Virginia Bramati, Meno cinque alla felicità

cover Bramati

Partendo dal presupposto che mi sorella ed io sui farlocchi potremmo condurre seminari, anche de na certa qualità mi permetto di dire, tempo fa lei aveva suggerito un “tutto colpa della neve (e di New York)” e io, salda come una roccia, dopo npo’ (du minuti?) l’avevo preso e letto. Molto caruccetto, aveva in sé ogni elemento decorativo tipico del farloccume e nzomma.
Perciò, quando l’altro giorno ho trovato che la Virginia aveva uscito un secondo parto, rapida e implacabile come un killer, mi ci sono ficcata.
Qua ce stanno il Natale, e le lucine, l’albero, le decorazioni, i canti, Pantagruel e 3 oche. Ah, quasi dimenticavo, c’è anche un affascinante sconosciuto, tipo il Jude dell’ammore che non va in vacanzia. Ma tu guarda te. Meno cinque alla felicità è sicuramente per la sua atmosfera natalizia un regalo da mettere in lista, o da regalare a mamme ammiche e zie varie… ma in realtà non potreste perdervelo assolutamente anche se fossimo in piena estate, perché è un gioiellino semplicemente delizioso e fru fru.

Ora però per disintossicarmi, decontaminarmi e ripulirmi dalla melassa che gronda un po’ per ogni dove, mi lancio su un thriller. Vojo suspance e mortammazzati e pure un po’ di sangue, non troppo, q.b.

Virginia Bramati – Meno cinque alla felicità

Lazzia

DESCRIZIONE

Costanza Moretti, brillante giornalista in un giornale finanziario di New York, non dovrebbe farlo, e anche il suo capo (nonché amante) è molto contrariato. Ma lei ormai ha deciso: per Natale torna in Italia, a Verate. Sua mamma e sua sorella Eleonora le sembrano troppo strane al telefono, e da quando – pochi mesi fa – il papà è morto la gestione della mitica Trattoria Moretti, nel centro del paese, è tutta nelle loro mani. Non è solo la preoccupazione, però, a indurla a partire, c’è qualcosa di molto più pressante: una voce insistente che da qualche giorno la assilla, decisa a non tacere finché non avrà ottenuto ciò che vuole. Costanza quella voce la conosce bene, da sempre… è la voce di suo padre! Allucinazioni? Non si direbbe. Suo padre ha una missione segreta e lei dovrà aiutarlo a portarla a termine: entro cinque giorni, quelli che mancano al Natale! Approdata a Verate, toccherà a Costanza pensare a tutto: sua madre ed Eleonora stanno lasciando andare la trattoria, ormai servono solo il caffè e a pochi giorni dal Natale non hanno nemmeno messo mano alle decorazioni. La sola cosa di cui si sono occupate è stato allevare le solite tre oche bianche destinate a essere cucinate per il pranzo… ma hanno anche permesso a Nuccia, l’adorata nipotina, di dar loro un nome e giocarci tutto il tempo fino a considerarle le sue migliori amiche. Ma c’è un’altra sgradita sorpresa che attende Costanza: la mamma ha affittato la stanza sopra la rimessa a un uomo di cui nulla si sa se non il nome – Andrej – e il fatto che (forse) lavora come muratore, (forse) è estone e… (sicuramente!) è molto affascinante. Costanza è decisa a riprendersi la stanza mandando via l’uomo misterioso con l’aiuto di Max Bauser, fidanzato dell’amica Annalisa detta Sassi, e si rimbocca le maniche per riuscire a far tutto… Ma molte sorprese ancora l’attendono nei cinque giorni che la separano dal Natale. E intanto, la neve comincia a cadere…

Annunci

8 pensieri su “Virginia Bramati, Meno cinque alla felicità

  1. Virginia Bramati

    Cara Lazzia,

    leggo con colpevole ritardo le divertenti righe che hai dedicato ai miei libri.
    Grazie di avermi dato un’altra possibilità dopo aver letto la mia ‘neve’.
    Magari al prossimo mi andrà meglio.
    In ogni caso mi hai fatto ridere.

    Con simpatia.

    Virginia Bramati

    P.S. se deciderai di organizzare i seminari sui farlocchi dimmelo, eh, che io partecipo.

    Mi piace

    1. oh ma scherziamo? l’Autrice in persona!! io sono basita. sono anche onorata, che si sappia! e quanto è caruccia la risposta della Virgi?? proprio assai. e alora due cose. la prima: quando organizzeremo il seminario tu sarai l’ospite d’onore e ti coccoleremo a dovere. la seconda: l’indirizzo per il mondo dei tuoi libri, please? grazie di todo, continua a farci sognare.

      Mi piace

      1. Virginia Bramati

        Cara Lazzìa,

        sappi che ho fatto leggere le tue rece anche all’editor di Mondadori che mi ha seguito in entrambi i libri e anche lei molto ha riso.
        Per le prossime ristampe faremo cambiare i calzini a Sassi, promesso.
        Non avevamo ben valutato le conseguenze!

        Al prossimo libro!

        La Virgi

        Mi piace

  2. Otti

    ehi, diciamocelo, se Lazzìa ci recensisce così un romanzo c’è assolutamente il caso che – al momento opportuno della nostra lista – ce lo infiliamo dentro e ce lo leggiamo con goduriosa approvazione! 10 e lode alla Virgi per l’autoironia, me la leggerò comunque anche solo per questo 😉

    E Lazzìa è sempre Lazzìa!

    Mi piace

  3. Virginia Bramati

    Care,

    vi informo che è uscito il mio nuovo libro ‘E se fosse un segreto?’.
    Non è che mi volete privare di una vostra rece, vero?

    Attendo con ansia.

    Un abbraccio.

    Virginia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...