Tra loro – Richard Ford #RichardFord #recensione

Ho scritto questo libro perché ero l’unica persona in vita ad aver conosciuto i miei genitori e per me era importante mettere a fuoco la loro vita prima di me, a prescindere da me, volevo testimoniare la loro esistenza”, ha confessato lo scrittore americano. “Erano persone piccole, che nella vita non hanno fatto niente di speciale, ma la loro è stata un’esperienza carica di virtù e di amore: non volevo che andasse tutto dimenticato. Ripercorrendo le loro vite ho avuto modo di scoprire che la piccolezza dei miei genitori non era per nulla insignificante e che soprattutto non era in contraddizione con la grandezza della loro virtù”.

Tra loro – Richard Ford

Traduttore: V. Mantovani
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori

Quanta delicatezza, quanto pudore, quanta “vita” c’è in questo memoriale che Ford scrive sui suoi genitori!
Partiamo dal presupposto che scrivere del proprio padre e della propria madre è sempre difficilissimo, perché chi racconta, chi scrive, non è “altro da loro”, ma qualcuno che ha vissuto gran parte della vita “tra loro”…e proprio per questo motivo ha più difficoltà a guardarli da una certa distanza, come persone che si rapportano non solo con lui, ma anche con il resto del mondo, che hanno un passato che appartiene solo a loro e una vita interiore che può essere inficiata dal sentimento.

“L’incompleta conoscenza delle vite dei nostri genitori non è una condizione delle loro vite. È una condizione soltanto delle nostre”.

Chi sono realmente i nostri genitori?
Chi erano e cosa pensavano prima di noi?
Quali erano i loro sogni, le loro aspirazioni?
Sono stati davvero felici?
Queste sono solo alcune delle domande a cui Ford cerca di dare una risposta, senza inventare, senza romanzare nulla, ma basandosi solo su ciò che ha visto, su quello che gli è stato raccontato, sui suoi ricordi.
E con la consapevolezza che la loro vita è stata sicuramente molto altro (e molto di più) che questo.

Ne vien fuori un ritratto lieve e struggente di un padre commesso viaggiatore, grande e grosso, troppo assente, ma che con la sua assenza è riuscito ad insegnargli che la gente viene e va e che la stabilità è un qualcosa che bisogna crearsi da soli, trovandola dentro se stessi.
Una madre piccola e volitiva che ha dedicato la vita, prima della sua nascita, al marito, seguendolo nel suo lavoro, vivendo praticamente in auto con lui, felici di questo.
Felici.
L’arrivo di un figlio, desiderato e amato, cambia tutto… ma non il loro amore.

Alla fine Ford ci vuole raccontare una storia “vera”, né migliore né peggiore di altre, una storia senza eroi, piena di vuoti e densa di pieni.
Una vita filtrata dal tempo, dove tante cose sono andate perdute, tranne l’amore… e “l’amore, come sempre, è causa di bellezza”.

Gran bella scrittura (e adesso sí che ho tanta voglia di leggere “Canada”).

…” con lei ho conosciuto quel momento che tutti vorremmo conoscere, il momento in cui si dice. Si. È così. Una presa di coscienza che conferma la finalità della vita ed il suo più autentico valore. Con lei ho conosciuto mille di questi momenti nello stesso istante in cui si verificavano, e anche in questo. Suppongo che li conoscerò per sempre “.

Antonella Russi

Il senso della lotta – Nicola Ravera Rafele

ravera

Ciao a tutti,
il 19 Gennaio esce in libreria questo libro che definirei avvincente, misterioso, pieno di colpi di scena, trascinante.
Ci tengo a consigliarvelo perchè avendo avuto il privilegio di leggere la bozza vorrei condividere con voi il turbine di emozioni che mi ha suscitato e soprattutto una sensazione che immagino ognuno di voi prova in certe occasioni: avete presente il non riuscire a staccarsi dali libro per arrivare al finale?
Bhe questo è IL SENSO DELLA LOTTA, edito da Fandango Libri. Consigliato!

Camilla Rossi

DESCRIZIONE

Nei giorni dispari della settimana Tommaso va a correre. Allena il fiato, svuota la mente. A trentasette anni ha un contratto a tempo nella redazione romana del Corriere della Sera, una fidanzata esigente, e una zia, Diana, della consistenza di una quercia, che l’ha cresciuto da quando, nel 1983, suo padre l’ha lasciato lì, davanti a casa, prima di scomparire nel nulla, nel bel mezzo di un temporale estivo. Già, perché i suoi genitori, Michele Musso e Alice Rosato, da quelle poche informazioni che ha, sono morti in un incidente, ed erano terroristi. A trentasette anni Tommaso è riuscito a costruirsi una vita normale, a non pensare più al suo tormentato passato. Ma quando una mattina il respiro gli s’ingolfa, e un dottore, diagnosticandogli un attacco di panico, gli chiede se sia figlio di quel Michele Musso, che lui ha incontrato a Grenoble nell’84, qualcosa si rompe, come uno strappo in una rete. Perché quella data fa tanto rumore? Quante versioni esistono della stessa cosa? In quale punto puoi ricucirle insieme senza sentire troppo male? Con la mano ferma di chi conduce un’inchiesta e l’eleganza espressiva di chi sa come raccontarla, Nicola Ravera Rafele compone un’opera sinfonica per restituire una vicenda familiare che comincia nel 1969 e arriva fino ai giorni nostri. Romanzo borghese, noir letterario, j’accuse generazionale, “Il senso della lotta” è un libro sul presente che fa i conti con il passato, una storia in cui la ricerca della verità ha un prezzo così alto che alla fine sarà difficile separare la salvezza dalla distruzione.