Undici per la Liguria, AAVV

10926370_10206175025444848_7843077672904579558_n

A volte prego. Anzi, non prego: io invoco Dio per bestemmiarlo. Lo provoco, lo insulto, perchè ha voluto per me questo destino. E poi, ogni volta, lo imploro. Che abbia pietà di me e accorci la mia sofferenza.
So che è inutile, perchè se Dio esistesse e fosse davvero un Padre buono e giusto, non lascerebbe un innocente incarcerato in questo modo barbaro.
Ma devo ostinarmi a credere in lui, per avere qualcuno contro cui sfogarmi e liberare questa collera che non conosce riposo.

Riccardo Gazzaniga – La Cella

Undici racconti brevi (per un totale di 57 pagine) donati da undici autori liguri, o comunque legati in particolar modo alla Liguria, per raccogliere fondi da destinare alla ricostruzione di un asilo di Genova, distrutto dall’ultima alluvione.
Si trova un po’ di tutto, racconti legati al territorio e alla cultura Ligure, cronache legate alle recenti alluvioni e anche racconti senza alcun collegamento come quello da cui ho tratto la citazione qui sopra e che ho trovato di gran lunga il migliore del lotto.

Massimo Arena

Pubblicità

Riccardo Gazzaniga – A viso coperto

a-viso-coperto

 

Riccardo Gazzaniga – A viso coperto

Ottimo esordio quello di Riccardo Gazzaniga, sovrintendente della Polizia di Stato.  La scelta di narrare in “A Viso Coperto” di fatti che, per quanto inventati, si riconducono alla sua quotidianità di poliziotto è azzeccata: qui vengono raccontati gli scontri tra un immaginario gruppo di ultrà del Genoa e i reparti mobili della città. Inevitabile, visto l’argomento, qualche riferimento all’attualità ed a noti eventi ormai tristemente entrati nella recente storia d’Italia in generale e di Genova in particolare.

Brevità dei capitoli e linguaggio crudo e diretto infondono ritmo e vivacità alla lettura che scorre veloce e mai noiosa e aiuta a non perdersi nella molteplicità dei personaggi coinvolti ognuno dei quali diventa alternativamente protagonista con le proprie vicende e i propri drammi nei diversi capitoli. Quest’ultimo escamotage permette all’autore di mantenere un’equidistanza dai fatti senza dare alcun giudizio di parte ma dà voce ad entrambe le parti in causa: poliziotti ed ultrà. Sta al lettore decidere da quale parte schierarsi ma, attenzione, perché in questo mondo inevitabilmente violento sarà dura trovare un eroe ben definito in mezzo a tanti anti-eroi.

In sostanza, “A Viso Coperto”, romanzo vincitore del Premio Calvino 2012, è un romanzo consigliato agli amanti della narrativa italiana e di autori quali Carlotto, De Cataldo, Colaprico.

Massimo Arena