La nazione delle piante – Stefano Mancuso #StefanoMancuso #Lanazionedellepiante

*Un libro che ti hanno prestato (poi per favore restituiscilo!)*

“Esiste una disfunzione cognitiva chiamato effetto Dunning-Kruger che induce negli individui poco esperti di un argomento una netta sopravvalutazione delle proprie competenze in quello stesso campo. Per carità non è che prima di Dunning e Kruger nessuno se ne fosse accorto: da Socrate in poi è un susseguirsi di “so di non sapere”, ma evidentemente ricordarlo non è mai superfluo. In ogni caso, meglio sempre affidarsi ai dati oggettivi piuttosto che auto dichiararsi superiori rischiando di cadere anche noi nell’effetto Dunning-Kruger”.

Stefano Mancuso scrive con chiarezza e semplicità divulgativa una breve (otto articoli) carta dei diritti delle piante, ribaltando l’assunto che la Terra ci appartenga per un qualche diritto intrinseco (in quanto vertice della catena alimentare) o per una qualche mal interpretata legge di natura (in virtù di un principio aristocratico per cui saremmo la specie migliore, o in termini darwiniani la più “adatta” a sopravvivere).

“Dei 550 gigatoni (un gigatone è pari ad un miliardo di tonnellate) di biomassa carboniosa sulla Terra, gli animali costituiscono circa 2 gigatoni, con gli insetti che ne formano circa la metà e i pesci che contano per altri 0,7 gigatoni. Tutto il resto, che include mammiferi, uccelli, nematodi e molluschi consiste in 0,3 gigatoni. I funghi, da soli, hanno una biomassa sei volte superiore a quella degli animali (12 gigatoni). Le piante (450 gigatoni) rappresentano oltre l’80% della biomassa della Terra, mentre gli uomini, con i loro 0,06 gigatoni, contano per lo 0,01%. È chiaro che non è in virtù del nostro numero che esercitiamo la sovranità sul pianeta”.

Ogni dichiarazione fatta nel libro è e resta un punto di vista umano, che prova ad empatizzare con un’altra specie vivente incapace di comunicarci direttamente la sua volontà o i suoi interessi. È Mancuso che scrive in vece delle piante e lo fa in parte per tutelare il loro diritto alla sopravvivenza e all’uso delle risorse del pianeta e in parte per tutelare la nostra sopravvivenza in quanto specie messa in pericolo da se stessa.

“L’insana idea che sia possibile crescere indefinitamente in un ambiente che dispone di risorse limitate è soltanto umana. Il resto della vita segue modelli realistici. Il mondo vegetale segue la semplice regola di crescere fin che è possibile farlo, in accordo con la quantità di risorse disponibili. In altre parole, quando i mezzi scarseggiano, la crescita si riduce.”

A volte Mancuso ricorre a forme di proiezione di intenti e scopi tipicamente umani rispetto al mondo vegetale, ma lo fa sempre in modo piacevole, per trovare metafore adeguate a spiegare in termini essenziali le urgenze neglette dei cambiamenti climatici e i non molto rosei modelli di previsione susseguenti.“Essere radicati al suolo, senza possibilità di spostarsi dal luogo in cui si è nati, ha delle conseguenze fondamentali. Le piante non sfuggono di fronte ad un predatore; non vanno alla ricerca di cibo; non si spostano verso ambienti più confortevoli. Gli animali risolvono qualunque problema tramite il movimento, solitamente spostandosi dove il problema non esiste più. Le piante no, le piante sono costrette a risolvere i problemi, non potendo evitarli come gli animali”.

Non è un saggio stricto sensu, nel senso che l’autore enuclea gli articoli della Nazione delle Piante, li spiega molto brevemente e fa qualche esempio storico e biologico per chiarire il punto in questione. Ma a parte una dichiarazione d’intenti iniziale, manca un epilogo che si possa chiamare tale, giusto per fare il punto finale dell’esposizione. È davvero una carta dei diritti e niente di più: chiudere in maniera così netta è una sberla emotiva, anche perché il libro aggancia completamente l’attenzione (nel senso che l’ho iniziato ieri notte e finito stamattina, in mezzo a qualche ora di sonno). Forse questa ricerca di un riepilogo unificatore è frutto della nostra esigenza umana, troppo umana, di schematizzare il pensiero per assimilarlo: in questo Mancuso è stato molto attento a ricalcare la struttura decentralizzata del modello vegetale, sia nella forma che nella logica espositiva. Sembrerebbe quasi che l’autore voglia sfuggire alle conclusioni delle proprie riflessioni, ad esempio un ridimensionamento demografico che possa riportare equilibrio fra le due nazioni (animale e vegetale) e che passa attraverso due mezzi: l’aumento della Nazione delle Piante, che già in passato salvò il pianeta da condizioni peggiori di quelle attuali e la diminuzione della Nazione Umana. Forse è per quest’ultima ragione che il finale rimane un po’ tronco, perché portando alle estreme conclusioni il libro di Mancuso si capisce che l’opzione cooperativa e simbiotica, molto in voga nel mondo vegetale e animale, sia un utopistico traguardo per quanto riguarda il sistema di credenze e comportamenti che caratterizzano la vita umana.

“La forza delle comunità ecologiche è uno dei motori della vita sulla Terra. A qualsiasi livello, dal microscopico al macroscopico, sono le comunità, intese come relazioni fra viventi che permettono la persistenza della vita”.

Stefano Lilliu

Sponsored Post Learn from the experts: Create a successful blog with our brand new courseThe WordPress.com Blog

WordPress.com is excited to announce our newest offering: a course just for beginning bloggers where you’ll learn everything you need to know about blogging from the most trusted experts in the industry. We have helped millions of blogs get up and running, we know what works, and we want you to to know everything we know. This course provides all the fundamental skills and inspiration you need to get your blog started, an interactive community forum, and content updated annually.

Disfida 2019

  1. Un libro con un titolo cortissimo o lunghissimo
  2. Un libro che hai letto con estremo piacere (e dovrai dirci il perchè)
  3. Un classico della fantascienza o di avventura
  4. Una edizione Sellerio
  5. Un’opera che non sia di narrativa
  6. Un libro che parli di un viaggio spirituale, o di argomento religioso
  7. Un libro di una regione italiana (seguirà spiegazione)
  8. Una raccolta di poesia che parli di tutto tranne che di amore. Ebbasta co sta sensibilità!
  9. Un libro che parli di diversità
  10. Un noir veramente cattivo
  11. Un libro di racconti dell’orrore, o di racconti thriller
  12. Un libro che hai comprato almeno tre anni fa e hai scansato troppo a lungo. Siamo alla resa dei conti!
  13. Un saggio su di un argomento di cui non sai ancora una ceppa! Viva l’istruzione permanente!
  14. Un libro che a vent’anni non avresti mai letto. Se hai vent’anni, arrangiati. Ahahah! Se hai vent’anni, un libro che un over 40 che conosci e di cui ti fidi ha adorato quando aveva vent’anni.
  15. Un libro scelto dopo votazione nel gruppo, che tutti dovranno leggere entro la fine di novembre (seguiranno votazione e modalità)
  16. Un libro in cui il/la protagonista è un personaggio di un altro romanzo
  17. Un libro di Neil Gaiman, Margaret Atwood o Jean-Claude Izzo
  18. L’immancabile libro che parla di musica. Può esistere un anno dei 50 senza un libro ad argomento musicale? no dico, può? ennò!
  19. Un romanzo d’appendice
  20. Un libro poco conosciuto di una scrittrice molto nota
  21. Un libro che sia la seconda occasione che dai ad uno scrittore che non ti è piaciuto (non lo stesso libro ma un altro dello stesso autore)
  22. Il testo di un’opera o operetta antica o moderna
  23. Un romanzo ambientato molto molto lontano da te (in luogo o tempo)
  24. Un premio Nobel
  25. Un finalista al Man Booker Prize
  26. Un libro che hai letto veramente veramente in fretta perchè ti è proprio piaciuto e/o lo aspettavi da tempo
  27. Un libro che parli di libri
  28. Un libro che un autore/autrice famoso ha scritto quando era molto giovane (prima dei 25) o molto vecchio (dopo i 75)
  29. Un libro che poi dovrai recensire con almeno 10 righe di commento. AH!
  30. Un libro con un numero o un colore nel titolo
  31. Scegli un argomento che ti interessa, qualsiasi cosa. Ora leggi tre libri che riguardano direttamente o indirettamente quell’argomento, di tre diversi autori, di tre diversi generi: narrativa, saggio, graphic novel, poesia, quello che ti pare. 1
  32. Vedi punto 31 ( 2 )
  33. Vedi punto 32 ( 3 )
  34. Un’opera di Shakespeare
  35. Un romanzo psicologico, o un romanzo che usa la tecnica del flusso di coscienza
  36. Un libro ambientato nella stagione in cui lo stai leggendo
  37. Un libro dal quale hanno tratto uno dei tuoi film preferiti degli ultimi 5 anni.
  38. Elenca due identità che non ti appartengono (sesso, genere, religione, nazionalità, razza). Ora scegli due libri che rappresentino una di queste identità. 1
  39. Vedi punto 38 – 2
  40. Un libro di letteratura slava che non sia Russo
  41. Scegli un autore che ti è sempre piaciuto, e leggi la sua biografia, o autobiografia, o un romanzo che lo abbia protagonista, o un saggio che parli della sua opera.
  42. Uno scrittore o scrittrice italiano/a poco noto/a.

Dal 43 al 50 titoli a scelta. Oppure:
43 -Un romanzo corale
44- Un libro che parli di politica
45- Sei hai più di 3o anni, un romanzo che ti venga consigliato da un adolescente. Se ne hai meno, un romanzo che ti consigliamo noi over tutto.
46- Un libro che parli d’amore (non un romanzo rosa)
47- Una delle biografie recensite dal New York Times o dal New Yorker
48 – Un libro che parli di arte
49- Un libro che appartenga a una serie
50- Un libro che una persona di cui ti fidi dovrà scegliere per te, sapendo che tu probabilmente non lo sceglieresti mai in autonomia, eppure confida che potrà piacerti.