità si cela dietro quegli uffici lussuosi e quelle pareti di cristallo. Perché nulla è come appare. E ora che due oscuri personaggi, due fratelli manager di successo, hanno sostituito il suo capo, la ragazza è convinta che i suoi sospetti siano fondati e che sia necessario scavare nel passato. Un passato che parla di bugie e segreti, di amori clandestini e di adozioni difficili. Solo in sé stessa Emma può trovare il coraggio per svelare il mistero. Perché c’è chi vuole fermarla. C’è chi vuole che su ogni cosa ricada il silenzio. Un silenzio a cui Emma ha deciso di dare finalmente una voce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...