Patagonia rebelde. Una storia di gauchos, bandoleros, anarchici, latifondisti e militari nell’Argentina degli anni Venti – Osvaldo Bayer #OsvaldoBayer #Elèuthera

“Patagonia rebelde” è stato un libro perseguitato. Negli anni Settanta, in Argentina, l’opera è stata censurata, le copie sequestrate e bruciate. Nonostante il successo della riduzione cinematografica realizzata da Héctor Olivera (Orso d’argento a Berlino nel 1974), la storia è stata poi offuscata dalle “patagonie” estetizzanti alla Chatwin. I protagonisti delle vicende narrate da Bayer sono invece peones, gauchos dalla pelle tagliata dal vento, bandoleros e sindacalisti anarchici. Ribelli dimenticati di un lungo sciopero insurrezionale che nel 1921 li vide occupare le fattorie dei latifondi patagonici con un’armata stracciona che, sventolando la bandiera della rivolta, tenne in scacco per mesi polizia ed esercito. Tra loro un bandolero italiano noto come El Toscano. Storie drammatiche di ribellione e ideali internazionalisti che Bayer racconta con passione, quasi in presa diretta.

Nella Patagonia degli anni Venti un ristretto gruppo di latifondisti argentini e inglesi controllava l’economia della regione impiegando in immense estancias grandi masse di lavoratori rurali indigenti, sottopagati e privi di ogni diritto. La situazione cambiò con la nomina a segretario del sindacato Sociedad Obrera del galiziano di idee anarchiche Antonio Soto la cui guida condusse a buon esito un durissimo sciopero rurale. Soto godette dell’aiuto di un pugno di uomini determinati, tra i quali gli italiani José Aicardi detto il «68» e Alfredo Fonte detto «El Toscano» e vari altri compagni di diverse nazionalità, metà bandoleros e metà rivoluzionari. Organizzarono uno sciopero insurrezionale che raccolse più di seicento lavoratori, soprattutto chilotes, ossia braccianti cileni, e che intimorí proprietari, funzionari e polizia, portando alla conclusione di un accordo favorevole al sindacato. Accordo che gli estancieros rinnegarono puntualmente l’anno successivo, causando un nuovo sciopero dei peones; ma il contesto era cambiato: la banda di «El Toscano» si era sciolta e il governo inviò un reggimento di cavalleria agli ordini del tenente colonnello Varela, che represse con violenza inaudita la rivolta. Si parla di quasi 1500 vittime in larghissima maggioranza lavoratori.

Bayer fa una cronaca dettagliata dei 2 anni dove ad un iniziale vittoria dei sindacati, guidati dall’ anarchico spagnolo Antonio Soto, si contrappone la reazione violenta delle istituzioni e dei latifondisti guidata dal tenente colonnello Verela, il quale a sua volta cadrà vittima per mano dell’anarchico tedesco Wilkens.

Una storia vera che ha dell’incredibile se rapportata ai giorni nostri, dove spesso dimentichiamo quando sangue siano costati i diritti, che oggi per noi sono ovvi. Bayer scrive anche qualche approfondimento biografico di alcuni dei protagonisti di questa vicenda. La lettura è scorrevole e rimane sempre interessante.

Purtroppo credo che siano solo 3 i libri di Bayer tradotti in lingua italiana, un vero peccato, ottimo autore. Esiste anche una bella versione cinematografica dei fatti, girata nel 1974, che si può vedere su YouTube. Una storia tristemente sconosciuta, che merita di essere letta e raccontata.

Alessandro Muro

Traduttore: Alberto Prunetti Editore: Elèuthera Anno edizione: 2009

In commercio dal: 19 novembre 2014 Pagine: 159 p., ill. , Brossura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.