Bella di giorno – Joseph Kessel @EdizioniEO #belladigiorno #josephkessel

bella-di-giorno-joseph-kessel-libro

Sull’onda del Club degli incorreggibili ottimisti dove Joseph Kessel è uno degli scrittori protagonisti insieme a Sarte e a Camus, ho comprato e letto Bella di giorno, la sua opera più famosa. Di Bella di giorno in realtà, i signori uomini soprattutto, ricorderanno il film di Luis Buñuel e la bellissima protagonista Catherine Deneuve, ma il film fu tratto dal romanzo omonimo del 1928 di Joseph Kessel. Strano destino a volte quello degli scrittori: un uomo che scrisse oltre ottanta romanzi, venduti per milioni di copie, che fu ammesso addirittura all’Academie Francaise, oggi praticamente sconosciuto, per lo meno in Italia.

Il romanzo è bello e  direi interessante, molto elegante e curata la scrittura. Non lo definirei un capolavoro e non mi si sono accese lampadine di passione leggendolo, ma mi è piaciuto molto.

Racconta una storia penso ormai nota, grazie al film: Severine, una giovane signora della società bene parigina, sposata con un giovane chirurgo in carriera, si rende oscuramente conto della mancanza di qualcosa nella propria vita: ama il marito profondamente, e teneramente, ma senza passione. Non sa dare un nome alle pulsioni oscure che la attraversano, anche perchè la stretta educazione cattolica e la società maschilista che tiene le proprie signore protette e su un piedistallo non le permette di arrivare a capire appieno i bisogni del proprio corpo. Un giorno per caso apprende da un’amica un pettegolezzo molto osè: una signora del loro ceto, che desidera pagarsi molti vizi costosi, ottiene del denaro in più frequentando una casa di appuntamenti. Severine dà seguito ai propri oscuri desideri di depravazione cominciando a frequentare ella stessa il bordello, non per motivi venali, ma per trovare sollievo ai propri impulsi carnali. Tutto il romanzo è giocato sull’ambiguità e sulla contraddizione di questa sua doppia vita: più Severine si rasserena saziando la sua morbosità, più sente di amare profondamente il marito. Poichè, come specifica Kessel nell’introduzione, il vero dramma non è tradire una persona che si è amata perchè non la si ama più. E’ tradire pur amandola, è il terribile tormento del divorzio tra il cuore e la carne, tra un vero, immenso e tenero amore e l’implacabile esigenza dei sensi.

E’ un libro che fu tacciato di contenuti sordidi e pornografici, ovviamente per l’epoca, particolari che adesso fanno quasi sorridere. L’ho trovato anche abbastanza attuale, non datato; ha come difetto, per me, di essere a volte troppo cerebrale nelle varie elucubrazioni mentali della protagonista. Ma è scritto veramente bene.

Voto: tremmezzo su cinque.

Lorenza Inquisition

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...