Marco Patrone – Come in una ballata di Tom Petty #MarcoPatrone

come

All’età della ragione – se arriva, quando arriva – segue quella del bilancio. È legge di natura. E argomento di numerosa letteratura. Che non stanca se preso con la giusta angolazione, in modo che… Vabbè, non mi stanca soprattutto perché ci sto immerso fino al collo, porco cane. Ma questo esordio di Marco Patrone merita davvero, perché è scritto con misura, padronanza e brillantezza. E perché va a cogliere i punti giusti, quelli sensibili.
Tu chiamala, se vuoi, crisi di mezza età quella che prende il quarantenne Marco (qualcosa a che vedere con l’autore?), uomo in carriera dislocato in Germania, Monaco per la precisione, che d’un tratto – plof – molla tutto e torna sulle tracce delle tante cose irrisolte del suo passato. Le solite cose, eh, quelle che teniamo tutti nel cassetto dei sogni interrotti, mai del tutto mantenuti, impossibili da mantenere. Vaghe ambizioni letterarie, sogni di rock’n’roll un po’ logori ma tutto sommato ancora vivi sotto la cenere, un disincanto vasto e tignoso a mantecare il tutto, rimpatriate che cospirano per dare vita a una road story sgangherata. Si legge con piacere, col sorriso agrodolce cucito sulle labbra, col magone che ti fa tap tap sulla spalla. Volti l’ultima pagina e pensi al modo in cui Petty pronuncia “down”, ci pensi, ci pensi ancora. Continui a pensarci.

Stefano S.

DESCRIZIONE

Una crisi di mezza età, un ritorno all´adolescenza: Marco fugge dal suo
lavoro di manager bancario a Monaco di Baviera e dalla sua donna glamour, fugge verso la città dell’alta Toscana – Massa – dove ha passato l´epoca che rimpiange, quando ogni cosa sembrava possibile: diventare un chitarrista indie-rock, superare le proprie paure.
In questa bizzarra città dei ricordi e della giovinezza incontra la sua prima, indimenticata fiamma – Francesca –, ma soprattutto incontra Giulio, il suo vecchio amico e rivale.
Giulio è diventato uno scrittore di successo, piace alle donne, ha avuto una lunga storia con Francesca; insomma, sembra avere tutto quel che a Marco manca: ma è preda di minacciosi demoni.
Inizia una rocambolesca avventura in mezza Europa, per cercare di portare l’«amico ritrovato» a Dublino: Marco e Francesca lo accompagnano – tra ragionevoli dosi di invidia, alcol, sesso e situazioni picaresche – in questo strano viaggio in cerca di cambiamento, libertà e speranza. «Come in una ballata di Tom Petty».
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...