Francesca Melandri – Eva dorme #FrancescaMelandri #recensione

Due libri! Consiglio per oggi:

“Anche se è aprile, a tarda notte l’aria sa ancora di neve. Ma i larici stanno iniziando a svegliarsi, la resina risale dalle profondità oscure dei tronchi, e la sua essenza oleosa comincia a diffondersi nell’aria. Aspiro profondamente. In notti d’insonnia come questa, mi ricordo che fortuna sia vivere in un posto che odora di buono.”

Francesca Melandri
Eva dorme
Mondadori, 2011
ISBN 9788804607847

Letto un paio di mesi fa, consiglio a tutti Eva dorme – di Francesca Melandri. Un romanzo scritto in modo piacevole, da leggere anche prima di andare a dormire. Ha anche un importante ruolo educativo, infatti vi racconterà un periodo della nostra storia da un punto di vista per me (e molti altri) del tutto sconosciuto: quello degli altoatesini durante il fascismo. È la storia del Sudtirolo, del turismo di massa, dei rapporti tra il nord ed il sud, della guerra e degli usi e costumi.
Una vicenda che parte dal lontano 1919 e che arriva fino ai giorni nostri, che attraversa tutta l’Italia e narra la vita di ben tre generazioni di cittadini dell’Alto Adige. Dopo averlo letto non direte più “Ma perché ‘sti sud tirolesi parlano in tedesco? Siamo in Italia, se non gli sta bene che tornino sotto gli austriaci!”.

“C’è il tempo che ci scorre intorno, incontro e attraverso, il tempo che ci condiziona e ci plasma, la memoria che coltiviamo o di cui ci disfiamo – la nostra Storia. Poi c’è la sequenza dei luoghi nei quali viviamo, tra cui viaggiamo, quelli in cui siamo fisicamente, luoghi fatti di strade e di edifici ma anche di alberi, orizzonti, temperature, livelli di pressione atmosferica, della maggiore o minore velocità con cui scorre l’acqua di un fiume, di curve di livello – la nostra Geografia.
Queste due traiettorie, legate un po’ al destino e un po’ alla libera scelta, in ogni istante e in ogni luogo s’incontrano in un punto, come un cosmico grafico cartesiano, e la sequenza di questi punti forma una linea, una curva, a volte, se siamo fortunati, perfino un disegno, se non armonioso, almeno che si riesce a intravedere.
Questa è la forma della nostra vita.”

Giulia Baldo

Come cavalli che dormono in piedi – Paolo Rumiz #PaoloRumiz

rumiz

“… Rieccomi qui (Redipuglia), con un cuore nuovo e pienezza d’amore, rispetto e pietà, nel segno della nausea per un’inutile mattanza che sembra non aver insegnato nulla. “Ci vorrebbe una guerra” ho sentito dire davanti a un’edicola. Guerra follemente invocata come il vento, come pioggia purificatrice. Ho pensato: ecco come, in un mondo sbracato, nevrotico, obeso e senza più memoria, il legittimo bisogno di frugalità e di ordine può prendere una simile forma, blasfema e inaudita.”
Il libro: “Come cavalli che dormono in piedi” di Paolo Rumiz, che racconta degli italiani “Sbagliati” della Grande Guerra, i Triestini, Friulani, Dalmati, Trentini, che non per volontà loro, ma perché abitavano nell’Impero Asburgico combatterono la Grande Guerra con gli Austroungarici. Mio nonno era un “Italiano sbagliato”, partì nel ’14 e, fortunato, riuscì a tornare nel ’19.
Rumiz, è andato a cercare tracce di quegli “Italiani”, nei cimiteri di guerra di Polonia, Romania, Ucraina, nei Carpazi e con pietà e compassione, parla di tutti i morti, di questo e di quel fronte. Parla di ragazzi accomunati nella morte, da uno stesso destino. Nemici, perché qualcuno decise per “Loro”, che erano nemici.
Ho 72 anni (leggo ancora molto) e ho sentito i racconti di quelli che sono tornati, con grandi cicatrici nel corpo e nello spirito. Di quei “Ragazzi” rimane ormai solo la memoria e, come ricorda Rumiz: “Cerimonie retoriche, vuote di rispetto e di vuote parole”.
Anch’io sento spesso la frase: “Ci vorrebbe una guerra…” e ne sono spaventato.

Flavio Tomasi

Pochi giorni fa è stato l’anniversario della battaglia di Solferino – San Martino. Nel sacrario di Solferino è possibile vedere i nomi dei caduti di entrambe le parti. Parecchi cognomi (mi ricordo Basso) compaiono per entrambi gli schieramenti.

Descrizione:

Nell’agosto del 1914, più di centomila trentini e giuliani vanno a combattere per l’Impero austroungarico, di cui sono ancora sudditi. Muovono verso il fronte russo quando ancora ci si illude che “prima che le foglie cadano” il conflitto sarà finito. Invece non finisce. E quando come un’epidemia si propaga in tutta Europa, il fronte orientale scivola nell’oblio, schiacciato dall’epopea di Verdun e del Piave. Ma soprattutto sembra essere cassato, censurato dal presente e dal centenario della guerra mondiale, come se a quel fronte e a quei soldati fosse negato lo spessore monumentale della memoria. Paolo Rumiz comincia da lì, da quella rimozione e da un nonno in montura austroungarica. E da lì continua in forma di viaggio verso la Galizia, la terra di Bruno Schulz e Joseph Roth, mitica frontiera dell’Impero austroungarico, oggi compresa fra Polonia e Ucraina.
Alla celebrazione Rumiz contrappone l’evocazione di quelle figure ancestrali, in un’omerica discesa nell’Ade, con un rito che consuma libagioni e accende di piccole luci prati e foreste, e attende risposta e respira pietà – la compassione che lega finalmente in una sola voce il silenzio di Redipuglia ai bisbigli dei cimiteri galiziani coperti di mirtilli. L’Europa è lì, sembra suggerire l’autore, in quella riconciliazione con i morti che sono i veri vivi, gli unici depositari di senso di un’unione che già allora poteva nascere e oggi forse non è ancora cominciata.

“Come cavalli che dormono in piedi” di Paolo Rumiz è il racconto di una necessità. Il grande giornalista inquieto e itinerante parte in cerca dei suoi vecchi, in cerca di quelli che furono ragazzi e non tornarono a casa un secolo fa, di quelli che persero la vita nella Grande Guerra. Un viaggio nella nostalgia, un atto di amore per quei centomila soldati trentini e giuliani, tra cui suo nonno Ferruccio, che combatterono sul fronte russo per l`Impero austroungarico di cui erano allora sudditi. Rumiz viaggia le terre che ama, nelle atmosfere rese immortali da Joseph Roth.

Mario Calabresi, TuttoLibri – La Stampa

rumiz2