Jo Nesbo – Il pipistrello

“Un Harry Hole giovane, quasi sentimentale, ma già segnato da un passato doloroso, alle prese con un caso di omicidio. E con il suo primo serial killer. L’episodio che ha inaugurato la serie noir piú famosa al mondo. Mai tradotto in italiano.”

pipistrello.jpg

Prima edizione italiana del primo episodio della serie noir di Harry Hole. Un thriller che inizia intorno alla 300esima pagina di 400, preceduto da soporifere, quanto inutili, descrizioni di decine di personaggi ininfluenti. Ho terminato di leggerlo, con moooolta fatica e fastidio, solo perchè odio lasciare libri a metà.

Francesca Ogana

Lorenzo Toschi: Non sono d’accordo perché pur non essendo di sicuro tra i più riusciti libri di Nesbo secondo me non è così malvagio.. Ma rispetto ovviamente l’opinione.

Francesca Ogana: Infatti alcuni altri che ho letto (Il Leopardo, Lo Spettro, Polizia, ad esempio) mi erano piaciuti. Si vede che ha affinato la tecnica col tempo… ;P

Lorenzo Toschi: questo sicuramente, trovo le uscite successive tutte di ottimo livello.. Forse non era un caso che Il pipistrello sia rimasto inedito in Italia così a lungo.

Marc Dugain, Viale dei giganti

1010089_10152116387193509_1529446152_n

Anche se romanzato, è ispirato alla vita reale del serial killer Edmund Kemper. Scritto benissimo. L’autore, per scrivere il libro è andato in America e ha girato tutti i posti dove è stato lo psicopatico, ma non ha voluto incontrarlo per paura che lo potesse manipolare. Consiglio.

Stefania Recchi