Michele Primi – Tragedie e misteri del rock’n’roll #rock

…mentre va avanti il tour in supporto dell’album King & Queen [Otis Redding] continua ad aggiungere strofe alla sua nuova canzone, (Sittin’ on) The Dock of the Bay, scrivendo ovunque si trovi e usando i fazzoletti dei ristoranti e i bloc notes degli alberghi. Il 22 novembre del 1967 entra negli studi della Stax a Memphis insieme al suo chitarrista Steve Cropper e registra il pezzo. Torna l’8 dicembre per completarlo, ma non ha ancora finito di scrivere il testo. Mentre la canzone sfuma registra un fischio, con l’intenzione di tornare in studio e cantare l’ultima strofa. Non ci tornerà mai più, e il fischio di (Sittin’ on) The Dock of the Bay rimane nella storia della musica.

_______________________________________________

Pensavo di trovarmi di fronte a un’interessante disamina delle più (o meno) note tragedie e misteri del rock; invece questo libro mi è parsa una semplice raccolta a schede di una settantina di artisti morti in situazioni tragiche o misteriose. Due, tre, massimo quattro pagine per artista, decisamente non ho trovato granchè di esaustivo nè di nuovo. E un po’ di frasi sembrano prese direttamente da Wikipedia.
Consigliato solo se proprio non sapete nulla del rock e avete voglia di farvi un’infarinatura generale, o come regalo per qualche giovanissimo che sia attratto dalla musica e non abbia ancora mai sentito parlare della leggenda di Robert Johnson che vendette l’anima al diavolo in cambio del dono del blues, o della fatalità di quel “giorno in cui morì la musica”, nel 1959, quando cadde l’aereo di Buddy Holly.

Massimo Arena

Lennon legend – Vita illustrata di John Lennon – James Henke #JohnLennon #JamesHenke

Editore: Rizzoli
Collana: Musica
Anno edizione: 2010
Pagine:63 p., ill. , Rilegato

Una serie di favorevoli circostanze mi ha portato alla lettura di questo volume sulla vita di John Lennon in seguito alla visione di un recente documentario trasmesso in tv. E mi sono resa conto di sapere ben poco dell’artista che è stato e della vita che ha vissuto al di là delle apparizioni pubbliche. Ho ancora molto da indagare e scoprire, ma per lo meno questo volume è un buon inizio: il curatore è James Henke, vicepresidente della “Rock and Roll Hall of Fame” ed ex firma della rivista “Rolling Stone”. E’ un piccolo scrigno che contiene ogni ben di Dio, corredato di riproduzioni di testi manoscritti, biglietti, poster, locandine fino alla bandiera di Nutopia (il paese immaginario creato da John e Yoko)!, immagini d’archivio, foto inedite, memorabilia, riproduzioni dei testi manoscritti delle canzoni, carte personali, lettere, e persino 40 facsimili che possono essere estratti dal libro, tra cui alcune rarità dalla collezione privata della famiglia messe a disposizione da Yoko Ono appositamente per questo libro. E’ un’opera che presenta un racconto regolare e non troppo minuzioso dell’esistenza di Lennon, dagli esordi con i Quarry Men, passando per i Beatles, la sua carriera solista e il connubio artistico-spirituale con la moglie. E dulcis in fundo, un cd contenente estratti di interviste varie in cui è lo stesso Lennon a raccontare se stesso ad impreziosire il tutto. Consigliato ai collezionisti, ma anche a chi semplicemente ha voglia di saperne di più, in maniera accattivante e interattiva.

Owlina