Il bar delle grandi speranze – (The Tender Bar) – J. R. Moehringer @edizpiemme #JRMoehringer

6689-Bar Speranze.indd

“Ci andavamo per ogni nostro bisogno. Quando avevamo sete, naturalmente, e fame, e quando eravamo stanchi morti. Ci andavamo se eravamo felici, per festeggiare, e quando eravamo tristi, per tenere il broncio.”
Manhasset, NY. È la città dove Scott Fitzgerald ambientò il suo Grande Gatsby ed è la città dove ci sono Steve, con il suo sorriso da stregatto, e il suo bar, con le sue mille storie raccontate mille volte e ogni volta con qualche particolare in più, poco importa se vero, inventato, o preso in prestito da altre.
È la città di JR, che cresce senza conoscere il padre, con una madre perennemente in lotta con lavori che non le permettono di mantenere una casa, costringendola a stare nella casa del nonno che rimane una figura misteriosamente in bilico tra la più stronza e la più amabile che si possa conoscere.
L’autore ci presenta in prima persona la storia delle sue paure, dei suoi sogni, delle sue illusioni e delusioni, tutte vissute con il bar di Steve come punto fermo, prima come posto mitico frequentato da persone che nell’immaginario di un bambino erano sempre allegre e gioiose, poi come riferimento dove trovare consiglio e incoraggiamento per le proprie speranze, e infine come approdo dove ritirarsi a dimenticare le proprie sconfitte.
Sono i sogni e le illusioni di un ragazzino, che sono poi quelle di tutti noi, che in qualche parte dei nostri 40 e passa anni, un ragazzino continuiamo a tenerlo più o meno nascosto, e che quelle sensazioni le abbiamo ancora addosso, anche se non riusciremmo a raccontarle così chiaramente, se ce lo chiedessero.
Nelle sue 480 pagine il libro ci racconta di quando ci siamo resi conto che le persone con cui eravamo cresciuti, quelle di cui non potevamo fare a meno e che per motivi svariati non avevamo più visto per anni, sono improvvisamente diventate altro, senza dirci niente.
Racconta di quanto le persone non si riescano mai a conoscere davvero del tutto, e di quanto ci siamo sentiti stupidi nel momento in cui siamo venuti a scoprire la storia di quelli che avevamo immaginato fossero sempre così come ci eravamo abituati a conoscerle.
Racconta di come ci siamo sentiti la prima volta che abbiamo intuito che potevamo davvero farcela, di come è stato quando abbiamo capito che non era proprio come l’avevamo pensata e di come, alla fine, abbiamo in qualche modo attraversato il guado che separa i sogni dalla realtà.
E di come quest’ultima, spesso, sappia anche trovare modi tanto inaspettati quanto banali per stupire ancora quel ragazzino che continua a giocare a nascondino con i nostri 40 e passa anni.

luca bacchetti

DESCRIZIONE

cresce catturato da una voce, J.R. La voce di suo padre, un disc-jockey di New York, che ha preso il volo quando lui non aveva ancora detto la sua prima parola. Con l’orecchio schiacciato contro la radio, vorrebbe spremere da quel timbro caldo e baritonale i segreti dell’identità e del mondo degli uomini. Sua madre è il suo mondo, è la sua roccia, ma lui cerca anche qualcosa di più, qualcosa che riesce, debolmente ma ossessivamente, ad avvertire solo in quella voce.
A otto anni, quando anche la voce alla radio scompare, J.R. scappa disperato fino al bar all’angolo, e lì scopre un nuovo mondo, e un coro turbolento di nuove voci. Sono poliziotti e poeti, allibratori e soldati, star del cinema e pugili suonati, la varia umanità che si rifugia al “Dickens” per raccontare le proprie storie o scordare i propri guai. E poiché si diventa grandi per imitazione, a ciascuno di questi uomini J.R. ruberà qualcosa, diventando un piccolo “ladro di identità”.
Appassionata e malinconicamente divertente, una grande storia che arriva dritta al cuore, ma anche l’avvincente racconto della lotta di un ragazzo per diventare uomo e un indimenticabile ritratto di come gli uomini rimangano, nel fondo del loro cuore, dei ragazzi perduti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...