L’estate muore giovane – Mirko Sabatino #MirkoSabatino #recensione

Editore: Nottetempo
Collana: Narrativa

*Pensai che l’infelicità fosse una condanna a cui non si poteva sfuggire, e che aveva una capacità di adattamento infallibile. Aderiva alla vita delle persone senza lasciare vuoti, e nessuno poteva dirsene al sicuro*

Anno domini 1963. Tre amici dodicenni, bambini i cui “corpi non andavano molto oltre la maglietta e pantaloncini” con cui erano vestiti. Primo, Mimmo e Damiano. Un paese (piccolissimo), l’estate feroce (atrocemente), l’incoscienza (per un poco ancora) senza peso, la fedeltà l’unica strada senza polvere, la bellezza il senso, la purezza (nel bene e nel male) una mano che tiene insieme i pezzi.
Alcuni padri mancano, ognuno per una ragione precisa, e la loro mancanza è dolore, rabbia, stoicismo, direzione, scopo, letteratura, fame.
Le donne sono semplicemente e meravigliosamente donne, minuscole trasgressioni alla volgarità del tempo che scorre, dee, ciascuna con il proprio nodo d’ossa appiccicato all’ombra che fanno, pregando o resistendo o tenendo ferme le cose perché il caos, almeno lui, le risparmi.
La violenza è nuda e cruda, senza fronzoli. La carne scorre prima del sangue, come tutto ciò che cresce, sta per esplodere e l’intelligenza – ancora – lo tratteggia, lo tiene, lo scava. Le cose accadono, con straordinaria semplicità: il gioco, il lutto, il desiderio, le atrocità, il patto, gli inizi e la fine.

“Le sue mani erano ruvide e sapevano di candeggina. Sapevano sempre di candeggina, le mani di mia nonna. Non ho mai dimenticato quell’odore. Per me è l’odore che ha la dolcezza.”

Non è una storia leggera, quella di Primo, Mimmo e Damiano. Non è un caldo rassicurante quello dell’estate del ’63. Eppure dalle pagine, insieme a un male sordo che cova allo stomaco, traspira grazia, una delicatezza difficile da fermare a chiacchiere, l’ingombrante, straordinaria bellezza dei sentimenti nudi e crudi, prima che il compromesso li insudici (il compromesso, non la vendetta), ben prima che la stanchezza li sotterri, nel momento esatto in cui la memoria li vorrebbe fermati, salvati, messi al sicuro.
Un piccolo gioiello di realismo e polvere, brutalità e romanticismo, ossa e poesia – quella del mare, quella della pelle e del colore che prende quando lì vicino c’è il mare.
Consigliatissimo.

“La vita è ciò che ti capita tra la nascita e la morte. Tu scegli poco. Le persone e gli avvenimenti ti si impigliano addosso, ciechi, tenaci, e durante il percorso qualcosa resta, qualcosa si aggiunge, molto si perde, poi tutto.”

Rob Pulce Molteni

DESCRIZIONE

Estate del 1963. I Beatles hanno da poco registrato il loro primo disco, Martin Luther King annuncia il suo sogno all’America e in un paesino del Gargano tre ragazzini, Primo, Damiano e Mimmo, trascorrono le lunghe e afose giornate tra la piazza, i vicoli e il loro rifugio segreto sulla scogliera. Amici per la pelle come si può essere solo a dodici anni, condividono tempo e segreti.

Un giorno, un gruppo di teppistelli si accanisce su Mimmo e i ragazzini decidono di suggellare un patto di alleanza: quando uno di loro o della loro famiglia sarà vittima di un sopruso, i tre risponderanno con una vendetta proporzionale all’affronto. Ma gli eventi di quell’estate sonnolenta sterzeranno verso traiettorie brutali e inaspettate, e il patto verrà rispettato in modo sempre piú drammatico e disperato.

A misura d’uomo – Roberto Camurri #RobertoCamurri #NNeditore

Titolo: A misura d’uomo
Autore: Roberto Camurri
Pagine: 176
Editore: NN Editore

È in tuta e non vorrebbe esserlo, mentre lo guarda farsi vicino vorrebbe essere pettinata e vestita diversamente, vorrebbe essersi truccata, vorrebbe che lui la vedesse bella, vorrebbe, pensa, che lui la baciasse, vorrebbe che lui trovasse il coraggio di prenderle il viso tra le mani e vorrebbe sentire il calore del suo fiato sulle guance e sulle labbra che adesso sono arrossate mentre Valerio le sta porgendo le margherite e, finalmente, piange.

Ci si può innamorare di una casa editrice? Perché io sono perdutamente innamorata della Ci si può innamorare di una casa editrice? Perché io sono perdutamente innamorata della NN Editore. Da Kent Haruf in poi mi è piaciuto tutto quello che ho letto. Me li immagino di notte, gli editori della NN, che girano con un lanternino in cerca di perle da pubblicare.
Questa è una piccola storia di provincia, la storia di un piccolo paese perso in Emilia: Fabbrico. Un paese così piccolo dal quale si può solo fuggire. O al quale si può scegliere di tornare, chissà, il giorno in cui il tuo migliore amico muore per droga. Tornare e rimanere.
E’ una piccola, enorme storia di amicizia, di perdita, di senso di colpa, di amore. E di molte altre cose.
Camurri scrive con uno stile e un ritmo particolari. Sembra elementare, infantile. Dopo un po’ ti accorgi che è ipnotico, ossessivo. Quanto te ne accorgi è tardi, ti ha già catturato.
Racconti incentrati su personaggi diversi, in momenti diversi. Tutti raccontano la stessa storia, lo stesso quadro. Al centro del quadro ci sono Davide, Valerio e Anela. Intorno molte cose che possono sembrare confusione, ma non lo sono.
E il racconto della neve e del vecchio partigiano Giuseppe…beh, quello mi ha spezzato il cuore.
. Da Kent Haruf in poi mi è piaciuto tutto quello che ho letto. Me li immagino di notte, gli editori della NN, che girano con un lanternino in cerca di perle da pubblicare.
Questa è una piccola storia di provincia, la storia di un piccolo paese perso in Emila: Fabbrico. Un paese così piccolo dal quale si può solo fuggire. O al quale si può scegliere di tornare, chissà, il giorno in cui il tuo migliore amico muore per droga. Tornare e rimanere.
E’ una piccola, enorme storia di amicizia, di perdita, di senso di colpa, di amore. E di molte altre cose.
Camurri scrive con uno stile e un ritmo particolari. Sembra elementare, infantile. Dopo un po’ ti accorgi che è ipnotico, ossessivo. Quanto te ne accorgi è tardi, ti ha già catturato.
Racconti incentrati su personaggi diversi, in momenti diversi. Tutti raccontano la stessa storia, lo stesso quadro. Al centro del quadro ci sono Davide, Valerio e Anela. Intorno molte cose che possono sembrare confusione, ma non lo sono.
E il racconto della neve e del vecchio partigiano Giuseppe…beh, quello mi ha spezzato il cuore.

Anna Massimino