Olive Kitteridge – Elizabeth Strout #OliveKitteridge #ElizabethStrout

olive-kitteridge

Però questa Olive Kitteridge, che caratterino, una donna dura, caparbia, spesso sgradevole, ma sincera, schietta che non può non piacere.
Il libro è composta da 13 racconti, che descrivono episodi di persone che vivono in un paesino del Maine, in cui sempre appare il personaggio di Olive: burbera, attempata, bizzarra, sgraziata, quasi sempre insopportabile.
Spesso i personaggi sono grigi, sommessi, modesti, i racconti non sono collegati fra loro, però alla fine tutto torna a completare il quadro.
La Strout scrive bene, in modo molto lineare, ho avvertito però nella sua scrittura qualcosa di ruffiano, come se volesse piacere a tutti i costi. Il filo conduttore è un diffuso dolore per i deludenti rapporti umani o famigliari, per il tradimento consumato o desiderato, per l’avanzare dell’età e per la paura della morte.
Questo libro nel 2009 ha vinto il Pulitzer, non so il criterio usato per dare questo riconoscimento, ma se penso ad altri autori premiati, questo mi pare davvero esagerato. L’ho letto sulla scia di una fuorviante recensione di Baricco che lo inseriva fra i migliori libri letti negli ultimi anni; forse abbiamo gusti diversi o comunque non ho abbastanza sensibilità da apprezzare questa raccolta.

Raffaella Giatti

DESCRIZIONE

In un angolo del continente nordamericano c’è Crosby, nel Maine: un luogo senza importanza che tuttavia, grazie alla sottile lama dello sguardo della Strout, diviene lo specchio di un mondo più ampio. Perché in questo piccolo villaggio affacciato sull’Oceano Atlantico c’è una donna che regge i fili delle storie, e delle vite, di tutti i suoi concittadini. È Olive Kitteridge, un’insegnante in pensione che, con implacabile intelligenza critica, osserva i segni del tempo moltiplicarsi intorno a lei, tanto che poco o nulla le sfugge dell’animo di chi le sta accanto. Opera vincitrice del Premio Pulitzer 2009.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...