Cambiare l’acqua ai fiori -Valérie Perrin #ValeriePerrin

Vedi Violette, io e te abbiamo avuto entrambi la nostre dose di disgrazie, eppure siamo qui. Noi due insieme facciamo tutti i romanzi di Victor Hugo riuniti, un’antologia di grandi sventure, piccole felicità e speranze.
cambiare l'acqua
Ciao a tutti.
Sto leggendo pochissimo in questo periodo ma ieri ho iniziato le 450 pagine di questo romanzo e sono dovuta rimanere sveglia tutta la notte per finirle. Non mi succedeva da tempo. In un post di questa mattina Francesco Pigro parlando di “Cambiare l’acqua ai fiori” dice che ci sono momenti in cui non vedi l’ora di ritornare alle pagine di un libro che ti ha catturato. Ha ragione, io non solo volevo tornarci: non volevo proprio andare via. Volevo rimanere lì, ancora e ancora.
Ho due guardaroba, uno lo chiamo “inverno” e l’altro “estate”, ma non c’entrano le stagioni, c’entrano le circostanze. L’armadio inverno contiene solo vestiti classici e scuri destinati agli altri, l’armadio estate solo vestiti chiari e colorati destinati a me stessa. Indosso l’estate sotto l’inverno, e quando solo sola mi tolgo l’inverno.
A scanso di equivoci dirò subito che questo libro non mi sembra affatto un capolavoro. L’amica che me l’ha fatto conoscere (grazie Cris!) mi ha mandato un trafiletto dove il libro ha una valutazione di 10/10. Un po’ troppi. Il libro ha alcuni punti deboli, secondo me. Alcuni dialoghi, soprattutto nella parte iniziale, lasciano perplessi e possono quasi dare l’idea di essere di fronte all’ennesima storia d’amore raccontata nemmeno troppo bene. Così come certi momenti, certi sviluppi nella trama. Ma non bisogna lasciarsi scoraggiare da questo.
Perchè c’è tutto il resto, ed è tantissimo. C’è un’ambientazione insolita e stranamente affascinante. Una casa dove avrei voglia di essere accolta e confortata quando ne ho bisogno. Un piccolo nido protetto dove non ti aspetteresti di trovarlo. C’è Violette con i suoi cappotti grigi e cupi e sotto i vestiti rosso fuoco, l’inverno fuori e l’estate dentro. C’è la sua storia, la sua voce che racconta in modo appassionato e struggente l’amore per sua figlia. Questa secondo me è una delle parti più belle del libro, il lungo racconto di Violette e della sua bambina, le immagini che vengono evocate, tutto il vissuto che piano piano ci viene raccontato. E quei personaggi stupendi che la circondano: Sasha, Nono, Elvis (perchè conosce solo le canzoni di Elvis Presley), il parroco che vorrebbe poter essere papà, Celia. E ancora la lunga storia di Irene e Gabriel, appassionata, sofferta, eterna (l’altra parte meravigliosa di questo libro). E poi, ancora, la altre piccole e grandi storie che sfiorano la vita di Violette o si intrecciano alla sua come un’immensa ghirlanda di fiori. C’è perfino un piccolo di ricordo di Camille Claudel e questo mi fa ha fatta sorridere e commuovere. Senza voler dare troppi particolari sulla trama dirò che ci sono anche Violette e tutti i suoi morti e quella è poesia purissima.
Parlo da sola. Parlo ai morti, ai gatti, alle lucertole, ai fiori, a Dio (non sempre gentilmente). Parlo a me stessa, mi interrogo, mi chiamo, mi faccio coraggio.
E’ un libro che migliora man mano che si procede con la lettura, le parti narrate sono magnifiche. Quando i personaggi iniziano a raccontare di sé, a svelarsi, quando cominciano a delinearsi i contorni e le figure si riempiono, quando non solo li si immagina ma si comincia a vederli. Quando si comincia a capirli. Allora entrano nel cuore e, per quello che mi riguarda, non credo ne usciranno più.

Anna Massimino

 

Valérie Perrin – Cambiare l’acqua ai fiori

luglio 2019, pp. 480,
Traduzione: Alberto Bracci Testasecca
Editore: Edizioni E/O Collana: Dal Mondo

Valérie Perrin
Valérie Perrin lavora da sempre nel mondo del cinema e per anni è stata fotografa di scena delle più importanti produzioni cinematografiche francesi, tra cui quelle del marito Claude Lelouch. Con Cambiare l’acqua ai fiori ha vinto il Prix Maison de la presse, il Prix Jules-Renard e il Prix des lecteurs du Livre de poche.

Il mostro ama il suo labirinto – Charles Simic #Simic #bellezza #poesia #Nobel #Adelphi

Il mostro ama il suo labirinto – Charles Simic

Traduttore: A. Bottini
Charles Simic, Premio Nobel per la poesia nel 1990 e poeta laureato degli Stati Uniti (2007), è nato a Belgrado nel 1938 e vive negli Stati Uniti dal 1954. Per Adelphi sono usciti Hotel Insonnia (2002), Il cacciatore di immagini. L’arte di Joseph Cornell, Club Midnight, Il mostro ama il suo labirinto. Taccuini e La vita delle immagini (2017).
“C’è una sorta di sognante euforia nel non sapere dove si sta andando.”
Ricordi, storielle, fugaci impressioni, brevi prose, riflessioni critiche, aforismi: questo contengono i taccuini del poeta americano di origine serba Charles Simic, che Adelphi pubblicò nel 2008 nella traduzione di Adriana Bottini, con il titolo Il mostro ama il suo labirinto. Si può resistere ad un invito del genere?

Simic, chi sei?
Uno a cui piace colpire con frasi breve e dissacratorie?
Anche, certo.
Ma leggendo quel titolo ho pensato a due cose di lui: che dovesse avere una buona dose di autoironia, e che amasse in una maniera debordante la vita.
Ed è in effetti così.

Il mostro ama il suo labirinto è un taccuino colmo di frasi, la cui brevità ammicca all’aforisma, e nei cui contenuti frammentati echeggia la disgregazione della contemporaneità.
Simic traccia con parole sferzanti l’universo umano, tragico e quotidiano, e pondera sull’immensità, l’eterno, l’infinito.
Spazia dal significato della poesia all’importanza degli oggetti, una relazione che si stabilisce tra le parole e le immagini del suo passato che vibra di suoni, danza sulle filosofie di tutti i tempi facendole “cadere” di fronte a un mal di denti.

Siamo tutti clandestini su una nave di folli.

E ancora :” Ti fanno male” mi dicono i miei amici. Come se fra me e l’immortalità si frapponessero soltanto due salsicce”.

Simic è di origine serba, ha vissuto la guerra da bambino e della sua infanzia ha un ricordo felice. In America scrisse i primi libri ed ebbe subito successo.
Un autore, secondo me, che vale la pena di conoscere.

”In democrazia, il ruolo principale della stampa libera è quello di nascondere al Paese che è governato da un’oligarchia.”

Egle Spanò

Descrizione
Simic, cui la forma oscillante tra l’aforisma e la prosa breve sembra particolarmente congeniale, siede a giudicare se stesso e il mondo. Ed è un giudice-poeta chiaroveggente e bizzoso, improvviso negli scatti d’ira e nelle smanie d’amore, che crede “nella irrimediabile e caotica mescolanza di ogni cosa”, e usa “il caso come attrezzo per demolire le nostre associazioni abituali”. Ora striglia i politici guerrafondai e gli intellettuali loro complici, ora racconta con macabra ironia vecchie storie dei Balcani (quel luogo d’Europa la cui economia si regge sulle “fabbriche di orfani e gli allevamenti di capri espiatori”). Stralunato e lubrico, “avanzo di galera di tutti i paradisi terrestri”, non cessa di meravigliarsi della stupidità umana, ingrediente segreto della storia, ma anche dell’enciclopedia di archetipi celata in ciascun oggetto. Ad ogni pagina, guizzi fulminei e collegamenti interrotti: “una melodia allegra suonata con malinconia”, un’immagine sfocata di sé colta di sfuggita in uno specchio egizio, qualcosa “a metà tra l’infinito e lo starnuto”, un “saporito stufato casalingo di angelo e bestia”.